Alessandro1957 ha scritto: Per Annamaria,
ti chiedo scusa per la mia ultima risposta, sono stato uno stupido,ti prego di perdonarmi....
Vorrei chiederti di riflettere sul fatto che cani e bambini intuiscono subito il nostro stato d'animo e come stiamo davvero, e' una capacita' che noi adulti abbiamo dimenticato da tempo....

Per tutti quelli che mi leggono, forse Luciano ha posto un problema vero e io sono stato troppo protagonista......ci sono ancora molte cose delle quali vorrei parlarvi ma adesso sono  indeciso.... per me sarebbe importante conoscere il vostro parere

Io invece il BAU BAU l'ho trovato divertente e tante "pippe" mentali e non me le faccio( sono una prof
ma qui mi sento libera di esprimermi come i miei ragazzi).Bambini e cani possono intuire ma l'empatia é dell'essere umano maturo e sensibile e funziona diversamente dalla semplice intuizione. Poi Alessandro perché non metti una tua foto? Almeno lo possiamo ammirare tutti il tuo sguardo da Golden e qualcuna chissà potrebbe rimanere pure folgorata.
hai ragione l'empatia è molto più della semplice intuizione, ho cercato di mettere una mia fotografia ma le uniche che ho sono sul telefonino e quando ho provato a cercare di metterla è apparsa una scritta che diceva cercare nel disco rigido mi sono fermato perché non sapevo come fare, cercherò una soluzione. Sono molto  poco pratico di cose tecnologiche.......un caro saluto. Grazie di cuore, almeno tu mi hai dato un riscontro e grazie anche a Paola.
Luciano
  l'invito a un ballo? Ma come si fa se non so ballare..... Forse è troppo tardi per imparare a farlo....
    Linda 
Il silenzio che ho ricevuto alla mia richiesta è già una comunicazione chiara......se silenzio ottengo significa che silenzio ho meritato. Non posso che riflettere sui miei errori per cercare per quanto mi è possibile di migliorare.....forse la cosa migliore è che quietamente, senza dare fastidio a nessuno, .......mi dissolva.
Un ultimo pensiero se posso: è stato proprio il mio protagonismo a spingere Mafalda   a raccontare aspetti suoi intimi e personali, se prima io non avessi raccontato di me lo avrebbe fatto lo stesso? Ci sono molte possibilità di parlare di argomenti diversi sul forum ma in  fondo quello che interessa a me e' soprattutto uno: chi sei tu che mi leggi,si proprio tu, chi sei davvero nel profondo? e per farlo devo per primo raccontarmi io stesso.......quando chiedevo a Lucysky e millesplendidisoli di parlarmi del loro libro preferito e di spiegarmi perché era importante per loro la cosa che mi interessava veramente era soprattutto la seconda........
Ho cominciato la mia avventura nel club con questo stato d'animo:
Mattino,
mi illumino d'immenso 
Quello che provo ora potrebbe essere:
Ognuno sta solo
sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole
 Ed è subito sera.
Ma questo come ripeto non può che farmi riflettere sui miei errori e sulle mie responsabilità .
Un caro saluto a tutti e un abbraccio
Mafalda59 ha scritto:
Meryl51 ha scritto: Parte due ( c'è un modo di recuperare la risposta e completarla se serve? Grazie dell' aiuto)
Alessandro, leggendo ancora sembra che per le ragioni che scrivi che hai problemi ad approcciare le donne... ( oppure ho capito male?) ma mi sembra che hai citato una moglie. Se siamo stati in qualche modo amati sino a un matrimonio o a una convivenza... vuol dire che siamo quel siamo e siamo piaciuti. Voilà... un aggiunta che volevo scrivere prima... Bye! 

Ciao Mery e bentrovata :)
hai fatto benissimo come hai fatto col messaggio aggiunto dopo; :)
una volta inviato il primo è immodificabile, apposta c'è anche l'anteprima.

Grazie Mafalda! Buona Giornata!
Alessandro1957 ha scritto: Per Meryl,
grazie per quanto hai scritto, soprattutto nel secondo messaggio.
Fino a 18 anni non ho corteggiato nessuna ragazza perché sembrava che io non potessi interessar loro, come ho già scritto forse mancavo di personalità. Dai 19 ai 24 le ragazze le ho corteggate eccome, ma a modo mio.... Facevo pochi, ma sinceri e perciò apprezzati, complimenti diretti, le corteggiavo  semplicemente ascoltandole con tutto me stesso, lasciandomi inondare come ho scritto dai loro pensieri e dalle loro emozioni. Hai presente un bambino piccolo che quando gioca vede e sente solo quello che sta facendo in quel momento, nel presente? Così ero io e questo era il mio modo di corteggiare. Non era una cosa che mi costava fatica, anzi per me sarebbe stato difficile il contrario, mi interessava davvero avvicinare più che potevo la mia anima alla loro.....a 24 anni ero già sposato e da allora niente piu' corteggiamenti anche se mi manca.....quel piacevole brivido.

