Stavo leggendo i vari forum e mi è tornata alla mente la famosissima ed esilarante affermazione di Totò: "Signori si nasce, ed io modestamente lo nacqui"
Sarà vera questa affermazione , oppure, come io credo, la signorilità d'animo è una competenza acquisibile?
Voi che ne pensate?
Bel tema Tede.
Indubbiamente nascere in un ambiente (famiglia e contesto sociale) che insegna la signorilità come cifra essenziale nei comportamenti e nei rapporti interpersonali di certo aiuta. Credo tuttavia che chiunque possa acquisirla, senza magari giungere a livelli di raffinatezza insiti nel termine "signorilità", in quanto io intendo il termine più in contrapposizione al termine villania, maleducazione, atteggiamenti sgarbati.
Certo però è pure ridicolo colei/colui che si atteggia ...senza sentire nell'animo un modo di essere.
Poi tu Tede, ti riferisci a Signorilità d'animo .....e qui e' un po' complicato.
Tede ha scritto: Stavo leggendo i vari forum e mi è tornata alla mente la famosissima ed esilarante affermazione di Totò: "Signori si nasce, ed io modestamente lo nacqui"
Sarà vera questa affermazione , oppure, come io credo, la signorilità d'animo è una competenza acquisibile?
Voi che ne pensate?

TEDE:
cosa vuoi stupirti...
Basta che scendi in strada, entri in un bar (non quello di zone malfamate), frequenti un plesso scolastico, sali su un mezzo pubblico, accendi la TV per vedere il livello di DEGRADO SOCIALE al quale siamo arrivati.
Senza fare troppo i retrogradi non arriviamo nemmeno ai livelli di educazione degli anni 70, quelli del Buongiorno e Buonasera (oggi quasi tutti ti salutano con un maleducatissiomo Ciao), quelli della censura in TV (oggi siamo allo sproloquio, alla nudità, a violenza e orrore H24), quelli del bel vestire (gli Italiani criticavano gli americani a quei tempi per il modo sciatto e trasandato con cui li vedevamo girovagare da turisti nelle nostre città, oggi l' italiano medio veste molto peggio) eccetera.
Ovviamente il pesce puzza sempre dalla testa, come si dice, e man mano che nascono figli i genitori sempre peggio non li allevano realmente, li crescono come le pecore vengono cresciute da un pastore. Anzi, peggio. Almeno quelle il cane pastore le dirige in un certo modo.
Qua non c'è nulla da dirigere.
Certi elementi, che poi sono sotto gli occhi di tutti, inutile citarne i nomi, sono i figli dell' opulenza del boom economico italiano, delle cavolate femministe e dei figli dei fiori degli anni 70, sono il risultato di una popolazione da "6 politico", da "esproprio proletario", da "tutto e subito", da "io, io, io....e poi basta", dell' "amore libero".
Sono persone egoiste, ma di un egoismo negativo, becere, qualunquiste, che vivono di vanterie, di soprusi e godono aprendo la bocca per tirar fuori tutta l' immondizia che hanno dentro (e ne hanno tanta).
Costoro sono quelli che campano prendendo in giro quelli come noi che hanno ancora un rispetto per il prossimo, che si attengono alle regole, che non si permettono di disturbare, che sanno stare al loro posto.
Per loro noi siamo solo delle macchiette, delle menti chiuse, dei "vecchi", dei sorpassati.
Ma, cara TEDE, può essere sorpassata l' EDUCAZIONE?
Essere SIGNORI è così biasimevole?

D'accordo, quelli come noi fanno la figura dei DEMODE'.
Ma loro...fanno una figura di melma.
E basta vedere come vivono...per capire che si puniscono da soli.
Capre fra le capre.
Fango fra il fango.
Quale punizione migliore di vedere un verme strisciare in mezzo la sua immondizia?

NO TEDE: SIGNORI SI NASCE. Non si diventa. Non è un titolo acquistabile al supermercato.
E di Madri degne non ne vedo molte intorno.....

TEDE: ricorda la CHIOSA di TOTO' sulla sua stessa affermazione:
"SIGNORI SI NASCE. CRETINI SI MUORE"
E quelli, continuo io, MODESTAMENTE CI MUOIONO.....
Ma con tutti i crismi!
(“Era un uomo così antipatico che dopo la sua morte i parenti chiedevano il bis”)
Sono d'accordo con Totò, signori si nasce!
Tutto il resto, cultura, educazione, finezza, eleganza, classe si può imparare ed acquisire, ma di fondo dev'esserci un desiderio innato di signorilità, che parte solo da noi stessi e che ci spinge a migliorarci in ogni campo.
Signorilità d'animo, che significa?
Essere buoni? non è esclusivo dell'essere signori.
Educati nei confronti degli altri, gentili, caritatevoli, grandezza di cuore?
Credo che le due cose, vadano di pari passo.