Devo ammettere che la vignetta di Clarlie Hebdo sul nostro terremoto all'inizio non l'avevo capita...poi invece stato chiaro il messaggio e l'immagine che la rivista ha di noi italiani e delle motivazioni dei nostri cataclismi. Ovviamente un'immagine stereotipata...gli italiani sepolti tra pasta lasagne e mafia. La vignetta ha suscitato indignazione. Sicuramente di cattivo gusto. Ma Charlie Hebdo notoriamente non fa sconti a nessuno...neanche ai propri morti. Duro crudo sarcastico...nella sua brutalità resta cmq fedele a se stesso.
Ho trovato più fuori luogo la pubblicità del min. Salute sul problema fertilità....quella clessidra che scandisce il tempo...ansiogena e colpevolizzante le donne che prima della scadenza biologica non facciano figli. Pare che il ministero ora cerchi di metterci una toppa:) consapevole che il messaggio di incentivo alla procreazione non sia stato altro che un incidente di percorso:)
smettiamola con questo masochismo strisciante che giustifica sempre gli altri e mette sotto i piedi la nostra dignità. Dobbiamo rispettare la libertà, il sarcasmo, l'islam, il burka, ecc. Capire le bombe, la religione, la cultura, la rabbia, e via di seguito. No, non ci sto. Quando cominceremo a dire che anche noi abbiamo qualcosa che gli altri devono rispettare? quando cominceremo a difendere quello che abbiamo e quello che siamo? o tutto quello che ci identifica lo dobbiamo buttare nel cesso, morti compresi?
Quelli di Hebdo saranno anche fedeli e se stessi. Bella roba! Posso dire che a me fanno schifo? Mi concedete questa libertà? Non imbraccio il mitra, ma ne avrei tanto voglia. I limiti vanno rispettati. Chi li supera commette una violenza. Non è solo quella sulle donne che deve far notizia e suscitare ribellione.
Mi spiace io non ho questo spirito di sottomissione e non svendo quello che i miei vecchi mi hanno trasmesso, valori, rispetto, dignità, identità.
La comprensione, le spiegazioni, in questi casi, scusatemi, ma me l'attacco al ... 
Ben tornato... chi giustifica cosa?
Io personalmente non giustifico, ma non essendo in preda a una comunicazione emotiva, mi limito con razionalità a riportare una notizia.... poi, le mie emotività le traduco in azioni su quello che non mi sta bene, i bla bla bla non mi interessano molto.
Ieri a piazza Farnese, davanti all'ambasciata di Francia, c'era uno spontaneo sit in di protesta. Il governo francese si è limitato a scusarsi... il giornale ha piena libertà di azione perchè non c'è censura. Dopo convenevoli scambi di disappunto sulla vignetta tra i governi... tu cosa proponi CONCRETAMENTE di fare?
A me interessa poco cosa all'estero pensano di noi e delle nostre sciagure, mi piacerebbe di più sapere perchè ancora paghiamo per il terremoto in Belice, perchè quella povera gente ancora vive in casette fatte con eternit e ci muore... perchè all'Aqula le casette new town crollano sulla testa della gente e di ricostruzione in centro, luogo pulsante e vitale, non se ne parli.
Ecco, questo il mio pensiero. Poi, io stessa ho visto l'unico bene che avevo, ossia una casina a Pescara del Tronto cadermi davanti... e fortuna non ho morti da piangere, se non una frustrazione nel vedere i volti e pensare al futuro di quella gente. Finita conversazione con le FS:-))
Cons Cons sai bene che sono un'amante di satira , vignette ecc e come tale l ho interpretata a modo mio, ( per altri può essere giusto o sbagliato non lo sò )
ma se all’epoca abbiamo difeso la libertà di espressione,senza neanche conoscere la rivista.
(me compresa) adesso come al solito,vengono toccate le corde più nascoste e si fà fatica a coglierne il senso.
Ho tentato , come sempre faccio nelle mie interminabili.... ricerche di vignette ecc di capirne la sintesi, di un pensiero..., di un concetto..... e non soffermandomi solo alle immagini.
Chi le legge e pensa che l’abbiano fatta per deridere i morti beh ha capito ben poco
(scusatemi, non faccio la saputella, ma vignette , satira, immagini ,e web, fanno parte della mia quotidianità, ne vado a caccia e mi resta solo il copia e incolla sperando di regalare qualche sorriso!
