Volevo parlare un momento di questo film, che è il mio film preferito, perché mi ha colpito profondamente. E ne sintetizzo la trama, perché credo che sarà molto difficile che venga riprogrammato.
E’ la storia di un uomo tranquillo ed un po’ triste (che Jack Nicholson interpreta in modo davvero straordinario), appena andato in pensione, che cerca di conciliarsi con la nuova vita che lo attende, senza più il lavoro.
Vive con la moglie, con la quale ha un rapporto sbiaditamente normale, ed è amareggiato per l’unica figlia, che intende assolutamente sposarsi, al più presto, con un giovinastro che a lui non piace affatto.
Una mattina, tornando a casa dal supermercato, trova la moglie a terra, morta d’infarto. Dopo il funerale, decide di buttare via tutti gli effetti personali della moglie, dato che gli avrebbero creato dolore nel continuare a vederli; ma proprio mentre tira giù una scatola di scarpe, stranamente messa molto in alto sullo scaffale, questa cade rovesciandosi e rivelando un fascio di lettere. Le lettere che la signora si scriveva con il miglior amico di lui, e che era appunto il suo amante.
Folgorato da questa scoperta, corre a casa dell’amico e l’amicizia finisce a pugni.
Poi arriva il matrimonio della figlia, che non ha voluto assolutamente spostarne la data anche se fin troppo prossimale al funerale della madre.
Poco prima del matrimonio, la madre dello sposo, che gli assicura spesso che gli sposi saranno felici perché insieme scopano sempre tanto e bene (cosa che non lo rende contento affatto), lo invita a fare un bagno rigenerante a casa sua, ma poi lei stessa cerca di entrare nella vasca con l’intento di un incontro ravvicinato del I tipo con lui. Quindi il povero Smith, frastornato, rinuncia al bagno “rigenerante” benché si sentisse estremamente stanco.
Durante il pranzo dopo il matrimonio, riesce a fare una specie di discorso di augurio agli sposi, con grande fatica e con grande tristezza. Prima di ripartire il genero, con aria furbastra, gli propone un “grande affare”, perché se Smith vuol consegnargli una certa somma, lui ha in mente degli investimenti “molto vantaggiosi”. Con un accenno di nausea, rifiuta la proposta. Tornato a casa, non sa cosa fare di sé stesso, tutti lo deludono,è assolutamente depresso.
Decide di partire il giorno dopo con il suo camper, senza una meta precisa, tanto per cambiarsi le idee.
La sera prima di partire, fa zapping con la tv, e comincia ad irritarsi perché non riesce a trovare un programma decente, quando ad un tratto trova su un canale la proposta di una Ong per l’adozione a distanza. Prende nota e il giorno dopo, chiesta e avuta la documentazione, adotta un bambino di sette anni in Africa. Poi parte.
Durante il viaggio, dove ha occasione di conoscere varie persone, quasi sempre incontri poco felici, spesso si ferma da qualche parte per scrivere al bambino, raccontandogli tutto quello che gli succede, come se fosse il suo piccolo amico, e spesso aggiunge alla lettera dei soldi, dicendo che così se c’è qualcosa che gli piace, la potrà comprare.
Il viaggio però non gli è stato di giovamento; tornato a casa passeggia avanti e indietro chiedendosi a cosa sia servita la sua vita, perchè la cosa importante nella vita e riuscire a “fare la differenza”, e a lui non è mai riuscito di farne.
Sempre più depresso, vede che nel frattempo è arrivata un sacco di posta, pubblicità, bollette…
Ma ecco che trova una lettera normale, che viene dall’estero: nel film si sente la voce di una suora francese che riporta quello che dice il bambino che lui ha adottato: “…che è molto contento di sapere che lui gli faccia da papa’, e aspetta sempre di ricevere presto le sue lettere e che però gli dispiace molto di capire da, quello che gli scrive, che lui sia molto triste. Spera tanto di sentire presto che invece è contento, e intanto gli manda con affetto un disegno fatto per lui. Smith, guarda il disegno, dove è raffigurato, con i tipici tratti del disegno infantile, un uomo che tiene per mano un bambino.
Ho visto tre volte questo film e tutte le volte nella scena finale piangevo di gioia insieme all’attore. Perché, con ogni evidenza, la differenza l’aveva fatta, eccome, nella vita del bambino.
Ieri ho ricevuto per mail una proposta di adozione da parte di Action Aid e mi è tornato in mente il film.
E oggi ho adottato a distanza Mukantwali, una bambina di 8 anni, che vive in Rwanda, nella cui vita spero di riuscire a fare una differenza. E se tutto andasse bene, finanze permettendo, non sarà l’unica.
PARTIAMO DA UN PRESUPPOSTO:
io sono convintissimo che AL 90% TUTTE LE INIZIATIVE "BENEFICHE" NASCONDONO TRUFFE o qualcosa del genere.

