Negli anni 20 e 30 le donne italiane si presentavano in spiaggia con i mutandoni, una tunica sopra e anche una cuffietta. L'Islam che arretra indubbiamente la donna ad una non libertà di scelta nell'abbigliamento in fondo ci ripropone con il burkini una mise a noi già nota e superata. Ieri leggevo con interesse un articolo scritto da una giornalista che su una spiaggia di Rimini si era presentata con il burkini per poter descrivere l'effetto suscitato sui bagnanti (fastidio, sospetto, pena) e anche il disagio suo proprio nell'indossare questa specie di panta collant con una casacca sopra e un cappuccio. La stoffa trasmetteva calore, una volta bagnata diventava pesantissima e creava disagio nel muoversi. Insomma, una tortura. Ora, mi pare di capire che alle nostre omologhe figlie dell'integralismo islamico giuridico e dottrinale non resti che rinunciare alla spaggia. Se si presentano con il burkini, vengono bandite ma se azzardassero ad un costume occidentale se la vedrebbero brutta e non poco con la propria religione e società. Alla fine... cornute e mazziate comunque si rivolti la faccenda. Quello che a me però pare eccessivo è il rigore della Francia... che si pensi che sotto la tunica ci possa essere un mitra? Noi non eravamo quelli del.... vestiti come ti pare la il volto deve stare scoperto? Ora siamo diventati anche noi integralisti... e non nel senso dell'obbligo del nudo integrale? Pensando a queste donne come donne... e non colpevoli di essere di altra società o religione... mi chiedo se osasse qualcuno di noi andarsi a fare il bagno tutto vestito sarebbe arrestato o semplicemente spacciato per un pazzo in libera uscita ma comunque con pieno diritto di fare il bagno come gli piace? Essere troppo vestiti o nudi alla fine sortisce lo stesso effetto...
Nulla da aggiungere Consonanza, se non che in Francia ultimamente, e a ragione, forse sono un po' schizzati.....
Che si discuta in Italia o nel resto d'Europa del burkini lo trovo assurdo, quando ancora vedi in giro donne coperte dalla testa ai piedi, solo con una fessura per gli occhi. Questo non lo trovo giusto, il vestito integrale, con il viso coperto, le mani coperte, il camicione enorme......
Se io andassi in Arabia Saudita (so che mai e poi mai mi farebbero entrare), non potrei comunque girare vestita come sono abituata - così non trovo giusto che non ci sia più severità nel vietare questi vestiti integrali (burqua niqab o come si chiamano) - lasci il viso scoperto, sempre quando sei in pubblico, e ti metti il velo se la tua religione te lo chiede.
E' paura? sì è paura in questi momenti, ma non è solo quello: io rispetto la tua cultura, la tua religione, ma tu sei ospite in un paese diverso da tuo, quindi, ti adegui.
Per il resto, è estate, e tutto fa notizia!
la mia libertà finisce dove inizia la tua. I miei diritti vengono meno dove emergono i tuoi. La mia responsabilità cessa dove viene meno la tua.
Sono norme del vivere sociale che chi vuole vivere in una società deve, deve, accettare e rispettare.
Non sei d'accordo? vai pure a vivere in  un altro mondo (il tuo dal quale scappi) e non stare qui a rompere i cosiddetti sbandierando diritti e pretese. Non ti ho invitato a casa mia, ci sei entrato di tua iniziativa e senza permesso. Ora mi imponi di accettare le tue regole? Perché dovrei rinunciare alle mie prerogative? ….
Non sono razzista né integralista. Qualcuno mi spieghi per quale altra norma sociale dovrei farlo. 
In nome del famigerato buonismo, no ?!
Ma secondo me non è questa la giusta strada x aiutarli, il sindaco di Capalbio invita i suoi concittadini a prendere in casa un rifugiato, questa sarebbe la soluzione a costo zero per le istituzioni? Vedremo che succederà quando si andrà alle urne, come la pensa la maggioranza degli italiani, ma non vorrei che fosse già troppo tardi x rimediare
E dopo tutte le bufere e tsunami, come al solito, (la moda...): negli Usa lo comprano le americane, mica solo le musulmane. Da noi è una novità, tra qualche anno magari diventa moda anche qui da noi bah....
La donna in pubblico deve essere modesta e velata, in modo da non provocare i maschi con l'atteggiamento o l'abbigliamento. Coprire il corpo è per la sua protezione. In casa, si abbiglierà secondo i desideri del marito.
Non vorrei creare tornadi ma come dicevo, dove abito ora, è un angolo multietnico, ma più in alto sulla stradina c'è un convento di suore , beh, alcuni giorni fà, 4 suore con tonaca e velo d’ordinanza. si erano fermate sul ponticello (come spesso fanno) a contemplare il fiume, alcuni minuti dopo passano 2 musulmane con burqa e credetemi mi è sorta una profonda riflessione, non ve la dico, poichè mi stà facendo perdere la fiducia nell’umanità (che, con tutta franchezza, al momento già non è tantissima.) Non vorrei smarrirla del tutto.....
lascio a voi una riflessione in merito ! la vostra opinione è come sempre ben accetta!

