Si, confermo ho 52 anni, … non 16  
Qualcuno mi snobberà, qualcuno mi dirà cresci, qualcun’altro “ma che ci fai qui”
Sono arrivato qui in cerca di consigli, pareri, strigliate, e tutto quanto mi può arrivare
Divorziato da 8 anni, convivente da 7 Ma mi porto dentro un amore mancato che non mi lascia mai, mai da 30 a questa parte, un vecchio amore di gioventù , durato poco ,un annetto, poi strade divise, sposati e mai più rivisti fino ad una decina di anni fa, io in crisi con il matrimonio, lei affermata, casa, figli, bel marito, decidiamo di vederci vis a vis x una cenetta, poi un altra , belle serate, bella conversazione anche molto intima, terza serata sempre ottimo clima, al che dopo qualche giorno via chat mi sbilancio in qualche affermazione intenta a voler “approfondire” le nostre uscite “clandestine”.

 Qui trovo una risposta ambigua del tipo “mi imbarazzi” poi più nulla x qualche settimana.
Mi rifaccio vivo e ottengo un “ avresti dovuto osare”; confusione totale… poi silenzio.

Conosco nel frattempo altre persone, una molto speciale (la mia attuale compagna) e tutto bene ..vissero felici e contenti , fino ad un mese fa.

La rincontro ad cena tipo “il grande freddo” , vecchi compagni di scuola amici di amici, e il destino ci mette sempre lo zampino, ok ci sono io, c è lei, freddissima, neanche fossi un esattore di equitalia, …52 anni e che cavolo mi frega, mi faccio avanti saluti, come va, come non va, come stanno i figli, risposte stringate, …poi lancia la bomba: sai mi sono separata!!
E che cazz, me lo sentivo, una specie di sesto senso, comunque la serata prosegue senza nulla di che, si va ai saluti canonici, e mi lascio sfuggire un “non perdiamoci di vista”.
Qualche giorno dopo un amico comune mi comunica della Sua nuova iniziativa imprenditoriale, e siccome io offro servizi in svariati campi le scrivo una mail complimentandomi per l’iniziativa lavorativa, il tutto in maniera molto professionale e “distaccata”.
Risposta: ti ringrazio avrò sicuramente bisogno, ma al di là del lavoro, “non perdiamoci di vista”!! E qui, cosa dovrei pensare? Mera frase di circostanza? frase sibillina atta a…..
Certo che, sono leggermente “confuso”, la mia testa mi dice: lascia stare, lascia perdere,
il problema è il cuore ( assolutamente non un altra parte del corpo).
Ok ora scatenate l’inferno, e scusatemi per l’eventuale inopportunità di questa mia all’interno di questo gruppo.
Ciao! Scusarti di che? Se alla fine ti ha scritto "non perdiamoci di vista", probabilmente vi incontrerete di nuovo e vedrete come vanno le cose. Certo che sembra un film, ma a volte la vita E' un film. In bocca al lupo!
Due cose

1) Sarà anche ora che "consumiate" 'ste nozze mancate!
2) A consumo avvenuto verranno fuori le differenze di due vite diverse, distanti -magari non chilometricamente ma qualitativamente sicuramente si-, anonime reciprocamente.
I ricordi sono un collante effimero se non corroborati da altrettanti presenti.
Sono come le parentele; se relegate alla formalità dell'atto di nascita e di genitori comuni, perfino due fratelli si ritrovano estranei una volta esaurite le formalità. La vs formalità è una sana, breve, feroce, atletica. gagliarda, romana et imperiale relazione. Avete ancora l'età per littorie scintille e marziali amplessi. Poi...vale la chiusa di Via col vento.
E, siccome invidio cotanta pulsione, ti dedico una musica premonitrice

https://www.youtube.com/watch?v=33PvcV3KAgM
Anch'io invidio "cotanta pulsione"! :lol:

...Per il resto condivido quanto detto da Babbo sul fatto che certamente la vostra rispettiva vita di questi lunghi anni vi risuonerà in qualche modo estranea, ma questo non preclude sviluppi futuri su un nuovo terreno comune e "familiare" .....in fondo la vita è adesso. Potrebbe però anche essere che tu ti renderai conto che in questi anni sei rimasto attaccato più a un ideale che non a lei... in fondo questa donna non l'hai praticamente "vissuta".... penso sia tutto da vedere.
Grazie per le risposte,
:D :D noto una "nota ironica" in babbo , ma ci stà, e l'accetto di buon grado,
infatti trovo che sia indubbiamente leggermente stupido ed infantile come dice Gio,
rimanere legati più ad un idea che ad una situazione reale.
Ma come presumo anche da Vs esperienze vissute, ai sentimenti ed alle pulsioni non ci è dato potere di scelta, arrivano improvvisi, e non siamo noi a scegliere il quando ed il chi, alcune di queste "sensazioni" sono effimere e passeggere, altre più profonde e rimangono radicate anche se non dovrebbero, ma sono il sale della vita, ci fanno sentire bene e male nella stessa misura, soprattutto nell'età che dovrebbe essere della ragione.
Sicuramente la donna che ritrovo ora, non è più la ragazza di un tempo, meno ingenua, più affettata, probabilmente meno vulnerabile a facili "colpi di fulmine" o "ricadute :-) :-), e le mie doti di seduttore sono oramai svanite con l'avvento delle rughe della pancetta, e di una certa indolenza.
Ma la tentazione rimane forte, curiosità, affetto, senso del proibito...resto in attesa, ora ci sono ancora le vacanze in ballo, vediamo se al rientro,
quel "non perdiamoci di vista" avrà un seguito