Tornando ai fatti, Siamo capaci di piangere i morti dopo.... e di non fare nulla! , in altri paesi li prevengono,secondo me il senso di quelle vignette parlano di paesini costruiti anni e anni orsono e nessuno ma proprio nessuno ha fatto nulla per metterli in sicurezza.
Il nostro caro Renzi, invece di andare.... dopo... !!. ecco..... sui luoghi del terremoto, doveva andarci PRIMA e far mettere a posto le cose . Penso sia quello il senso
Colpisce i potenti, in questo caso attraverso ahimè le vittime del sisma
La verità è che forse tolleriamo solo la classica satira su misura.... che va bene quando non ci riguarda, quando non tocca i nostri valori o, peggio, i nostri cari. e dà fastidio quando si trasforma in satira pungente


Ma ahimè il nostro paese .......( e questa la metto mi ) :mrgreen:
Gli allegati possono essere visualizzati solo dai membri del Club-50plus.
Siamo gente dalla facile emozione e solidarietà... e questo è bello, ma purtroppo poi dimentichiamo... e tanti veli cadono su vicende che ci riguardano.
Ho seguito la vicenda terremoto.... ovviamente ampio spazio su giornali e tv... addirittura sky aveva aperto un canale dedicato, in cui h24 c'erano scene, interviste, simulazioni su possibili case antisismiche... dossier molto dettagliati.... struggenti e interessanti ... ma poi che succede? Altri giornali sono riusciti addirittura a focalizzare l'attenzione sul primo funerale, quello ad Ascoli Piceno, immortalando la sig.ra Renzi che stringeva la mano a Di Maio... mentre Renzi no e quindi tutta una dietrologia su significati reconditi. Etc.... insomma, tanti ricami ...
E poi tutta la faccenda sulla normina di Vasco Errani... era già finita la pace tra i partiti e la nomina dell'Ex presidente della Regione Emilia Romagna, era motivo di dissidi. Ecco, ci commoviamo giustamente, solidarizziamo giustamente ma poi tutto torna nell'ombra, fino al successivo cataclisma che riapre ferite passate mai sanate
Tho, ben tornato Ultimotreno !
Capisco Ultimo Treno, a volte viene il sospetto che siamo tutti troppo impegnati a capire piuttosto che a reagire.
Però non in questo caso - le vignette satiriche possono essere di cattivo gusto, possono non piacere ma illustrano decisamente la situazione.
Sul terremoto, io non condivido l'idea di Gioia su Renzi - secondo me sono gli amministratori locali in primis che devono preoccuparsi del benessere delle persone. Poi le Città Metropolitane, come si chiamano adesso, poi le Regioni e per ultimo lo Stato che dovrebbe versare soldi su progetti presentati.
Versiamo ancora i soldi per il Belice, perchè in Friuli allora è stato tutto ricostruito? Perchè all'Aquila c'è la situazione che sappiamo e in Emilia invece la ricostruzione c'è stata?
Dando per scontato che siamo un paese dove la mafia è presente dappertutto, ho come l'impressione che ci siano 2 mafie: al nord di serie A, dove le cose/case si ricostruiscono, dove si fanno le strade mangiandoci su tanto, ma finendole e rendendole relativamente sicure, e una mafia di serie B al centro sud, dove ci si mette una vita a ricostruire, le strade non si finiscono....insomma ho reso l'idea.
Però secondo me la colpa è prima di tutto degli amministratori locali. Se tu permetti, come mi sembra sia successo anni fa in Calabria, di costruire un campeggio in un letto asciutto di torrente, è ovvio che prima o poi venga spazzato via; così come in Liguria, devastata da disastri dove di naturale non c'è proprio nulla; se usi i soldi per la messa in sicurezza del campanile nella chiesa, è scontato che al primo terremoto il campanile venga giù, idem per la scuola.....
Un paese di 2650 abitanti, in zona sismica, è così difficile da gestire? Si può dire che non ci sono i soldi, è vero, ma in realtà in italia non c'è la cultura della prevenzione.
Hai reso eccome Ninè, hai approfondito e penso sia proprio tutto l'insieme messo nel pentolone che abbia dato vita alle vignette in oggetto e nelle loro sfumature vedo anche quel funerale all'insegna dello sfarzo, quando piovvero petali su Roma. con tanto di colonna sonora a tema ecc..... :(