Alessandro, si forse si, dopo un giro veloce di telefonate alle mie amiche di fiabe siamo arrivate ad una conclusione :

Il clan femminile della "bisca" ha bisogno di te , tu si che  ci porteresti sulla retta via ,

Alessandro a parte scherzi, mi permetti di dirti una cosa? diretta diretta,non prendertela,
 Ma che ci stai a fare ancora lì?, letti separati... trincee... moschee... ronf ronf e frr frrr mah!....., non stò giudicando Alessandro ma sento che soffri di una situazione molto da" ingabbiato",, posso solo intuire che tu ami nonostante tutto tua moglie e accetti qualsiasi cosa sperando di recuperare il tutto. Il giorno che sarai tu ad innamorarti sarà una scossa non da poco almeno credo.....
Alessandro, è un discorso profondo con tante sfumature , tu non abiti molto lontano, perchè non vieni a farti un giro da queste parti, a berci un caffè al Graffiti, porterei anche la mia amica se può 
Parlarne a viva voce e ben diverso
mafalda dubbiosa[1].jpg
 
Gli allegati possono essere visualizzati solo dai membri del Club-50plus.
Cara Gioia,
 ti ringrazio per la tua risposta e per il tuo invito....
Meriti da parte mia una risposta seria, sincera e approfondita....come tu sai io sono una.....camomilla.domani mattina se vorrai leggermi ti rispondero', ho bisogno di riflettere perché devo trovare il modo migliore di spiegarti  e di raccontarti alcune cose di me di cui mi è difficile e doloroso parlare...
Un abbraccio
Alessandro 
va bene Alessandro, domani ti leggo,  ciao, buon pomeriggio.
Se mi concedi un piccolo paragone, sembriamo il diavolo e l'acqua santa !
 