vi auguro una buona giornata
Caro 52, io non trovo affatto stupido e infantile rimanere attaccati più a un'idea che a una situazione reale....semmai può diventare pericoloso per noi stessi. Ma, a parte il fatto che io sono sempre stata la specialista di questi amori-proiezione (ora forse meno).... a parte questo, penso sia una della cose più umane di questo mondo.... il sogno non viene infranto dalla realta, possiamo "affibbiare" alla lei-lui in questione la chiave di una felicità che sappiamo bene essere tanto difficile trovare nella vera realtà con un' altra persona.... anche se per fortuna qualche volta accade (la felicità Reale). Anzi ti dirò, credo che chi più sa sognare e ha bene in mente l'amore abbia tanto più la tendenza a questi innamoramenti un pò fantasma. Comunque non trovo nulla di strano né assurdo nel tuo racconto, ti capisco bene e ti ri-auguro in bocca al lupo! Facci sapere il prosequio se vuoi-puoi. Ciao!
Amico mio,
il Destino ti ha dato un'altra mano di carte per "andare a vedere".
E tu puoi fare UNA SOLA cosa: andare a vedere.

I miei migliori auguri.
Gio1234 ha scritto: Caro 52, io non trovo affatto stupido e infantile rimanere attaccati più a un'idea che a una situazione reale....semmai può diventare pericoloso per noi stessi. Ma, a parte il fatto che io sono sempre stata la specialista di questi amori-proiezione (ora forse meno).... a parte questo, penso sia una della cose più umane di questo mondo.... il sogno non viene infranto dalla realta, possiamo "affibbiare" alla lei-lui in questione la chiave di una felicità che sappiamo bene essere tanto difficile trovare nella vera realtà con un' altra persona.... anche se per fortuna qualche volta accade (la felicità Reale). Anzi ti dirò, credo che chi più sa sognare e ha bene in mente l'amore abbia tanto più la tendenza a questi innamoramenti un pò fantasma. Comunque non trovo nulla di strano né assurdo nel tuo racconto, ti capisco bene e ti ri-auguro in bocca al lupo! Facci sapere il prosequio se vuoi-puoi. Ciao!


Guarda, hai ragione, innanzitutto sul diventare pericolosi per noi stessi,e  sotto diversi aspetti.
In quest ultima settimana, complice la ripresa tambureggiante del lavoro, ho avuto modo di fare pensieri più razionali, e credo che quel "non perdiamoci di vista" possa essere  puramente una cortese frase di circostanza.
 
Anche se..come risposta "disinteressata" sarebbe stato meno equivoco un: ok grazie, arrivederci

E' qui che volevo il Vs parere di donne, nel senso: se non ti interessa rivedere una persona con la quale hai avuto certi trascorsi, e RI-trascorsi, e  non vuoi alimentare alcunché  metti bene in chiaro le cose! giusto?
Altrimenti se non lo fai, è chiaro che sei consapevole del fatto che dall'altra parte una frase del genere viene vista come un segnale "di apertura" .

O stiamo (sto) cercando di vedere ,QUELLO ,CHE VOGLIO, VEDERE!?????

 Buon fine settimana

 
Ne approfitto per chiarire e poi, sebbene maschietto -oddio; sarà così?-, do una personale versione.
L'ironia era del tutto bonaria e soprattutto istrionica

-io sono un istrione
ma la teatralità scorre dentro di me
Quattro tavole in croce e qualche spettatore
......- Grande Aznavour!