Vi dico solo il mio pensiero finale aggiunto, la parte umoristica?
Beh, provate ad immaginare se in quel preciso momento ci fossi stata anche io vestita con la mia mimetica sul ponticello mi sà che ne usciva la foto dell'anno...!
Oh certo...la foto dell'anno...ma niente manette o multe:) non ho capito il discorso di otto su diritti lesi...i tuoi di vedere solo donne in bikini costume intero topless? O nudo integrale su spiagge per nudisti? Potrebbe essere una soluzione lidi per tutti vestiti?:)...cosi uno sguazza dove e come gli pare:). A me non so se si e' capito non crea alcun problema che esseri umani facciano il bagno vestiti...ho pure visto al bau village cani col costume che credo nella libertà...fin quando non diventi minaccia per gli altri. E nei casi in questione non ci vedo minacce o aggressioni..I problemi veri sono altrove...e noi occidentali stiamo a mio avviso cedendo il passo ad altre forme di integralismo. Si...siamo un po' schizzati ed esasperati. Otto...non c'entra che siano gente che scappa dal proprio paese...perché non sempre e' così. La mia amica araba vive da 20 anni in Italia insegna all'università di Napoli fisica e fino all'anno scorso il burkini era per lei la sua cultura...il suo pudore...e la sua norma.

Come i mutandoni della mia nonna:)
in base all'art.85 del codice penale, in Italia è proibito presentarsi in luogo pubblico mascherati. Ho lavorato in un posto fino al 96 dove si riscuoteva questo genere di oblazioni, essendo reato depenalizzato. Ci fu un periodo nel quale le forze dell'ordine applicavano detto articolo ai travestiti che battevano nella mia città, che si presentavano poi allo sportello per pagare l'oblazione. Non capisco perché qualcuno possa pensare che invece pinca pallina possa girare con la faccia coperta ed essere esentata dall'art 85 del CP., solo perché nel suo paese di provenienza le donne girano con la faccia coperta. normalmente nella mia città le vedo solo con il fazzoletto in testa, e girare col fazzoletto in testa o abbigliamento a strati, non costituisce reato.in qualsiasi piscina è fatto obbligo di farsi la doccia prima di entrarvi, pertanto non vedo come uno potrebbe entrarvi con vestiti sporchi. In una spiaggia affollata se non fosse consentito, mi parrebbe giustificabile per questioni di igiene. A parte queste considerazioni, chi è ospitato in un paese, si deve adeguare ai suoi costumi, non il contrario.
Consonanza ha scritto: ... non ho capito il discorso di otto su diritti lesi...)


rileggi bene. Non ho scritto di diritti lesi. Quando si ledono dei diritti siamo su un piano completamente diverso. Io parlo di norme di convivenza che devono trovare un equilibrio accettabile tra tutte le parti in causa. Non me frega niente se una magrebina non mi fa vedere le tette, ma quando parlo con lei voglio guardarla in faccia. Questa è una delle nostre norme di vita sociale. La magrebina non mi deve imporre il rispetto della sua cultura nei casi in cui questo rispetto mi crea difficoltà o disagio. Casomai lei ha il dovere di rispettare la nostra, dato che nessuno l'ha invitata. Se per mille validi motivi ha abbandonato la sua cultura e il suo habitat naturale non può pretendere di reimpiantarlo qui da noi e pretendere che venga da noi accettato perché a lei sta bene così e nel suo paese si vive così. Se tu vivi in un porcile e a me dà fastidio la sporcizia io non vengo a trovarti mettendomi i guanti, ti offenderei facendoti capire sei un maiale, no, non ci verrei proprio.  
Il discorso sull'accoglienza lo accetto (anche questo fa parte della nostra cultura), ma se lo si pretende a senso unico. Accogliere non significa svendersi. Se a te della tua cultura non te ne frega niente sono affari tuoi. A me invece me ne frega qualcosa, e ci tengo perché è un valore.

Guardiamola sul versante opposto: chiedere di essere accolti che cosa comporta? …. no le impronte digitali, no la conoscenza della lingua, no il centro di accoglienza, no la disoccupazione, no il reimpatrio, no i documenti, no l'identificazione, no la pasta asciutta perché no buona…. qualche sì ce lo vogliamo mettere? e siamo noi a doverlo formulare, non la magrebina.
E' più chiaro così? 
errata corrige:
...ma se lo si pretende a senso unico..
volevo scrivere:  ma NON se lo si pretende... 
Come mi immaginavasi le risposte sono sull'onda emotiva...parlare di codice civile e visi coperti qui non c'entra niente:)...Prova...comprendo la tua isteria quando si parla di diversità...ma ragiona...il divieto non fa riferimento ad abiti inquinanti ( se pensi che in mare la gente fa pure...din don...che preoccupazione hai?:)..e il burkini non copre il volto. Cmq a onor di cronica la stilista francese che ha inventato il burkini...nato come indumento per lo sport...sta facendo soldi a palate con le sue vendite on line. E sapete chi sono le principali acquirenti? Le donne occidentali:). Otto..
Il discorso sull'accoglienza e' poco attinente a mio avviso. Perché se fosse una europea con la consuetudine di tuffarsi vestita non si alzerebbero divieti. Io mi riferivo ad un puro diritto umano...senza bandiere politiche o religiose
MARIATERRY62 ha scritto: In nome del famigerato buonismo, no ?!
Ma secondo me non è questa la giusta strada x aiutarli, il sindaco di Capalbio invita i suoi concittadini a prendere in casa un rifugiato, questa sarebbe la soluzione a costo zero per le istituzioni? Vedremo che succederà quando si andrà alle urne, come la pensa la maggioranza degli italiani, ma non vorrei che fosse già troppo tardi x rimediare