Inoltre CAPISCO chi vorrebbe, con la BENEFICIENZA, dare una specie di SENSO ALLA PROPRIA VITA.

Detto questo sulle "adozioni a distanza" ne ho sentite di tutti i colori.
Io sarei del parere di seguire il motto famosissimo "NEL DUBBIO ASTIENITI", ma capisco che molti di Voi, magari colti all'improvviso da un qualche raptus di solidarietà, o semplicemente colpiti dalle scene di qualche film noiosetto e pedante (a proposito, il venditore di materassi pensionato si chiama SCHMIDT e NON Smith....una bella differenza vista la presupposta discendenza TEDESCA del personaggio...) possano pensare di elargire a una qualche associazione delle somme pensando di far del bene.

Il mio SPASSIONATISSIMO consiglio è quello di ADOTTARE DEI VERI POVERI, magari del quartiere, della zona, della VOSTRA CITTA'.
Gente che esiste, gente VERAMENTE MESSA MALE PER COLPA DEL FATO AVVERSO O DI QUALCHE MALATTIA e non persone che han perso tutto per colpa loro e della loro testa malata.
Conosceteli, frequentateli e donate a loro un cibo caldo, una borsa della spesa, un maglioncino inutilizzato.
Adottare un bambino a distanza è UN TERNO AL LOTTO e non porta quasi a niente.

(Non ricordo se già qua l'ho scritto da qualche parte, ma ripeterlo non mi costa nulla....)
IO HO CONOSCIUTO dei classici "VOLONTARI" che la maggiorparte dell'anno vivevano in Africa ìn mezzo ai meno fortunati cercando di fare il possibile per "aiutare".
Ovviamente si trattava di gente qualunque, NON DI PAPERONI AUTOSUFFICIENTI.
Quindi questo è il discorso che mi ha fatto uno di loro ANNULLANDO LA PROPRIA PARTECIPAZIONE alla causa.

"Caro Stefano, me ne sono andato perchè non aveva senso il mio impegno li. Pensa che solo per mantenere noi in una situazione poco poco decente si spendevano quasi tutti i soldi che si raccoglievano con le offerte delle persone di cuore. Fra l'affitto dei locali dove stavamo, la gestione specialmente "burocratica" della situazione, l'uso di vari mezzi per spostarsi e comunicare, i viaggi che ogni tot di mesi facevamo per tornare a casa quantomeno a "respirare" e rivedere le nostre famiglie, e un piccolo "aiuto" per noi stessi che, vivendo in pratica 8/10 mesi su 12 in Africa non potevamo avere un lavoro e un reddito anche minimo, alla fin fine restava ben poco per aiutare quei poveracci.
Insomma: se entra 100 e spendi 90 per far entrare quel 100 e gestirlo che senso ha?
La "beneficienza" serviva solo per gestire tutta la macchina di codesta beneficienza.
Allora ho detto "no, grazie" e me ne sono andato".

La persona in questione, parliamo di almeno 15 anni fa, ha preso una donna del luogo, se la è portata in Italia, si è sposato e adesso ha due bei figliuoli "di colore".
Mi fa "Ecco, ne ho adottati due veramente!". Perchè magari restando mia moglie la sarebbero nati lo stesso, ma che fine avrebbero fatto?

