Pubblicato su BiorXive uno studio in cui si evidenza che il coronavirus possa infettare l'uomo attraverso la proteina neuropilina-1 (NRP1) questo secondo gli studi condotti all'università di Bristol.
Questa è una proteina presente sulla superficie delle cellule di molti tessuti

Più si studia e più si scopre quanto sia pericoloso, infatti alcune sequenze di amminoacidi sono riconducibili ad altri virus molto ben conosciuti dai virologi, quali Ebola, Hiv e la Mers.