L'integralismo religioso ha prodotti nuove morti...identificati i 9 italiani morti nell'attentato in Bangladesh. Se Isis sia autore di questo attentato non vi e' conferma ma certamente in un paese povero di cui si sente parlare soprattutto per le catastrofi naturali e al 90 per cento di religione islamica...possibile che il califfato si possa infiltrare...Ma come ci si può proteggere? Qualsiasi continente ormai e' un campo minato e la pace in medio oriente sempre più un miracolo
"Non capite o non volete capire che se non ci si oppone, se non ci si difende, se non si combatte, la Jihad vincerà. E distruggerà il mondo che bene o male siamo riusciti a costruire, a cambiare, a migliorare, a rendere un po’ più intelligente cioè meno bigotto o addirittura non bigotto. Distruggerà la nostra cultura, la nostra arte, la nostra scienza, la nostra morale, i nostri valori, i nostri piaceri."
La frase è di Oriana Fallaci......quanto è purtroppo vera!!!!!!
Ciao. La Fallaci era nota per la sua posizione su Islam e cristianesimo e il suo constatare che le moschee son sempre più piene ma le chiese vuote...ma non era neanche praticante. Il suo pensiero e' stato strumentalizzato per bandiere politiche. Non era mio intento sollevare un argomento politico...ma capire nel pratico visto che anche gli aeroporti sono violabili e insicuri...come far in modo che la gente si senta più sicura. Lottare...combattere...spesso non sappiamo neanche...chi...e cmq non confondo islam con terrorismo o estremismo religioso. Solo un esempio...stazione Termini di Roma...blindati tutti i binari ma gli accessi in stazione poco vigilati. Stazione ostiense o Trastevere...nessun controllo e binari incustoditi. Solo un esempio...
Come ho detto ieri sera, alle persone che erano presenti al ns incontro al Bar Centro Costa, lungi da me di andare in vacanza in un paese musulmano. Non mi piace la loro cultura, non mi piace andare in un posto dove c'è la segregazione delle donne. Non capisco perché nonostante i pericoli, e lo squallore del loro tipo di vita,e dell'ambiente, alcuni si ostinano ad andare in quei paesi in vacanza, siccome il mondo è tanto grande, e ci ci sono centinaia di posti più allettanti. Le vittime, comunque non erano turisti ma erano persone che lavoravano là, da quello che ho letto. Ho letto anche i commenti dei ns connazionali agli articoli dei principali quotidiani on line, es. il fatto, repubblica, Alcuni giustificano quasi gli attentati siccome le multinazionali del tessile vanno là a sfruttare i lavoratori di quel paese. Nonostante sia sfavorevole alla delocalizzazione, per vari motivi, non posso essere "dalla parte" di soggetti che utilizzano metodi da trogloditi per esprimere le loro convinzioni, assassinando la gente in modo barbaro.
Non è possibile rinunciare a girare, ma come detto, se uno va da un'altra parte è meglio...
Consonanza ha scritto: Ciao. La Fallaci era nota per la sua posizione su Islam e cristianesimo e il suo constatare che le moschee son sempre più piene ma le chiese vuote...ma non era neanche praticante. Il suo pensiero e' stato strumentalizzato per bandiere politiche. Non era mio intento sollevare un argomento politico...ma capire nel pratico visto che anche gli aeroporti sono violabili e insicuri...come far in modo che la gente si senta più sicura. Lottare...combattere...spesso non sappiamo neanche...chi...e cmq non confondo islam con terrorismo o estremismo religioso. Solo un esempio...stazione Termini di Roma...blindati tutti i binari ma gli accessi in stazione poco vigilati. Stazione ostiense o Trastevere...nessun controllo e binari incustoditi. Solo un esempio...
Forse non sono in linea con questo buonismo imperante ma ormai il cancro non è così facile da estirpare.....si è allargato e non so se esiste una cura.La sicurezza come garantirla???? Bella domanda!!!!! Io ho una mezza idea che non piacerà forse a nessuno. Il nostro esercito che ci sta a fare!????esercitazioni!!!!! Belle indubbiamente ma metterlo in giro nei luoghi a rischio no!!!!! Solo come deterrente.. Forse non servirebbe a molto ma provare non costerebbe.... L esercito lo abbiamo! E forse non sarebbe male ripristinare nelle nostre citta' le ronde quelle che io vedevo costantemente girare da bambina e mi davano un senso di sicurezza. (anche perché mi era stato insegnato che per qualunque cosa mi potevo rivolgere a loro)
Idea bislacca ma a questo punto......chissà!!!!!