Vi invito TUTTI a riflettere sul SENSO della beneficienza e sui MECCANISMI che ne regolano lo....SFRUTTAMENTO.

https://www.focus.it/cultura/curiosita/inchiesta-adozioni-a-distanza-fatti-e-misfatti-una-guida-per-capirle

http://milano.repubblica.it/cronaca/2011/12/02/news/truffa_da_9_milioni_di_euro_sui_fondi_per_bimbi_di_haiti_preso_un_manager-25963821/

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/07/12/lattore-edoardo-costa-condannato-a-3-anni-appropriazione-di-soldi-per-bimbi-africani/292164/

http://espresso.repubblica.it/palazzo/2007/10/15/news/onlus-che-truffa-1.5563

Oltre 3 mila finte organizzazioni non profit sono state scoperte in tre anni. E altre frodi spuntano ovunque.
3000, mica cotiche.


P.S. OVVIAMENTE, come dovrebbe essere per il sesso, LA BENEFICIENZA LA SI FA, MA NON LO SI DICE CHE LA SI FA.
SBANDIERARLO non è da signori, non da lustro, serve solo per AUTOINCENSARSI E DARSI UN CONTEGNO.
Io se aiuto qualcuno non lo dico in giro: LO FACCIO.

Prendete TUTTI esempio da ALBERTO SORDI: che faceva beneficienza (ed anche tanta...) si seppe solo DOPO la sua triste dipartita.

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2012/11/06/un-inedito-alberto-sordi.html

P.S. 2 Adesso il COSTA se la spassa AI CARAIBI con i soldi dei piccoli bisognosi....viva la legge!

https://www.facebook.com/Edoardo-Costa-123491437568/


P.S. 3 La BENEFICIENZA assieme a tutte le ONLUS sono denominati TERZO SETTORE.
Questo perchè siamo di fronte a veri e propri ESPERIENZE COMMERCIALI e non tanto ad elargizione di elemosine.
La BENEFICIENZA è IL VERO BUSINESS dell' ultimo secolo. E del nuovo millennio.
SE NON LO CAPITE NON SI VA DA NESSUNA PARTE PARLANDONE.....
Sono assolutamente d'accordo con Stefano perchè lo vivo quotidianamente sulla mia pelle. Per non parlare del cosiddetto "volontariato", altra piaga fasciata di garze d'oro...
Comunque bello e commovente il film Gabribella, come tutte le favole.
non voglio andare fuori tema, ma mi mettono a disagio prese di posizione così negative. Non discuto sulle esperienze personali, o sulle analisi economiche, non mi riguardano e non sono documentato. Mia moglie in ospedale è stata assistita anche da volontari, un gruppo interno all'ospedale che non manteneva nessuna organizzazione e non chiedeva contributi. L'hanno aiutata ad alleviare le sue sofferenze. Io non posso essere che riconoscente. La filosofia e la sociologia fatela voi, io ammiro la generosità e l'altruismo, cose che per me hanno ancora un valore. Dei valori non si chiede mai il costo, si vivono. Perdonatemi la digressione e torniamo al tema.
Cosiddetto Stefano Colombo
Per prima cosa io non ho bisogno di fare beneficenza per dare un senso alla mia vita, perché la mia vita di senso ne ha già molto: quindi non permetterti pessime illazioni, perché non solo sono prova di maleducazione, ma in più proprio non ne azzecchi una neanche per sbaglio.
Inoltre non ti devi neanche permettere di dare consigli su chi e come aiutare: aiuta tu come e chi vuoi tu.
Infine io non ho certo scritto su questo argomento per autoincensarmi, figurarsi, io non ho proprio bisogno di gloria fasulla. Volevo solo ricordare come ci puo’ essere uno strumento semplice, e si spera efficace, per poter aiutare almeno qualcuno dei tantissimi bambini che soffrono nel mondo.
Poi che ci siano dei costi di gestione per queste strutture che vanno a decurtare di molto l’importo che si vuol donare, sarà anche vero, e sarà anche un problema da risolvere con una certa urgenza: ma intanto cosa è meglio, non fare proprio nulla? Ci sono persone che a seguito dell’adozione sono anche andate a controllare sul posto, ma l’impressione che ne hanno ricevuta è che l’insieme funzioni e che i bambini stiano effettivamente molto meglio di prima.
E poi Action Aid opera da molti anni, mi sembra difficile che si possa confonderla con una Ong fasulla.
ultimo ha scritto: non voglio andare fuori tema, ma mi mettono a disagio prese di posizione così negative. Non discuto sulle esperienze personali, o sulle analisi economiche, non mi riguardano e non sono documentato. Mia moglie in ospedale è stata assistita anche da volontari, un gruppo interno all'ospedale che non manteneva nessuna organizzazione e non chiedeva contributi. L'hanno aiutata ad alleviare le sue sofferenze. Io non posso essere che riconoscente. La filosofia e la sociologia fatela voi, io ammiro la generosità e l'altruismo, cose che per me hanno ancora un valore. Dei valori non si chiede mai il costo, si vivono. Perdonatemi la digressione e torniamo al tema.