Ciao Gioia e ciao Alessandro. E' piacevole leggere il vostro scambio. Gioia da rendere la mano e tu Alessandro hai l'opportunità di raccogliere...Non ho idea, Alessandro, di quali problemi tu abbia ma quello che di getto mi viene da esprimere e' che nelle fragilità degli altri possiamo riconoscere noi stessi perché le emozioni ci rendono tutti uguali.
Cara Gioia,
ti ringrazio ancora per il tuo invito a bere un caffè.
mi piacerebbe farlo? Si, decisamente si, sarebbe l'occasione per incontrarci di persona e parlare in modo più "vivo", proverei penso un po' di piacevole eccitazione, in senso psicologico, come non mi capita da anni.... mi sentirei credo come un adolescente ai suoi primi appuntamenti.....
Sarebbe giusto farlo? Ecco, credo che farei un torto a Fiorella, cioè mia moglie, e ti spiego il perché.Anche ieri pomeriggio quando le ho chiesto di nuovo se voleva leggere quello che io scrivo sul forum, mi ha risposto: scrivi pure le tue manfrine e se vogliono possono leggerti i nullafacenti del club, a me non interessa.Poi, visto che cercavo di parlarne ancora, ha aggiunto: che scassamento....però mi ha detto invece che le darebbe molto fastidio se io telefonassì oppure se ricevessi telefonate o ancora se incontrassi qualche gentile signora.Questo vuole dire che se io ti incontrassi dovrei farlo senza dire niente a lei, ma questa cosa mi sembrerebbe sleale nei suoi confronti, mi sentirei un vigliacco, un bugiardo, un ipocrita, oppure dovrei dirle che voglio conoscere di persona una amica che ho conosciuto sul club ma questo scatenarebbe una discussione furibonda.
Quale è il limite di quello che si può fare lecitamente senza informare la propria compagna o il proprio compagno? Forse ognunoha una soglia diversa in relazione al suo mondo di valori.Io non credo che riuscirei a fare qualcosa di nascosto, già il prendere un semplice caffè e' oltre la soglia di quello che mi sentirei di fare. Cerco di trattare lei come piacerebbe essere trattato a me e quindi visto che non mi piacerebbe se lei avesse sotterfugi altrettanto devo offrire io..
Ci sarebbe una soluzione semplice, immediata, diretta: prima chiudere il mio rapporto con lei quindi riacquistare la mia libertà e muovermi a mio piacimento. Questo pone di conseguenza due domande importanti alle quali cercherò subito di rispondere:
sono pronto a chiudere il mio rapporto con Fiorella?
in queste condizioni ha senso che io sia iscritto al club, che scriva sul forum e che cerchi qualche forma di amicizia?
continua...... 
Scusa Gioia se scrivo un attimo di un'altra cosa... 
Mi era stato chiesto di mettere una mia foto e avevo già spiegato che avrei provato a farlo. Vorrei spiegare un po' meglio....
Non avevo nessuna fotografia sul mio tablet ma solo due foto fatte quest'anno sul telefonino. come ho già detto non sono molto pratico di queste cose tecnologiche e ci ho messo parecchio tempo per capire come trasferire le fotografie dal telefonino al tablet e poterla quindi mettere nel mio profilo....tra l'altro questa foto, scattata in maggio all'isola d'Elba e un'altra scattata in montagna sono le uniche foto del 2015, le mie ultime foto a parte quelle per la carta di identità risalgono non solo a anni ma credo a decenni precedenti, penso circa 15 o 20 anni fa quando ancora si usavano i rullini... Non ho altre foto digitali per un motivo semplice: a nessuno in questo tempi è mai importato di avere mie fotografie...ma davvero una mia foto vi permette di conoscermi meglio? Intendo dire se io fossi stato subito capace di metterla ma non vi avessi raccontato niente di me potreste dire di conoscermi meglio? 
Ciao Alessandro, sono Luciano, noi ci siamo spiegati e capiti, forse poco, in precedenza,non ci amiamo certamente alla follia noi due, volevo solo dirti bravo per la foto che hai messo, tu dici che forse non serviva, ma io credo che a qualcosa serva, e non solo agli altri.Questa volta ti dico  "OK ALE" , almeno a questo è servita! In bocca al lupo per le tue scelte.Ciao 
Ciao Luciano, grazie per le tue parole......
Comincio dal mio scrivere sul forum....
Che senso ha, fin che io non sono un uomo libero, che io chieda e offra amicizia? quello che posso offrire io è o un amicizia solo virtuale oppure il potersi incontrare di persona ma solo se si è in gruppo per esempio se si organizzasse una cena tra amici come quella organizzata Roma. In questo caso con la presenza di molte persone uomini e donne potrei partecipare anch'io senza fare nulla di male. Ma a parte questa remota possibilità perché qualcuno dovrebbe essere interessato a corrispondere in qualche modo con me?
Non lo so, ho le idee confuse,  da una parte bisogni insoddisfatti del mio "bambino interiore" mi spingerebbero a sperare che qualcuno voglia farlo, dall'altra la mia parte razionale capisce che è difficile. Del resto le persone che speravo diventassero mie amiche e una volta rispondevano i miei scritti sono sparite......e capisco che dal loro punto di vista hanno ragione...qualcuno può aiutarmi a fare un po' di chiarezza?
Continua..... 
Mi sento molto stanco, dal punto di vista psicologico, e per distrami un po' vorrei proporvi qualcosa di più leggero, che a me fa sorridere se ci penso....vorrei raccontare un episodio che mi è tornato alla mente e che si collega a quel discorso su donne cacciatrici uomini cacciatori di cui avevo parlato in passato.....
quando ero ragazzino diciamo circa 11 o 12 anni giocavo spesso con i miei compagni a " fusi": prendavamo delle strisce di carta sottile, le arrotolavamo a punta e le mettavamo nelle cerbottane, cioè piccoli tubi di plastica e poi le " sparavamo" a una distanza di alcuni metri cercando di colpirci. questa era anche la nostra preparazione per " la caccia", cioè tirare i fusi a qualche ragazza che passava...io ne avevo presa di mira una in particolare, molto più grande di me, diciamo circa sui 18 anni.....cercavo un buon nascondiglio e, quando lei entrava nel mio "territorio di caccia" balzavo fuori all'improvviso e prima che lei potesse capire cosa stava succedendo zac zac 1 o 2 colpi veloci, non facevano male, era solo un gioco.......poi iniziavo a correre mentre lei mi seguiva urlando....e io correvo e mi giravo a guardarla ridendo, lei provava a prendermi ma naturalmente non ci riusciva mai.......come ogni buon cacciatore ero più veloce della mia preda.....mi divertivo molto ed è andata avanti così per un bel po.....un giorno stavo giocando a pallone nella piazzetta con i miei compagni quando di colpo mi sono sentito sollevare da terra: era lei che si era messa alle mie spalle e mi aveva preso per i capelli sollevandomi....io sentivo un dolore fortissimo e gridavo: " aiuto, perdono, non lo faccio più". Ma lei non si impietosiva  e continuando a tenermi sollevato mi strapazzava per bene.doveva essere proprio arrabbiata......Da cacciatore ero diventato una povera preda....a volte pochi secondi possono sembrare un tempo così lungo.....alla fine mi ha rimesso giù mentre i miei compagni si sganasciavano dalle risate.....
 