Ciao Ale! Non manca solo a te come andavano le cose... un po' di tempo fa!  :wink:
Hai un po' di anni in meno di me ma pure io ricordo il corteggiamento di quei tempi.
E' che oggi tutto sembra correre, non si gusta più nulla e soprattutto ci si adegua.
Grazie a Dio non tutti. Ecco perchè io propendo sempre per essere sinceri e non cambiare in ciò che si crede giusto alla faccia del mondo.
Si può cambiare perchè si cresce ( e lo si fa anche alla nostra età) si può cambiare idea e modo di pensare ma se certe cose o pensieri, si cambiano solo per adeguarci a chi infondo li sta' demolendo e sporcando... bè io non ci sto'.
Poi si sa... è un discorso generico.
Io quando cercavo qualcuno anni fa ci ho messo tanto e ho preso bidonate pazzesche e anche una sofferenza (  di un altra non ne avevo bisogno nemmeno un po'!)  di 8 mesi. Però è servita a scegliere bene e farmi scegliere, ovvio!
Adesso ne metto via una di due anni ma che faccio? La muffa? Naaaaaa....
Comunque una cosa è certa: la vita e come viverla non è più come una volta in tutto e per tutto. Se noi restiamo fermi in ciò che riteniamo giusto siamo VERI.
E qui è una scelta e coraggiosa, credo.
Buona giornata...  
rosegigli ha scritto: Luciano
  l'invito a un ballo? Ma come si fa se non so ballare..... Forse è troppo tardi per imparare a farlo....
    Linda 

Linda, l' invito a un ballo era riferito alla mia abitudine di andare di frequente nei locali da ballo e lì, spesso succede, che  signore di varia età, a volte già note e a volte perfettamente sconosciute, si facciano avanti chiedendomi di fare un ballo. Riferendomi a tali circostanze,  dicevo che , in quei casi, personalmente, al contrario di molte donne che spesso rifiutano sdegnate, non dico mai no, magari un solo ballo, ma lo  concedo sempre, come un regalo ( a volte proprio di regalo si tratta perchè , fosse per me avrei evitato con piacere).
Quello era il contesto a cui mi riferivo e che tu non potevi , ovviamente, conoscere, invece ti dico che per imparare a ballare non esiste un'età, esiste solo capire se sei veramente  interessata o meno ed eventualmente verificare se esiste nelle vicinanze una scuola da frequentare, In bocca al ballo!  
PS Linda guarda che spesso molte donne, se trovano uno bravo, imparano direttamente in sala, è l'uomo che deve saperle "guidare". Ciao 
Un ultimo pensiero se posso: è stato proprio il mio protagonismo a spingere Mafalda a raccontare aspetti suoi intimi e personali, se prima io non avessi raccontato di me lo avrebbe fatto lo stesso?
Probabilmente NI.
Il fatto che tu abbia raccontato aspetti intimi e personali è stato un imput per me, ma ciò non toglie che è stata una mia decisione espormi: evidemente era ora di farlo!
grazie Alessandro :)
LUCIANO52 ha scritto:
rosegigli ha scritto: Luciano
l'invito a un ballo? Ma come si fa se non so ballare..... Forse è troppo tardi per imparare a farlo....
Linda

Linda, l' invito a un ballo era riferito alla mia abitudine di andare di frequente nei locali da ballo e lì, spesso succede, che signore di varia età, a volte già note e a volte perfettamente sconosciute, si facciano avanti chiedendomi di fare un ballo. Riferendomi a tali circostanze, dicevo che , in quei casi, personalmente, al contrario di molte donne che spesso rifiutano sdegnate, non dico mai no, magari un solo ballo, ma lo concedo sempre, come un regalo ( a volte proprio di regalo si tratta perchè , fosse per me avrei evitato con piacere).
Quello era il contesto a cui mi riferivo e che tu non potevi , ovviamente, conoscere, invece ti dico che per imparare a ballare non esiste un'età, esiste solo capire se sei veramente interessata o meno ed eventualmente verificare se esiste nelle vicinanze una scuola da frequentare, In bocca al ballo!
PS Linda guarda che spesso molte donne, se trovano uno bravo, imparano direttamente in sala, è l'uomo che deve saperle "guidare". Ciao

Ciao Luciano
   per me il ballare era soltanto una metafora....Si balla in due e ci si deve affidare alla persona...non sempre è facile, non ballare ma affidarsi.
      Con il ballo ho avuto un pessimo rapporto a causa dell'insegnante che avevamo a scuola. era una signora tedesca molto cattiva ed offensiva. Recentemente ho scoperto che era un'ebrea che lavorava nell'istituto di Suore da me frequentato..... Per le ragazzine non portate per la danza c'erano insulti quali "Gnocco o Potato" ogni tanto qualche colpo sulle caviglie.....Non ho mai più ballato e, soprattutto, non inviterei mai nessuno a farlo con me.
            Linda