NON SIAMO FUORI TEMA, caro ULTIMO:
si parlava di ADOZIONI A DISTANZA e di conseguenza di VOLONTARIATO E DI ASSOCIAZIONI DEL SETTORE.
Ed io DI QUELLO ho voluto disquisire.
Se poi DA FASTIDIO la mia REALE DISANIMA DEI FATTI, beh, non posso farci nulla.

ANCHE IO ho avuto familiari in ospedale in varie zone d' Italia, ma, se mi permette (se non vuole fa lo stesso: ho fiumi di prove da portare a riguardo), io il VOLONTARIATO lo conosco bene.
E di quelli che il volontariato lo affrontano gioiosamente e senza ricerca di lucro ne conosco...FORSE SOLO UN PAIO. E di questo "paio" posso affermare (SENZA TEMA DI SMENTITA ALCUNA) che trattasi di persone che non hanno avuto una vita facile o che si sono ritrovati con dei "vuoti incolmabili" (Mi scuserà se ne taccio le cause) che solo cercando di aiutare gli altri son riusciti a colmare.
(Inutile dire che quando costoro non erano in queste situazioni a tutto pensavano, tranne che alla beneficienza, un pò come il "senza dio" che sul punto di morte si prende uno spavento enorme e...comincia a pregare!)
La mia esperienza sui "volontari" in generale NON E' CERTO POSITIVA.
I volontari da me approcciati sono tali in quanto ALTROVE NON AVREBBERO POTUTO STARE.
Cioè: LO FANNO PER LAVORO.
Quindi quando FANNO I VOLONTARI si fanno PAGARE.
Chiami un AMBULANZA delle varie misericordie e veda lei Ultimo.

Se permette...qua ridiamo..scherziamo...io mi presto a fare il buffone e a farmi offendere...
ma la mia vita è come quella di ognuno e anche io ho a che fare con morte, malattie e disgrazie.
E cosa c'è di più becero che approfittarsi di chi soffre?

VOLONTARIATO SERIO lo può fare solo CHI HA TANTI SOLDI E TEMPO A DISPOSIZIONE, non certo uno come me.
Qualora Lei, caro Ultimo, dovesse vedere una persona qualunque fare volontariato DUBITI PURE TRANQUILLAMENTE.
Che chi ha da far quadrare i conti in famiglia, o chi vive con i problemi che questa famiglia può creare, non ha certo tempo, voglia e risorse economiche da investire nel volontariato.

A ME SON STATI CHIESTI TRANQUILLAMENTE SOLDI, e come me ad altre migliaia di persone, proprio dai VOLONTARI che NON RIFIUTANO CERTO un "contributo" anche da chi sanno non se lo possa permettere, tranne poi PRETENDERLO quando questa "regalia" non si vede arrivare.
Se poi insiste possiamo passare ALLE RICHIESTE DIRETTE O INDIRETTE da PERSONALE DEL SETTORE PUBBLICO, richieste che, a fronte del lauto stipendio pagato con i soldi di NOI CONTRIBUENTI non dovrebbero manco passare per l'anticamera del cervello a questi viscidi personaggi.
Gente capace DI LEVARE LA VITA IMPUNEMENTE o di OMETTERE UN SOCCORSO TEMPESTIVO (I fatti di Biancavilla non Le suggeriscono nulla) pur di avere anche un MINIMO TORNACONTO economico.

'L'obiettivo non è salvare, ma incassare' recita una inchiesta dell' Espresso

http://espresso.repubblica.it/attualita/2014/03/17/news/sanita-il-soccorso-diventa-business-l-obiettivo-non-e-salvare-ma-incassare-1.157508

E non credo che quelle parole siano state messe li a caso (magari da me con pseudonimo diverso da questo...):
"SOCCORSO A MANO ARMATA", "COSCHE E SIRENE", "PAGATI PER STARE A CASA", "SISTEMA MILANO" eccetera...
Vede che bei titoloni?
Vede che HO RAGIONE IO?

Ma sa, caro Ultimo, qual'è la parte VERAMENTE TRISTE in tutto questo?
La parte tragica è che NON SI RIESCE MANCO A VEDERLA la punta dell 'Iceberg...siamo solo alla SENSAZIONE di quanto accada veramente sotto le parole VOLONTARIATO, ONLUS, BENEFICIENZA.

http://www.emergency-live.com/it/news/ambulanze-a-roma-falso-volontariato-pagato-in-nero-quanto-e-credibile-il-servizio-delle-iene-di-italia-1/

Sono comunque FELICE PER LEI caro ULTIMO se è riuscito ad avere una esperienza positiva con dei volontari.
NON LE STARO' CERTO A CHIEDERE se Lei ha contribuito, o meno, con qualche obolo, e nemmeno se costoro hanno dignitosamente rifiutato l'offerta o intascato ringraziando: VOGLIO SPERARE che ci sia gente che ha veramente una missione del genere nella vita,
Ma mi permetta, in cuor mio, di dubitare.
Perchè io CONOSCO BENE l'animale uomo.
E so che le sue capacità di mimetizzazione a volte sono infinite.....

NonnaSimona ha scritto: Sono assolutamente d'accordo con Stefano perchè lo vivo quotidianamente sulla mia pelle. Per non parlare del cosiddetto "volontariato", altra piaga fasciata di garze d'oro...
Comunque bello e commovente il film Gabribella, come tutte le favole.

GRAZIE NONNA!
Dietro casa stanno ancora sparando i fuochi d'artificio: qualcuno che mi da ragione!
Evento cosmico tipo morte di una stella o nascita di un buco nero: impensabile di questi periodi in queste latitudini...
E ha detto bene sul "film" della GB: "COME TUTTE LE FAVOLE".
Perchè solo in un mondo di favole va tutto come recitato li....

Gabribella ha scritto: Cosiddetto Stefano Colombo etc. (Omissis)

Non so se Voi forumisti conoscevate una certa rivista di fumetti "alternativi" di fine anni 80 chiamata "Totem Comics".
Essa aveva come motto e sottotitolo "PERCHE' TANTO ODIO?".

Detto questo passo a dire la mia sulla chiosa della signora....ops...i nomi non si dicono.
Diciamo GB.

Cara GiBì,
io continuo ad asserire che certe cose SI FANNO E NON SI DICONO.
Se si dicono è solo per volersi mettere in mostra.
Non mi sembra un offesa o maleducazione affermare questa (semplice) verità.

Invece riguardo al Suo "strumento semplice, e si spera efficace, per poter aiutare almeno qualcuno dei tantissimi bambini che soffrono nel mondo" io direi che...si, meglio NON FAR NULLA che rischiare di INGRASSARE qualche maiale, di suo peraltro già grassottello.
Una come MADONNA potrebbe dare una mano.
Questa che ti fa? Prende, parte, se ne va in Malawi, sottrae qualche bimbo dal suo (possibilmente) triste destino e lo sdogana negli States (o altrove) a far la bella vita.

http://d.repubblica.it/lifestyle/2017/07/12/foto/pop_star_madonna_figli_adozioni_bambini_malawi_africa-3600773/1/

http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/persone/madonna-ruba-bambino/madonna-ruba-bambino/madonna-ruba-bambino.html

Ma poi...
Sotto sotto SIAM SICURI del gesto?
Non sarà per caso voglia di farsi pubblicità? Non ci sarà un desiderio di dimostrare quanto contano soldi e fama?
Con tutti questi figli ed una vita...non certo esemplare...(La Ciccone non è proprio una monaca di clausura...e anche quelle..beh.....)...come pensare a lei come un ottima madre?
Certo...i poveri pargoli si troveranno catapultati nel benessere...ma fino a che punto saranno fortunati?
Magari finiranno anche loro alcolizzati e tossicodipendenti come la gran parte di figli delle pop/rock star in giro per il mondo?

Si....conosco bene i meccanismi: qualcuno va anche sul posto a controllare.
Ma visto che Lei, cara GiBì, è una CINEFILA, sono sicuro che conoscerà il mitico film GLI ANNI RUGGENTI, con il caro Saturnino e il bravissimo Gino.

https://www.youtube.com/watch?v=3mbwBqGyXlE

Mandare aiuti…mandare aiuti….
Ma il famoso vecchio cinese possibile non Le sia di aiuto alcuno GB??

“Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno. Insegnagli a pescare e lo nutrirai per tutta la vita.”

INUTILE buttare soldi in un pozzo senza fondo.
Aiutare invece i bisognosi ad imparare ed evolversi è l’unica cosa giusta da poter fare.
Bisognerebbe spendere in infrastrutture educative per, appunto, educare la gente in condizioni di estrema povertà a sollevarsi dalla loro condizione.

Resta però la domanda cruciale (e fatale):
A CHI INTERESSA CHE QUESTO ACCADA?
Risposta logica:
A NESSUNO. (Troppi interessi in gioco)

E qua CORDIALMENTE SALUTO.
Per Simona Gabriella e Ultimo... Sono completamente d'accordo sul volontariato... Qui con un piccolo contributo e senza averlo chiesto partecipiamo tutti all'adozione a distanza di chi va in giro con guanti e amuchina dando sempre e costantemente un messaggio di biasimo verso tutti. E nello stesso momento condivido la gioia di chi si ritiene sostenuto da qualcuno che considerava solo un fake...ma si sa... In campagna elettorale ogni voto è buono. Ed è l'unico. Rispetto invece il pensiero di Simona seppur non lo condivido. Non essendo né lei né io fake
Caro STECO
Non ho visto il film cui Lei accenna.
Lei insiste con il dire che chi parla di aver preso iniziative a scopo benefico lo fa per vanagloria, (????) e che comunque sia disdicevole far sapere agli altri di aver preso tali iniziative “….perché queste cose, come per il sesso, si fanno ma non si dicono”. Ma allora come mai tutti sanno ad esempio della Fondazione a scopo benefico creata da Bill Gates e sua moglie? Anche se non si capisce, data la profusione di soldi, ad oggi, in che cosa sia stata efficace.
Cioè, voglio dire, con tutte le cose di cui la gente si dovrebbe vergognare, invece dovrebbe tener nascosto, come una vergogna, il fatto di aver cercato di contribuire, e sperando che altri magari facciano lo stesso, ad almeno un piccolo miglioramento nella vita di qualcuno che soffre?
E poi Lei STECO, è proprio un ossimoro vivente: come quando afferma, “come il sesso, si fa ma non si dice”: ma se è appunto di sesso quello di cui Lei parla spesso e volentieri nei vari forum, dove racconta dei suoi frequenti (e un po’ tristi) incontri con le varie “topolone”.
Per quanto riguarda l’intervento di Madonna in Malawi, sono d’accordo che la cantante ha fatto davvero schifo, perché quella non è beneficenza, ma prevaricazione.
Infine, per quanto riguarda il proverbio cinese, è fin troppo evidente che lo scopo da raggiungere è proprio quello dell’autosufficienza di queste persone che vivono al momento in grande disagio: infatti è del tutto chiaro che l’assistenza data a queste persone non si limita alle cure mediche, all’igiene, al cibo e all’acqua potabile, ma viene anche curata la loro istruzione; perché, altrimenti, senza di quella dal loro terribile stato non ne uscirebbero mai.
@ Gabriella, ieri ho seguito in tv il discorso del Sindaco di Amatrice riguardo alla mancata destinazione dei fondi sms di solidarietà alle persone e a quei paesi devastati dal terremoto
Oltre 33 milioni di euro raccolti con i messaggini telefonici , dove sono finiti? Che fine hanno fatto ?
Non solo, poi documentandomi ho letto anche che sfrattavano una nonnina di 95 anni dalla casetta di legno che la famiglia le aveva donato ,lei , porella ,fragile ma lucida e determinata", vuole morire a casa sua, o meglio davanti alla sua casa vera, che dire.......
Meno male che nel frattempo sono nati comitati di sostegno, come il 'Salviamo Peppina'
Ecco, dove sono i soldini/oni che in questi casi puntualmente e stranamente non si trovano mai ?

http://www.huffingtonpost.it/2017/09/16 ... _23211763/
Gioia, hai ragione, anch'io sono rimasta basita nell' apprendere la notizia dei soldi spariti e
che tanta gente aveva inviato per aiutare quelle persone travolte dalla tragedia del terremoto.
Speriamo che venga presto fatta luce sulla vicenda, ma purtroppo noi italiani siamo affetti da dicotomia come popolo: da una parte grande generosità, dall'altra avidità e metri di pelo sullo stomaco.
Simo un popolo troppo disunito, soprattutto nei sentimenti, e siamo, pare, diventati capaciti di tutto, ma purtroppo, per la maggior parte dei casi, in senso del tutto negativo.
Verissimo Gabriella, speriamo venga fatta luce e che trovino una soluzione per nonna Peppina
Gabribella ha scritto: Caro STECO
Non ho visto il film cui Lei accenna.
Lei insiste con il dire che chi parla di aver preso iniziative a scopo benefico lo fa per vanagloria, (????) e che comunque sia disdicevole far sapere agli altri di aver preso tali iniziative “….perché queste cose, come per il sesso, si fanno ma non si dicono”. Ma allora come mai tutti sanno ad esempio della Fondazione a scopo benefico creata da Bill Gates e sua moglie? Anche se non si capisce, data la profusione di soldi, ad oggi, in che cosa sia stata efficace.
Cioè, voglio dire, con tutte le cose di cui la gente si dovrebbe vergognare, invece dovrebbe tener nascosto, come una vergogna, il fatto di aver cercato di contribuire, e sperando che altri magari facciano lo stesso, ad almeno un piccolo miglioramento nella vita di qualcuno che soffre?
E poi Lei STECO, è proprio un ossimoro vivente: come quando afferma, “come il sesso, si fa ma non si dice”: ma se è appunto di sesso quello di cui Lei parla spesso e volentieri nei vari forum, dove racconta dei suoi frequenti (e un po’ tristi) incontri con le varie “topolone”.
Per quanto riguarda l’intervento di Madonna in Malawi, sono d’accordo che la cantante ha fatto davvero schifo, perché quella non è beneficenza, ma prevaricazione.
Infine, per quanto riguarda il proverbio cinese, è fin troppo evidente che lo scopo da raggiungere è proprio quello dell’autosufficienza di queste persone che vivono al momento in grande disagio: infatti è del tutto chiaro che l’assistenza data a queste persone non si limita alle cure mediche, all’igiene, al cibo e all’acqua potabile, ma viene anche curata la loro istruzione; perché, altrimenti, senza di quella dal loro terribile stato non ne uscirebbero mai.

ARIDALLE:
Non credo Lei possa trovare un post dove io mi sia divertito a CITARE ESPERIENZE SESSUALI PERSONALI.
NON MI SEMBRA di aver parlato mai NEL DETTAGLIO di mie storie con chichessia.
Ho altresì parlato di donne con il metro...ma quelle non erano esperienze del tipo che cita lei...solo particolari curiosi di esperienze...non si riferivano a prestazioni, appunto, o loro qualità di cui vantarsi...
Parlare di sesso fatto da me personalmente non lo faccio MAI nemmeno di presenza con qualcuno di cui mi fido. Figuriamoci in un forum di (quasi) sconosciuti.
Tuttalpiù posso disquisire su accadimenti dove comunque NON CI SONO DETTAGLI PRURIGINOSI.
(Se poi Lei si vuol riferire al famoso post di SERVITALE dove ovviamente ci stavamo burlando della situazione allora Lei non ha ben capito il tutto...).

