Premetto che sono una cinefila. Di quelle che amano guardare un film seduta nelle terza o al massimo quarta fila di una bella sala cinematografica per evitare l'effetto piccolo schermo.
Ieri sera mi sono vista in TV un film di Di Gregorio dell'anno scorso, "Buoni a nulla". Per intenderci Di Gregorio è il regista/autore anche di "Pranzo di Ferragosto" e "Gianni e le donne".
Anche quest'ultimo film mi è piaciuto. Un prodotto senza pretese ma garbato, che riesce a costruire un piccolo spaccato su alcuni aspetti della vita e dell'animo umano. Un film prodotto evidentemente in economia e che si può vedere anche sul piccolo schermo senza che se ne perda qualcosa, ma anche un film gradevole e che fa sorridere con eleganza.
Insomma: Muccino è stato giustamente sbattuto fuori da Facebook per aver definito Pasolini  un regista amatoriale. Io uso lo stesso aggettivo per Di Gregorio, aggiungendo, però, che molti altri registi "professionisti " (opposto di amatoriali) avrebbero molto da imparare da lui
concordo su pranzo di ferragosto e gianni e le donne. il terzo non l'ho visto.
molto gradevoli.
cron