13754468_515107052032331_7164442215166990060_n.jpg


Quale era il vostro gioco preferito da bambino? Quello che ogni tanto ricordate con nostalgia e piacere???? Anche voi facevate pace con il mignolino ???
Gli allegati possono essere visualizzati solo dai membri del Club-50plus.
...23...
Proprio ieri parlavo con un amica di tutte le volte che da bambine correvamo, ci ribaltavamo, ci alzavamo con le ginocchia sbucciate e poi via, a correre ancora. Se capita adesso, ohi ohi.
Io non mi ricordo del gioco del mignolino, probabilmente ti riferisci ai giochi di quando eravamo piccoli piccoli; mi ricordo invece le filastrocche che mi cantava mia mamma...'150, la gallina canta...'....'deo deolin, questo va per vin'....oppure le canzoni che mi cantava mio padre 'è arrivato l'ambasciatore, con la piuma sul cappello'....
Con mio fratello da piccolissimi giocavamo con le bilie, facevamo delle piccole piste sulla terra; oppure con le figurine, a chi la tirava più lontana. logicamente vinceva sempre lui che è più grande di me di qualche anno.
Poi, da più grandicelli , avevamo più amichetti della nostra età, giocavamo a palla, a bandiera...
Una volta, un anno fa circa, ho chiesto a mio fratello se si ricordava dei giochi che facevamo quando eravamo piccolissimi, lui mi ha risposto di No.
A ognuno resta impresso altri particolari.
Comunque quel che ricordo di quando ero piccolissima (3-6 anni) è questo.
Nato in epoca di boom economico e delle nascite, nelle mie due palazzine (16 appartamenti) di una strada privata c'erano 14 bambini più o meno coetanei con cui giocare. Avendo un marciapiede che faceva il giro delle palazzine, giocavamo spessissimo a gare di automobiline.
Mi ricordo bandiera, nascondino e palla battaglia, il mio preferito, ma forse lì ero già più grande.
Il mignolino per fare pace me lo ricordo, e si usava anche quando si diceva contemporaneamente la stessa frase mi sembra....
Bastava un nulla...ricordo il gioco con i noccioli di pesca (5) ma potevano essere anche sassolini o conchiglie,servivano abilità e velocità il gioco consisteva nel gettarne in alto uno e cercare di prendere gli altri prima che cadesse oppure il gioco con lo spago, è incredibile quante forme riuscissimo ad ottenere con un semplice cordino annodato.
E poi mi viene da sorridere ripensando ad un gioco che avevamo inventato alle elementari che si chiamava "tose ciapa tosati" (ragazze acciuffano ragazzi) e che giocavamo durante la ricreazione, i maschietti scappavano e noi dovevamo prenderli,alla fine della ricreazione facevamo la conta tra chi di noi femminucce na aveva acciuffati di più e devo dire che essendo dei bimbi ruspanti e un pò selvatici scalciavano e tiravano certe gomitate!
Un infanzia divisa tra 2 mondi estremi e completamente diversi(1-6anni) al Cairo e tutto ciò che aveva ruote e/o velocità mi attirava, ricordo che iniziai con una bici verde rigorosamente di seconda mano e appena tolte le due rotelle “di sostegno”.mi ero aggregata alla " ,gang " di quartiere per poi dare il via alle corse, direzione zona piramidi fino a dove finiva l'asfalto poi a piedi a chi arrivava per prima alla "Sfinge", un caaldo, ca +40 °, una seete , quante sbucciature.e croste per le cadute...! Ero cosparsa di " Mercurochrome"..... Ne valeva però la pena poichè si aprivano scenari da brivido...con prospettive sempre mutevoli (non abitavo tanto lontano dalle piramidi )
( dai 6 in su ) da un estremo all'altro ,a Berna, - 15/20 ° un freeeddo... l'aria pungente ma ancora ruote e velocità, la mitica BMX che mostravo alle bambine vestite bene , di rosa ( con Graziella rosa) e con orgoglio.!, pattini a rotelle, pattini sul ghiaccio, .discese spericolate con il mitico sacco nero "da munnezz..." e giù dai monti innevati con la combricola spericolata essi, perchè quello ero, quanti litigi e strette di mignoli per chi stava davanti sui sacchi...... il tutto mi dava una grande sensazione di avventura e libertà !
A me piaceva molto giocare con mio fratello con le costruzioni...i mattoncini colorati...inventavamo strade case ponti. Poi litigavamo perché costringeva me a mettere a posto tutti i mattoncini adducendo che siccome più grande poteva darmi ordini:)...e ce le davamo di santa ragione perché mi ribellavo:). E mia sorella serafica andava da mia madre a fare la spia:).
cron