Terry...tu che mi conosci...confermi non indosso velo non sono islamica e la sera quando esco non metto il cappellino con la veletta?:)
Consonanza ha scritto: Negli anni 20 e 30 le donne italiane si presentavano in spiaggia con i mutandoni, una tunica sopra e anche una cuffietta. L'Islam che arretra indubbiamente la donna ad una non libertà di scelta nell'abbigliamento in fondo ci ripropone con il burkini una mise a noi già nota e superata. Ieri leggevo con interesse un articolo scritto da una giornalista che su una spiaggia di Rimini si era presentata con il burkini per poter descrivere l'effetto suscitato sui bagnanti (fastidio, sospetto, pena) e anche il disagio suo proprio nell'indossare questa specie di panta collant con una casacca sopra e un cappuccio. La stoffa trasmetteva calore, una volta bagnata diventava pesantissima e creava disagio nel muoversi. Insomma, una tortura. Ora, mi pare di capire che alle nostre omologhe figlie dell'integralismo islamico giuridico e dottrinale non resti che rinunciare alla spaggia. Se si presentano con il burkini, vengono bandite ma se azzardassero ad un costume occidentale se la vedrebbero brutta e non poco con la propria religione e società. Alla fine... cornute e mazziate comunque si rivolti la faccenda. Quello che a me però pare eccessivo è il rigore della Francia... che si pensi che sotto la tunica ci possa essere un mitra? Noi non eravamo quelli del.... vestiti come ti pare la il volto deve stare scoperto? Ora siamo diventati anche noi integralisti... e non nel senso dell'obbligo del nudo integrale? Pensando a queste donne come donne... e non colpevoli di essere di altra società o religione... mi chiedo se osasse qualcuno di noi andarsi a fare il bagno tutto vestito sarebbe arrestato o semplicemente spacciato per un pazzo in libera uscita ma comunque con pieno diritto di fare il bagno come gli piace? Essere troppo vestiti o nudi alla fine sortisce lo stesso effetto...


Quel giornalista si deve essere ispirato ad un mio commento su MSN su cosa pensavamo della faccenda del Burkini, difatti ha copiato integralmente le mie parole, perché sono stato io a scrivere che il Burkini, mi ricordava un costume da bagno d'epoca di mia nonna che ancora conserviamo e poi se parliamo di religione, gli abiti che raffigurano la Madonna della religione cattolica, non sono forse di ispirazione palestinese o islamica? anche quelli degli altri personaggi del cristianesimo?
penso che non hai nessun diritto di parlare di isteria per il fatto che ho citato che i visi coperti contravvengono al codice PENALE, non civile, e se ritengo che i cittadini stranieri, cosa che comunque non ho detto, ma lo dico ora, debbano conoscere e rispettare il codice civile, e soprattutto il regolamento di condominio. se leggi meglio ho scritto che girare col fazzoletto in testa, non contravviene a nessuna normativa vigente, quindi non c'è niente da ridire. che si chiami fazzoletto in testa o burkina o vattelapesca, non me ne frega niente.quindi non ho affatto scritto quindi che girare con un fazzoletto in testa debba essere vietato. ribadisco che gli ospiti si debbano adeguare ai costumi del paese che li ospita, e non il contrario.questo vale per qualsiasi paese al mondo. non ho nessuna "isteria" per il diverso e a testimonianza del fatto passo alcuni mesi dell'anno in paesi extracomunitari.la scelta dei quali è un mio diritto, così come sarebbe un mio diritto prediligere culture straniere piuttosto che altre, per motivi miei insindacabili, dei quali non devo rendere conto a nessuno. Così come, quando arrivano extracomunitari in Italia, è un mio diritto insindacabile, che alcuni mi siano più simpatici piuttosto che altri, in funzione di una mia graduatoria di simpatie personali e valutazioni delle affinità culturali, delle quali non devo rendere conto a nessuno.Di sicuro non mi capiterà di bagnarmi in un paese arabo vicino a una vestita perchè non ci vado,siccome i miei soldi li spendo dove mi pare. In realtà non mi bagno nemmeno in Italia perché a me piace il tropico e non ho nessun interesse per le spiagge italiane, a prescindere se vi si bagnino extracomunitarie vestite di tutto punto, ma se mi dovessi bagnare e vedo una vestita vicino a me esco dall'acqua subito. Mi astengo da commentare questioni politiche, perchè non mi interessa di farlo in questa sede,ma il tema sarebbe lungo e articolato. [quote="Consonanza"]..Prova...comprendo la tua isteria quando si parla di diversità.