Questo è l'ultimo messaggio che posso scrivere oggi
Per Gioia:
ti voglio bene, hai un cuore grande e generoso 
Che senso ha, fin che io non sono un uomo libero, che io chieda e offra amicizia? quello che posso offrire io è o un amicizia solo virtuale oppure il potersi incontrare di persona ma solo se si è in gruppo per esempio se si organizzasse una cena tra amici come quella organizzata Roma. In questo caso con la presenza di molte persone uomini e donne potrei partecipare anch'io senza fare nulla di male. Ma a parte questa remota possibilità perché qualcuno dovrebbe essere interessato a corrispondere in qualche modo con me?
Non lo so, ho le idee confuse, da una parte bisogni insoddisfatti del mio "bambino interiore" mi spingerebbero a sperare che qualcuno voglia farlo, dall'altra la mia parte razionale capisce che è difficile. Del resto le persone che speravo diventassero mie amiche e una volta rispondevano i miei scritti sono sparite......e capisco che dal loro punto di vista hanno ragione...qualcuno può aiutarmi a fare un po' di chiarezza?


Ciao Alessandro, credo che in casi eccezionali anche un'amicizia virtuale abbia i suoi ottimi motivi di "essere".
Poi nel tempo chissà che anche il successivo passo non possa essere fatto, magari proprio nel contesto che tu ritieni più idoneo?
Non so a chi ti riferisci parlando di persone che speravi diventassero tue amiche e per quanto mi riguarda io ci sono! :)
E' solo un periodo abbastanza impegnativo per me.
Concordi con me nell'affermare che è la qualità e non la quantità del rapporto che è importante? :wink:
Alessandro, ti rispondo questo pomeriggio
 
ciao Alessandro, non ti ho risposto subito perchè ho voluto rispettare la tua stanchezza psicologica ed immaggino ...Visto, hai fatto qualche passettino... (, una foto ed un'emozione )
 Come dice Luciano, "OK ALE ed io aggiungo OK LU "
Grazie Luciano, serve sicuramente anche una scossa da " Uomo a uomo "e non solo "Donna a uomo", mi farebbe piacere vedere altri uomini interloquire
Ale, come Mariagrazia ti dico grazie,
come donna ti dico che la vita va avanti e – soprattutto – che le cose funzionano anche se tu non ti fai prendere dall’ansia e non ti preoccupi in modo esagerato. Pensare troppo ed ossessionarti riguardo una situazione di certo non la risolve e nemmeno fa andare le cose nella direzione che vuoi o vorresti. Anzi: preoccuparsi di solito complica le situazioni.e ti porta se posso dire così : al’atteggiamento da “dramma”..., Ale, ti stò parlando come se fossimo davanti ad una tazzina di caffè, mi sembri essere vittima di un rapporto di abuso, il sentirsi costantemente a disagio o l'avere un timore del fallimento tale da impedire anche ogni minimo tentativo di migliorare la tua vita , le tue realizzazioni o le tue conquiste.

