Messaggioda artmk59 » 17.05.2016, 15:38
..'a mio semplice avviso...oggi...la cosa più trasgressiva è essere normale
un saluto ai naviganti '..
-------------
A questo punto penso che essere trasgressivi vuol dire andare alla Messa della domenica, in chiesa.
E, quì mi collego a una altro forum, un personaggio trasgressivo della politica era Marco Pannella, se non avesse avuto le sue trasgressività il suo partito nell'ultimo decennio sarebbe passato più inosservato.
Può darsi che non abbia letto tutti i post di questo argomento perché sono davvero molti, quindi mi scuso se ripeto qualcosa di già detto...

credo che in questa società, che tende sempre di più all'omologazione, la vera trasgressione consista nel cercare di essere sé stessi (il che non significa essere normali...), compito peraltro tutt'altro che facile...

il resto sono dettagli...
Che vuol dire...non essere normali pur essendo se stessi? Non ho capito:)
Forse significa che se veramente fossimo noi stessi per le regole comuni non rientreremmo nella norma.
Forse il vero 'io' è difficile da dimostrare, a volte ci comportiamo come la gente vorrebbe che ci comportassimo. Quello che siamo veramente non sarebbe approvato, sarebbe contro la morale, o la legge pubblica.
Forse la nostra più grande trasgressività non l'abbiamo neancora scritta.
Credo che hiram24 volesse dire questo.
Susi...alle 15 di pomeriggio non sono troppo sveglia:) lo devo rileggere verso le 17:)
ma è proprio indispensabile essere trasgressivi? è a la page?
susi_4ve ha scritto: Forse significa che se veramente fossimo noi stessi per le regole comuni non rientreremmo nella norma.
Forse il vero 'io' è difficile da dimostrare, a volte ci comportiamo come la gente vorrebbe che ci comportassimo. Quello che siamo veramente non sarebbe approvato, sarebbe contro la morale, o la legge pubblica.
Forse la nostra più grande trasgressività non l'abbiamo neancora scritta.
Credo che hiram24 volesse dire questo.


interpretazione corretta Susi... il tema dell'identità è molto profondo... quasi sempre noi non siamo noi stessi ma quelli che gli altri (genitori, società etc..) ci chiedono, implicitamente od esplicitamente, di essere...
Cari Susi e Hiram...ora mi e' più chiaro il vostro pensiero:). Mi viene in mente Gaber "far finta di essere sani":)