Porello claudio..... consapevole della sua triste situazione. quindi, se ho capito bene esisteva già " l'uomo zerbino ...."
In definitiva il succo del discorso è se sono le donne del passato più vogliose di quelle di oggi e in che rapporti erano con gli uomini rispetto agli uomini di oggi... per quanto ne so in quell'epoca la omosessualità e la bisessualità tra uomini e donne era assai diffusa, anche in epoca Greca, non per niente, prendere il culo a qualcuno/a è detto "amore alla greca".
Da ricerche scientifiche antropologiche, è emerso che in epoca dell'uomo preistorico, gli uomini rapivano la donna e gli davano una botta in testa facendole perdere coscienza e poi la possedevano e non si rendevano conto che alla donna se cosciente, poteva piacere il fatto di accoppiarsi. Da questo si deduce che nel corso della storia, gli uomini, hanno sempre trattato le donne come oggetti e le hanno sempre violentate, sin dalla preistoria e che poi nel corso della storia, quando conquistavano un territorio e razziavano, stupravano le donne e ancora in alcune parti del mondo, questo succede ancora oggi,
ora, prima di proseguire con livia, la sua stramaledetta fattucchiera la cui figlia urgulanilla sposera' l'imperatore claudio dopo che livia, la nonna, ebbe ucciso l'unica donna mai amata da claudio, col veleno la sera prima delle nozze....
uff periodo troppo lungo.
dovevo usare la punteggiatura, mannaggia a me...
vorrei tornare un attimo sulla figura dell'amatissima giulia.
amatissima ma col padre bacchettone, ottaviano augusto, imperatore.
vediamo di capire il perché della fregola scopereccia fuori misura della sventurata giulia.
le donne romane coltivavano la virtu', in pubblico.
ma era una societa' di derivazione contadina, dopo tutto.
man mano che l'impero si estendeva, cosi' come e' avvenuto in italia con la tv, e il contatto con altri popoli, quelle che erano virtu' divennero per le sanguigne romane una vera rottura di balle.
in questo senso, l'uso di mariti altrui era pericoloso, come adesso, pero' c'erano schiavi, servi, soldati, gladiatori e avventizi a profusione tra i quali poter trovare la compagnia di una sera.
l'asfissiante morale cattolica non le faceva sentire colpevoli, almeno le prime 2 volte che pucciavano, come accade alle moderne sciure.
riflettete, donne: che cos'è l'invocato colpo di fulmine, quello che ti porta ad atteggiare le dita dei piedi a mazzolino di fiori mentre strani suini acuti t'escono dal profondo della gola?
semplice: un giustificativo morale alla voglia ormonale fuori controllo.
in soldoni: ho 2000 anni di condizionamento culturale pesantissimo sul groppone e se non tiro in ballo qualche giustificativo, prima per me, poi per la comunita' amicale piu' intima, io mi sento colpevole di azioni turpi.
:D
dio vi benedica
:D
a roma antica, ed in corea moderna, non avevano questa necessita'
infatti la corea e' un posto fantastico dove si bada al sodo e a nient'altro. maschi, femmine e omosessuali.
la pedofilia praticata come istituzione dai greci antichi c'era, ma era molto piu' discreta.
i discepoli, maschi e femmine, era normale che diventassero fidanzati dei loro insegnanti, ma a roma c'era da stare molto piu' schisci.
giulia e', per me, un'eroina.
cornelia, madre dei gracchi, era sicuramente una madre modello, ma non c'è da essere altrettanto sicuri che lo fosse altrettanto come moglie.
giulia, dalle forti pulsioni, era costretta a grattarsi le sue prurigini muliebri di nascosto, insieme alle amiche piu' fidate, ma oggi?
al massimo le donne in vena di sensazioni forti vanno nei prive'... e non e' la stessa cosa.
affatto.
io adoro giulia
perché era una persona vera.
non perché gareggiasse con le prostitute professioniste ba chi accogliesse nelle sue intimita' piu' uomini possibili, no
ma perché si ribello' al perbenismo un po' gretto del padre
a costo di tutto, voleva essere lei.
d'altra parte il padre la' puni' severamente, pur non cessando di amarla in modo esagerato, straziante, per intensità.
ma la puni'.
beh, in fondo e' anche la mia storia personale, con la mia figlia adottata.
amo giulia e capisco augusto
abbiamo storie simili, ed e' una gioia ed una sofferenza nello stesso tempo
lo so bene
Niick, dici che adori Giulia e che per te è un'eroina, .la domanda che mi sorge spontanea è:
sei mai andato sull' isola di Ventotene a Punta Eolo a visitare i resti della villa :?:
in realta' no
a me piacciono le persone come lei, magari le e' capitato di esagerare col sesso, ma poteva con qualunque altra cosa,
iopoi non so se fosse una donna borderline, non c'era la psicanalisi ancora.
pero', e' istintivo per me volerle bene
a prescindere.
tra l'altro, non essendo cattolico, ho molto lavorato su me stesso per evitare di giudicare le persone in base a favore di chi si tolgono le mutande.
sport molto praticato, sia in questa piccola cittadina di provincia sia dappertutto.
no, non e' quello della liberta' sessuale sua che mi e' piaciuto, ma di come se ne sia fottuta e abbia fatto cio' che voleva
non so se mi spiego, come disse il paracadute
:D
Si, molto chiaro il concetto
Gioia59 ha scritto: Niick, dici che adori Giulia e che per te è un'eroina, .la domanda che mi sorge spontanea è:
sei mai andato sull' isola di Ventotene a Punta Eolo a visitare i resti della villa :?:

Gioiosa:) io li me so sposata:)
Gentile Centurione e soldati con l'asta pronta:)...non fate diventare la Giulia una ninfomane:). Ricordate che in qualità di donzella patrizia studiava era colta e questo aveva affinato il suo senso critico anche verso il ruolo paterno. In virtù di questo si ribellava...non perché avesse solo ansia di libertà sessuale...concetto che all'epoca non era consapevolezza
DAI ? Cons, UN PARADISO.....
io ho msempre pensato che l'unica differenza sostanziale tra uomo e donna e' che la donna si caga sotto subito, ma quando ha deciso si butta ma capofitto, l'uomo agisce al contrario.
e dal simbolismo potente di un corpo che permette ad un altro di invaderlo, è quasi inevitabile che ammeno che tu non sia speciale, partono a razzo mille pensieri incturcinati per autoconsolarsi con mille pippe mentali.
questo per la donna.
per l'uomo, è lo stesso, ma l'istinto predatorio prende il sopravvento su ogni ragionamento di natura diversa che sul sesso in quel momento.
notate che non cito mai l'amore.
perché sono un uomo sessantenne, e come tale sto all'asilo nido rispetto ad una qualunque adolescente che è invece laureata con master.
fin dalla gestazione, la donna si informa, discute d'amore con amiche e conoscenti, prova come si bacia sullo specchio , insomma... e' una professionista
prendi un uomo, e al massimo chiede all'amico: ma come, non te l'ha ancora data?
ovvio, faccio la tara.
generalizzo e lo so, ma sapendo anche che qualcosa ho imparato in questi anni.
spero di essere stato uno studente volenteroso
:mrgreen:
Secondo me e dopo aver approfondito la ricerca :idea:

Uomini vs donne, li differenzia l'attività cerebrale di due aree differenti.....

, esempio , per le “ cose belle ” attiva, in maschietti e femminucce , zone diverse del cervello: mentre nelle donne la vista di immagini "belle" attiva entrambe le aree parietali, nell’uomo accende solo il lato destro della corteccia. Questa differenza potrebbe essere una conseguenza dell’evoluzione e risale all’era in cui uomini e scimmie iniziarono a differenziarsi. :mrgreen:


Se con la vostra " metà " non riuscite mai a trovare un accordo sul colore delle pareti o sul rivestimento del divano, non prendetevela: è questione di evoluzione.... !: :lol: