Servizi e aiuto

Per lo smanettone che c'é in voi: cuorioso del mondo digitale e attento alle novitá. Ma anche se siete alla ricerca di consigli e pareri per l'acquisto del vostro prossimo computer. Questa sezione del Club-50plus riunisce anche tutti gli argomenti e le riflessioni dedicati alla digitalizzazione delle nostre vite.

Messaggioda leonte54 » 12.10.2017, 9:50

Navigando un po' mi è capitato ti imbattermi in questa piattaforma online che penso possa interessare a qualcuno.
Google mette a disposizione gratuitamente Eccellenze in digitale per sviluppare le proprie competenze digitali, attraverso un percorso di formazione online, composto da un piano di lezioni gratuite e personalizzate per scoprire tutte le opportunità del Web, con video tutorial che spaziano dalle strategie sui social media al marketing per i motori di ricerca, e molto altro.
Non è mai troppo tardi. 
Avatar
leonte54
moderatore
 
Messaggi: 23

Messaggioda Gioia59 » 12.10.2017, 13:42

Grazie Leonte , con i tempi che corrono e corrono , tutto è utile, andrò a sbirciare.
Avatar
Gioia59
online
moderatore
 
Messaggi: 3338

Messaggioda nina57 » 12.10.2017, 16:56

Grazie per la segnalazione.
Ho dato un'occhiata veloce e sembra interessante.
Ben vengano notizie di questo tipo!
Avatar
nina57
 
Messaggi: 486

Messaggioda ultimo » 18.10.2017, 6:13

… qui anche se non proprio in tema, ma non so dove metterlo….

Lo confesso: sono un ingenuo. In luglio sono entrato in questo sito. Ho messo in acqua la mia barchetta a remi e ho cominciato a navigare. Lo specchio d'acqua a disposizione si limitava a un laghetto, ma poi la corrente mi ha trascinato senza che me ne accorgessi verso il mare. Sulla mia barchetta c'ero solo io a remare, ma attorno a me mi sono accorto che altre barche si erano lasciate trascinare senza dover lavorare di remi e che da alcune di loro provenivano anche segnalazioni luminose. Più che richieste di soccorso sembravano indicazioni di posizione (sorrisi?) ma erano talmente lontane da me che qualunque sforzo per raggiungerle mi avrebbe sfiancato facendomi trovare praticamente morto all'arrivo. La presenza di altre barchette più vicine mi ha convinto di aver bisogno di una rotta (profilo?). Non ero più nel mio laghetto, ero nel mare, e comunque mi sono messo giù in tutta fretta un piano di navigazione per evitare di trovarmi in linea di collisione con qualche imbarcazione. Ogni tanto passava qualche motoscafo e creava onde anomale (disturbatori?), mandavo qualche imprecazione che nessuno poteva sentire o ascoltare e mi ingegnavo sui remi per non essere travolto, ma vabbé.
Inizialmente qualcuno(a) mi ha dato una voce ma poi, mantenendo le distanze di sicurezza anche le poche voci di sono zittite (tre giorni di accesso libero?). Mi trovavo bene in quell'immensità tanto che in certi momenti mi mettevo a cantare (forum?). Qualcuno deve aver sentito i miei gorgheggi e mi ha invitato a comunicare in modo diverso (chat?), così, tanto per spiegarmi. Ma io di qua sulla mia barchetta, lei di là sulla sua, non è che si potesse dire granché, anche perchè la confusione era tanta.
Vedevo però diverse barche vuote, senza marinaio, non ci ho fatto caso ma, guardando meglio, ho scoperto che, lasciati i remi e prese maschera e pinne quei marinai si erano dati alla pesca subacquea. Meraviglia, ho scoperto c'era un mondo sotto le onde. Pesci di tutte le qualità e dimensioni, alcuni permalosi altri tranquilli, alcuni velenosi altri innoqui, squali e troterelle (no, queste sono di acqua dolce, ma tant'é) e tra loro il pescatore armato di strumenti difensivi pronto a lanciare i suoi dardi, non per difendersi ma per cacciare divertendosi. Guardavo stupito e vedevo il pescecane che volteggiava imponente e superbo quasi dicesse "Prova a toccarmi che ti uccido, microbo!"; la razza che si muoveva svolazzando sinuosa quasi volesse dire "Oh, ragazzo, ma ti sei accorto che ci sono anch'io? svegliati!"; l'anguilla che si muoveva ugualmente anche se priva di pinne; e in lontananza lo scafo della guardia costiera (la Valchiria) pronta a lanciare le bombe di profondità (cancellazioni?).
Guardavo, guardavo, alla fine però mi sono accorto dell'esistenza di qualcosa di ancor più vasto, un mondo invisibile ma terribile perchè fatto di cose vere e concrete: un deep-C50P. Mi sono accorto, meglio tardi che mai, che fuori dal sito (sotto, nel profondo) si erano stabilite relazioni, scambi, scontri, approcci, complicità, alleanze, commenti, bisogni. Niente di pubblico, nessuna boa in superficie per lasciarlo trapelare, ma la sua esistenza doveva essere necessariamente ammessa se si volevano capire certi messaggi luminosi in superficie, cifrati più che in codice. Terribile, é come perlare senza capire cosa si sta dicendo. E' stata una sorpresa, ma alla fine ci sono arrivato.

Perchè questo lungo sproloquio? Qualcuno ha dato indicazioni per imparare a usare il web. Utile, per me poi indispensabile, uso ancora carta e matita. Io però ho scoperto che se vogliamo capirci qualcosa di questo sito, prima ancora dell'uso del web, dobbiamo mettere in conto l'esistenza di questo strato profondo che condiziona in modo marcato quello che avviene in superficie. Ho tirato i remi in barca e mi sono messo a pensare. La realtà non è quella sembra, ma solo quella che si vuol far vedere e anche andando in profondità non la si conoscerà più di tanto. Stando in superficie una conclusione è inevitabile: meglio sospendere ogni giudizio, anzi, meglio non farne proprio. Sbaglieremmo comunque.
E allora? Lasciamoci cullare dalle onde, con serenità, senza prendere tutto sul serio (non tutto ma qualcosa sì), coscienti che il pescecane ogni tanto metterà fuori la sua pinna per dettar legge (non diamogli importanza, vuole dimostrare che è forte e se non ci agitiamo non ci attacca) , la razza continuerà a pavoneggiarsi in cerca di consensi (é pur anche bello osservare gli sforzi di chi non vuol sentirsi solo), l'anguilla cercherà senza riuscirci di trasformarsi in torpedine (ma non ha la carica giusta e dovrà continuare a strisciare), la guardia costiera continuerà a gettare bombe di profondità (occhio perchè la Valchiria usa poche parole ma quelle poche possono uccidere davvero, quella non scherza, sgancia). In definitiva è il bello del sito. Grazie Emilia, ci hai messo a disposizione uno strumento interessante.
Mai provato a far l'amore su una barchetta? uno spasso! da perderci la testa....  
Avatar
ultimo
 
Messaggi: 66

Messaggioda leonte54 » 18.10.2017, 6:37

Fantastico!!!
Avatar
leonte54
moderatore
 
Messaggi: 23

Messaggioda Curcumella » 18.10.2017, 8:33

Complimenti, ultimo.
Avatar
Curcumella
 
Messaggi: 75

Messaggioda clali2015 » 18.10.2017, 9:30

Una piacevole metafora che può far meditare,grazie Ultimo.
Avatar
clali2015
moderatore
 
Messaggi: 247
Rispondi citando


Torna a Computer e Internet