Riguardo Bill Gates è ovvio che il tipo lo fa per raggirare il fisco e per creare interesse verso la propria persona e la Microsoft in generale.
Quelli che vogliono veramente far beneficienza infatti, proprio come l' Albertone nazionale, lo fanno in silenzio e senza farsi notare.

Riguardo invece alla Sua ultima osservazione vorrei gentilmente e cordialmente farLe notare che è fin da quando io ero in fasce che sento sta storiella del "Li istruiamo per dar loro un futuro migliore", ma ormai per me è passato circa mezzo secolo e la situazione in Africa (e paesi similari) resta meno che pietosa.
E i soldi spariti.... una quantità che nessuno mai riuscirà a quantificare.
Gli unici che hanno beneficiato della...beneficienza, appunto, sono gli operatori del settore.
Ha presente I SINDACATI e di cosa vivono?
PARASSITI sulla pelle dei lavoratori che pagano loro lo stipendio.
IDEM dicasi per volontari e associazioni varie.
MAGARI qualcuno lo fa in buona fede, ma il risultato resta RISIBILE.
E detto con carte alla mano.

Si ricordi che dove c'è da cibo a disposizione non arrivano solo i ...colombi...a banchettare, ma anche pantegane, avvoltoi, jene, serpenti a sonagli eccetera...
Eliminate i contributi economici ed eliminerete il problema a monte!

P.S. Comunque NON PASSA GIORNO ormai che non ci si interroghi sulla BENEFICIENZA e SU DOVE FINISCONO I SOLDI DELLE DONAZIONI.
E le risposte spesso non solo hanno dell' incredibile, ma fanno rabbrividire....

http://www.corriere.it/cronache/17_settembre_26/terremoto-120-indagati-truffa-residenze-spostate-roma-ad-amatrice-incassare-contributi-104c32fa-a28b-11e7-82cf-331a0e731b92.shtml
Vorrei dire qualcosa sull'argomento visto che loro per le ong e ne seguo il bilancio. Ma lo farò a breve dopo averci messo la faccia. La mia. Quella di bossi/salvino la conosco bene. Non chiedo i suoi attributi perché non ne ha.
Allora... Gabriella I tuoi dubbi sono leciti... Ti arriva una lettera da una delle tante associazioni che operano per aiutare gente sconosciuta in altra zona del pianeta ed è naturale chiedersi... Chi sono? Qualunque organizzazione seria ha un bilancio sociale e la specifica di come i soldi vengano ripartiti tenendo anche conto che dietro nomi e loghi esiste ovviamente un numero di persone che lavorano. Le cose non si fanno per magia. Puoi andare direttamente alla sede a te vicina chiedere dettagli e nessuno ti guarderà male perché è tuo diritto. Io non lavoro li ma sono andata all'estero a verificare. sono stata in Africa negli anni 90 per le epidemia di lebbra... Poi in Siria prima dell'Isis... Sono stata tra i volontari nei terremoti in Abruzzo e poi ad amatrice... A Lampedusa nei centri accoglienza profughi. Tutti viaggi a mie spese... Non ho percepito denaro da nessuno perché non è nella logica di chi faccia volontariato. L'unica cosa a me pagata è stato... Corsi di formazione e addestramento fisico. E periodicamente test psicologici...Tutto questo lo dico con orgoglio. So bene che esistono truffe... Ma esiste anche un mondo di gente sana che si muove verso l'umanità e non contro di essa. Nel mio ordinario... Fatto di lavoro e famiglia lavoro nelle case famiglia con i bambini autistici. Cosa ci guadagno? Far sorridere qualcuno è un regalo non quantificabile. È il mio tempo libero che dedico.... Il mio lavoro retribuito è altro
Grazie Consy, ma guarda che i dubbi sulle ong ed i volontari non li ho esternati io.
Li puoi vedere bene invece dai commenti di altri.

Comunque voglio dirti che ti ammiro veramente per tutto quello che fai per la gente che soffre.
Chapeau!