Servizi e aiuto

Lucida follia

2 messaggi
Gli argomenti che non rientrano in nessuna delle altre categorie del forum del Club-50plus possono essere inseriti qui.Ma prima di iniziare una nuova discussione, sicuri di aver controllato bene che non ci sia una sezione più specifica per il vostro tema?

Messaggioda babbocorso » 12.08.2017, 22:36

Il tipo, ad un certo momento, decide di essere un altro e, all'inizio, ne trova i mille vantaggi e tutti li sfrutta. Oggi è Uno, domani Due e, perché no, dopodomani Tre. Si accorge di poter riscuotere tre stipendi o avere tre opportunità con la stessa donna o con tre donne diverse; di fare tre volte di seguito l'amore anche se oramai abbastanza in avanti con gli anni e avere tre occasioni con lo stesso biglietto della lotteria. Si abitua così tanto -è facile fare l'abitudine al meglio- che quando un giorno, per ragioni che spiegherò dopo, deve rinunciare a uno dei suoi doppi non riesce più a trovare pace. Gli manca subito un pezzo di mondo, una parte di se stesso; è come fosse monco o senza più fiato. Sa che il ricreare ex novo un personaggio in sostituzione di quello eliminato è rischioso. Ricorda perfettamente di aver dovuto far scomparire nel nulla il suo Due perché nella frenesia di un triplo ritmo di vita alcune sviste possono accadere, alcuni errori, dimenticanze. Insomma; solo ad uno è riuscito perfettamente di essere uno e trino, son cose che si sanno e lui, pur avendo una altissima considerazione di se stesso -se stesso per modo di dire tanta è la difficoltà di capire quale è il vero se stesso- non tenta nemmeno il paragone...almeno pubblicamente.
Due scomparse quando, in un momento appunto di confusione pagò un conto al ristorante con il PIN di Uno e la carta di credito rifiutò. Sovrappensiero, aveva bevuto un poco oltre, digitò per altre due volte lo stesso PIN e la carta si bloccò e lui non aveva contante -quella era la sera di Due ma la donna con cui usciva era quella di Uno che voleva fargli le corna essendo venuta a sapere che alcune sere prima Uno era uscito con la donna di Tre (grandissima troia) ed avevano fatto sesso- In tutta questa confusione nessuna delle donne si accorgeva che l'uomo era sempre lo stesso e, a dire il vero, nemmeno lui si accorgeva più di chi, come, dove, quando...
Quella scena della carta di credito aveva stupito anche il proprietario del locale che non riusciva a capacitarsi del perché Due digitasse il codice di un un altro che lui conosceva benissimo e, appunto, non era lui. Il conto venne pagato dalla donna che lo accompagnava ma, essendo appunto la donna di Uno, anche lei non gradì che Due usasse il codice di Uno. In fondo era li con Due per fare le corna a Uno che le aveva fatto le corna con la donna di Tre e logicamente piantò Due proprio all'uscita del ristorante...


Chi vuole può continuare !


È solo una idea; nessuno schema, nessun bisogno di seguire quanto scritto prima.
Due è solo al ristò e la donna di Uno se ne è andata incazzata.
Per cui....?
Avatar
babbocorso
 

Messaggioda Gioia59 » 14.08.2017, 22:06

SUSII, se leggi batti un colpo , a te che piacevano storie a tre /quattro mani,


Indi per cui, anche la donna decise di essere un'altra senza voler sfruttare nulla e nessuno semplicemente crearsi un disturbo dissociativo della personalità, una clamorosa seconda personalità, più calma e giudiziosa o serial killer per vendetta ,?
Avatar
Gioia59
online
moderatore
 
Messaggi: 3319
Rispondi citando


Torna a Altro