Circondati di persone che hanno a cuore i tuoi sentimenti ! Coloro che non sono interessati al tuo benessere non contribuiscono in alcun modo a sviluppare la tua autostima. Ale, ecco il punto, forse hai poca autostima , hai degli schemi di “stress” cerca di rovesciarli in modo positivo La cosa più importante secondo me che dovresti fare è credere in te stesso, non ci sono altri segreti !!!!! Credere di potere significa divenirne in grado....... Un Uomo/Donna in gabbia? no, non esiste ......!
Ignora i commenti negativi delle persone. Ascolta esclusivamente la tua voce Per cui: metti al bando preoccupazioni e ossessioni che ti riguardano e riguardano il tuo rapporto. La tua forza interiore ti consentirà di raggiungere gli obiettivi che ti sei prefissato nella vita. Se compi un passo falso, aiutati a rialzarti dalla caduta e riprova.
Ale, se posso, non proiettarti verso il futuro con pensieri negativi di ogni genere e preoccupazioni.Pensa e agisci come se fossi del tutto ignaro di cosa significhi l'essere imprigionato. La mattina quando ti alzi , ripetiti questa preghierina :"Va tutto bene, sono comunque una persona meravigliosa".Oggi esco vado a farmi un giro punto, senza dover rendere troppo conto a chi ti circonda. Cerca e trova i tuoi punti di forza....... ultima cosa e ribadisco come se fossimo davanti ad una tazzina di caffè, ti direi,
1.  Hai scritto, si era  innamorata, "ha avuto dei rapporti platonici!"   e tu ti fai problemi per 1 caffè ?Scusami ma è più forte di me... poi hai scritto questo ;"le darebbe molto fastidio se io telefonassì oppure se ricevessi telefonate o ancora se incontrassi qualche gentile signora " quindi se dovessi interpretare.... a lei i rapporti platonici sono concessi  e a te , un caffè ,no.  giusto?
Alessandro, altra cosa, questa frase:   "e se vogliono possono leggerti i nullafacenti " preferirei non esprimermi,! Una cosa posso fare, presto volentieri le mie scarpe....
Per concludere. hai scritto : " Del resto le persone che speravo diventassero mie amiche e una volta rispondevano i miei scritti sono sparite." Alessandro, vedi un pò tu......!

Per quanto mi riguarda, io ci sono e vedrò di organizzare con un gruppo di persone un'incontro per un pranzo o cena  sperando ci sia anche tu

Ciao Ale   
A proposito di donne…

Questa non sapevo se metterla qui o tra le barzellette, ma ho scelto qui perché è un fatto vero con testimoni.

Eravamo a cena a Parigi, tre italiani e un portoghese. Io, il mio capo, una magistrato della Corte dei Conti (mia collega) e un mio amico (il portoghese).
Prima che arrivi il cameriere, sul menu scelgo una minestra di cipolle.
La magistrato fa “Ottima idea! Anch’io prendo la minestra di cipolle!”.
Al che io ci penso su un attimo e me ne esco con “No, mi dispiace, non si può”.
“Perché?” - mi chiede lei.
E io: “Perché nei ristoranti francesi E’ VIETATO ordinare lo stesso piatto tra commensali diversi”.
Lei guarda stupita gli altri due, che annuiscono gravemente per reggermi il gioco. Arriva il cameriere, e lei ordina qualcos’altro.

Magistrato.
Della Corte dei Conti.
Donna.
blau, , secondo me la puoi postare ovunque che và bene, ma postandola quà hai ftto una scelta molto raffinata.
Ma  la mia domanda è:era buona la minestra di cipolle?