Le forze armate sono in esubero di decine di migliaia e in corso di dismissione in seguito a disposizioni legislative. Non seguo più la faccenda da quando sono in pensione.Finché ero in servizio mi interessava perché era in ballo la questione degli esuberi nella P.a e per l'Interno si parlava di agevolazioni in conflitto assai con le bastonate che stavano arrivando agli altri dipendenti, cosa che percepivo come un'ingiustizia.Stavano contrattando per un esonero dal servizio con condizioni economiche assai agevolate.Poi appunto, non so come sia andata a finire e cosa si sia deciso di fare con quel personale. Non penso che a Bologna ci siano frotte di terroristi islamici pronti a colpire. Direi che possiamo stare rilassati, e non abbiamo bisogno dell'esercito all'angolo della strada. Ma in effetti la destinazione più idonea di quel personale in esubero sarebbe stata proprio quella di assorbirla negli altri corpi militari, e non di stare a casa pagato a non fare niente. Pattugliare può essere un deterrente per la delinquenza comune, per il terrorismo sono più efficaci le indagini, a mio parere. Comunque, se si mette un freno all'immigrazione incontrollata, già si fa qualcosa. Che poi non c'è solo il problema del terrorismo, in tema d'immigrazione, ma la chiudo qua.
A mio avviso dovrebbero iniziare con chiudere Moschee abusive e false associazioni culturali, Si definiscono centri culturali, ma in effetti sono moschee abusive, dove il rischio reclutamento di terroristi è mascherato con le preghiere. dove con la preghiera si vuole nascondere un’attività di reclutamento jihadista Chi controlla le moschee, regolari o irregolari che siano? Stanno nascendo a macchia d’olio: in Italia sono ormai un migliaio, un terzo dei quali non autorizzati !!! Gli Imam predicano in arabo di Islam e di politica, ed il rischio è che si predichi odio e si recluti terroristi
Pare che sia impossibile per le forze dell’ordine controllarle tutte, ma in un momento contingente come questo, dove il livello di allarme è massimo, occorre produrre uno sforzo.......!Devono però fare presto, non c’è più tempo da attendere., ecco.....in Tunisia ne hanno chiuse 80 !!!!
'naturali e al 90 per cento di religione islamica...possibile che il califfato si possa infiltrare...Ma come ci si può proteggere? '
-----
Paola, il califfato si può infiltrare maggiormente nei paesi poveri, hanno meno strumenti per potersi difendere.
E poi, bella la frase di Annadomenica, ricordando così Oriana Fallaci, valida per tutte le Nazioni.
----------
Io penso che per difenderci possiamo solo fare quello che già stanno facendo, metal detector agli aereoporti e controlli più energici nei posti più famosi e frequentati. Certo è che nessuno può difendere un paese di periferia o tantissimi luoghi di ritrovo, noi dobbiamo vivere tranquillamente, poi quel che succede succede. Può capitarci anche una tegola in testa mentre camminiamo. Certo è che sono vere stragi quelle che combina l'Isis. Ne sto parlando con disimpegno ma ogni volta che sento questi fatti in TV mi viene l'angoscia. Cosa può succedere? Che per assuefazione i guerriglieri si stanchino, le persone diventino più intelligenti, che diventino sempre in numero minore. Che ci siano meno persone esaltate. In questo momento l'Isis diventa un ideale, un ideale per cui morire. Non importa quanti morti procurerà.
Una settimana fa ho letto di una donna che era andata dal marito, guerrigliero, per fargli vedere la bambina. poi ha scoperto che lui le aveva già preparato una cintura esplosiva, così lei è scappata con la bimba per tornare dai suoi genitori.
E intanto quanti morti, americani, europei, di tutte le nazionalità. E queste entrate in massa di extracomunitari. Chissà chi si nasconde in mezzo a tanti.