Il tentativo era quello di suggerirti leggerezza d'intenti lasciando scorrere la vita in te e senza aspettative o costruzioni artificiali -immaginari prosiegui già definiti-
E qui torniamo.
A mio parere non ci sono risposte alle tue domande! Perlomeno risposte che si scostino dalla vaghezza di dati medi, stime sociologiche di comportamento.
Mediamente un campione intervistato da una certa risposta e questo diventa un riferimento con cui parametrare le proprie esperienze. È come la colonna parallela a quella dei tuoi dati di analisi mediche. Sono dati medi sul campione analizzato che dicono che la Birilubina, la Ves, i globuli bianchi, il colesterolo buono e quello cattivo, le piastrine ecc ecc; mediamente danno certe misure e tu confronti i tuoi risultati con loro. Questo non vuol dire che un dato valore che si discosta dal suo omologo parallelo sulla dx evidenzi necessariamente patologia. Il vero riferimento va fatto con precedenti tue analisi. Contemporaneamente, in simbiosi direi, un elenco di valori discordanti con i referenti medi non va sottovalutato e snobbato.
Siamo persone e, citando Vecchioni, "così, così".
Nulle affermazioni perentorie e certezze granitiche ma aggiustamenti con la pulsione a migliorare.
Un gran signore diceva "bisogna essere duri senza perdere la tenerezza", sembra una contraddizione in termini ed è, in realtà, la nostra essenza o il meglio di essa. Ad esempio è il principio fondante dell'evoluzione. Adattarsi procedendo nel vivere.
Personalmente ti consiglio una sana diffidenza in chi, su temi così soggettivi come quelli da te posti, ti traccia binari ferrei e paralleli all'infinito. Innanzi tutto perché è stato dimostrato che all'infinito due rette parallele si incontrano eppoi perché tu sei solamente tu, con singolarità che fanno la tua meraviglia al mondo. Tue sono le aspettative e conseguenti reazioni, tua la storia ed il suo futuro , tuoi dubbi e certezze, cambiare idea, scrivere le pagine della vita e, concludendo; tuo è ciò che vedi dentro questa storia che somiglia sempre più ad una favola. Nelle favole non ci sono domande; quelle sono state poste prima e la favola non è altro che una delle possibili risposte.
Non trovo nulla da eccepire su quanto ti accade, siamo vivi e quando c'è di mezzo quel muscolo chiamato cuore tutto può accadere e a qualsiasi età. Tuttavia c'è un ma... Non so se mi sia sfuggito o se io abbia capito male le premesse ma possibile che tra i vari "vivitela" e "prova" nessuno abbia pensato che a casa hai una donna che ti aspetta???
Ottima osservazione,
gentilissima NonnaSimona, non credere (mi permetto il Tu, spero mi sia consentito) che la cosa non mi "disturbi" parecchio, ma il cuore è veramente un bastardo, non obbedisce assolutamente al cervello, e ne prevarica le competenze, tu sai che è "sbagliato" anche il solo pensare, ma non riesci a  farne a meno.
Purtoppo o per fortuna siamo vivi ....

https://www.youtube.com/watch?v=J1IT9WqI7zA 
Nonna Simona; direi "colpito e affondato"
Già; in queste cose non c'è mai una sola cosa netta e limpida. Le scelte individuali si estendono per contagio anche ad altri e questi, soprattutto se ignari (vedi l'altro post di Rossella VI), credo vivano una situazione devastante nella sua totalità. Non ti crolla solo il mondo addosso, tu stesso crolli assieme.
Direi che hai perfettamente ragione e questo apre un altro fronte, forse più urgente, al nostro eroe incompreso e/o indeciso.
E devo dire, caro 52Discomusic, che la tua risposta all'obiezione di Simona -che tardivamente faccio pure mia perché corretta e rispettosa del "sentire" dell'altra protagonista- è perlomeno sfuggevole.
52discomusic ha scritto:
E' qui che volevo il Vs parere di donne, nel senso: se non ti interessa rivedere una persona con la quale hai avuto certi trascorsi, e RI-trascorsi, e  non vuoi alimentare alcunché  metti bene in chiaro le cose! giusto?
Altrimenti se non lo fai, è chiaro che sei consapevole del fatto che dall'altra parte una frase del genere viene vista come un segnale "di apertura" .

O stiamo (sto) cercando di vedere ,QUELLO ,CHE VOGLIO, VEDERE!?????

 Buon fine settimana

 


Qui dipende dalla natura di lei: da quanto è scrupolosa, attenta agli altri e alle aspettative che con le sue parole ripone in loro. Oltre al fatto che magari è confusa anche lei
52discomusic ha scritto: Ottima osservazione,
gentilissima NonnaSimona, non credere (mi permetto il Tu, spero mi sia consentito) che la cosa non mi "disturbi" parecchio, ma il cuore è veramente un bastardo, non obbedisce assolutamente al cervello, e ne prevarica le competenze, tu sai che è "sbagliato" anche il solo pensare, ma non riesci a  farne a meno.
Purtoppo o per fortuna siamo vivi ....

https://www.youtube.com/watch?v=J1IT9WqI7zA 


Certo il cuore è bastardo, perfettamente d'accordo, tuttavia non siamo fatti solo di cuore ma anche di testa e di valori. Certo vivitela, giustissimo, ma prima fai quello che qualsiasi persona corretta farebbe: lascia la tua compagna!
@ 52discomusic

Condivido ciò che ha detto Simona, ! Se decidi di cambiar strada, lascia la tua compagna e aggiungo, " in ogni passo che fai , troverai sempre frecce che ti indicano strade diverse, il destino ha molta più inventiva di noi quindi :
Spiega le tue ali e và dove ti porta il cuore...... ( in cardiologia :lol: ) scherzo eh !,
Cerca di rispettare la tua attuale compagna senza tenere un piede in due scarpe, sono transizioni molto delicate....