E' un argomento triste, ieri ha colpito anche nostri connazionali, che si trovavano lì per lavoro.
Susi: Io penso che per difenderci possiamo solo fare quello che già stanno facendo, metal detector agli aereoporti e controlli più energici nei posti più famosi e frequentati.

Ieri sera a San Siro: 60mila persone, ho visto 3 poliziotti con il mitra; controlli agli ingressi: hanno requisito una borraccia di plastica a mia figlia e i tappi delle bottiglie dell'acqua, nemmeno gli accendini - spiegazione: poi magari si lanciano sul pubblico....nel frattempo io sono passata con il manico di un ventaglio che usciva dalla borsa, mi hanno chiesto "cos'è?" risposta "il ventaglio" "ah va bene", senza guardare nè niente.....
all'interno vendevano bottiglie di birra in plastica e in vetro, i tappi all'inizio li requisivano, a concerto iniziato non gliene fregava nulla....
forse mi sbaglio, ma i controlli sembravano inesistenti.

A me sembra che i morti facciano notizia al momento, e sull'onda dell'indignazione molti ci marciano. Mi attirerò parecchie critiche, ma in percentuale i morti provocati dagli atti terroristici, quanti sono? una percentuale minima sulla popolazione di una città - quindi da parte delle autorità, controlli sì, ma impossibile garantire la sicurezza ai cittadini sempre. Si continua a vivere sperando vada bene.
M'ero distratta:)...ovvio i controlli negli stadi siano opportuni ma vengono fatti all'acqua di rose. Qualche volta vedono un ombrello e lasciano correre...mentre per il divieto di ingresso con bevande o acqua credo sia anche per favorire l'acquisto negli store interni...più che per sicurezza. Cmq...per il resto concordo che in grandi città un controllo capillare preventivo sia impossibile e ingestibile. Ha ragione Gioia su una gestione e anagrafica delle moschee che non si sa chi le finanzia chi le gestisca e se siano quindi possibili covi nati per altri scopi. Se ne parla da anni di questo argomento...ma ad oggi nessuno ha fatto nulla. Per Prova...ovvio la gente vada in vacanza dove ritiene...purtroppo molta gente si sposta invece per motivi di lavoro e gli attentati ci son stati anche in Europa...quindi non in paesi musulmani dove peraltro sono stata...non come turista...con tunica e foulard in testa e non mi e' successo nulla...neanche durante il ramadan...periodo di maggior tensione. Scusate oggi ho difficoltà scrivere
Eh si Nina nessuno ci può proteggere da tutto: impossibile, bisogna sperare di non incappare nel posto sbagliato al momento sbagliato, pensa a quei giovani militari armati fino ai denti che fanno le statuine sui binari della metro a Roma, a cosa servono? Ad aumentare la percezione di sicurezza delle masse, in realtà salterebbero in aria anche loro come coriandoli se investiti dal classico kamikaze!
Sembra proprio che non ci sia pace su questa terra, ogni epoca e ogni zona ha i suoi problemini, d altronde l eterna lotta tra il bene ed il male . . .
io non posso e NON VOGLIO dare una valenza di religione a ciò che professano quei mostri che ne fanno una bandiera per torturare uccidere massacrare innocenti... quella NON E' religione! è solo voglia di potere, di egemonia sull'essere umano, voglia di supremazia NON E' RELIGIONE! esseri abbietti senza un briciolo di coscienza, di umanità, di rispetto, conoscono solo la loro FILOSOFIA DI MORTE in nome di un solo dio, il dio quattrino, e basta! chi si para dietro al paravento con il nome di RELIGIONE per effettuare dei delitti di massa sarebbero da imbarcare tutti e portarli in un'isola sperduta in qualche oceano e dimenticarci di loro, l'Onu con il suo esercito potrebbe in poco tempo eliminarli perché non lo fa? ci sono interessi occulti ramificati nelle grandi potenze che hanno tutto l'interesse che questi stermini avvengano, il business delle armi per dirne una.. ma quando parlo di questo mi imbufalisco meglio che mi calmi, buona sera... Ariella