A chi ha conservato una briciola di cervello è perfettamente noto che, ai nostri giorni, la propaganda di regime è devastante per le menti della massa, e che può far credere alla gente LETTERALMENTE QUALUNQUE COSA. Uno dei campi in cui ciò avviene più spesso è quello alimentare (sono di questi giorni le sparate demenziali di quei bastardi dell’OMS contro carne, salsicce etc.). Anche se dovrebbe essere ovvio che tutto ciò non è casuale (ci sono dietro gli interessi miliardari delle multinazionali alimentari), il gregge abbocca regolarmente. Ed ecco sorgere le schiere dei vegetariani, dei vegani, dei fruttariani, e di tutti gli altri “ani”. A smontare queste boiate dovrebbero essere sufficienti i bambini vegani che ogni tanto vengono portati al pronto soccorso perché denutriti. Ma se non bastasse, ripropongo un dato già noto da tempo, ma “oculatamente” dimenticato. E’ noto da decenni che le piante, benché non posseggano un sistema neuronico, hanno una accertata sensibilità. Ferite e mutilazioni provocano in una pianta reazioni fisiologiche e “comportamentali” che depongono senza ombra di dubbio a favore di un qualcosa analogo alla sofferenza. Esistono vecchi studi che hanno rilevato variazioni nella conducibilità elettrica delle piante al solo avvicinarsi di qualcuno che aveva l’intenzione (!) di tagliare una foglia od un ramo. E questo mi auguro sistemi per sempre le argomentazioni demenziali degli “ani” circa il loro intento di non nuocere agli animali. Sia chiaro una volta per tutte: poiché l’uomo non è capace di attuare la sintesi clorofilliana, per l’essere umano nutrirsi significa servirsi di altri esseri viventi, siano essi animali o piante, e sulla sorte dei quali è perfettamente maniacale ed ipocrita spargere lacrime. Punto. Il resto è propaganda di regime.
Sei un temerario Ashitaka, prevedo che verrai sbranato  da un branco di vegani incazzati, mi schiero al tuo fianco, saranno costretti a divorare anche me  e io  sono molto indigesto, anzi sono letteralmente velenoso! Ciao.
Sono più che abituato al fatto che, di questi tempi, dire la propria opinione (anzi, avere una opinione) è un sacrilegio che fa inferocire le folle, soprattutto se l'opinione non è conforme alle mode. Se risponderanno civilmente, ci faremo una piacevole chiacchierata, se no, il mio caricatore di "vai a quel paese" è pieno e ben oliato...
Ashitaka ha scritto: Sono più che abituato al fatto che, di questi tempi, dire la propria opinione (anzi, avere una opinione) è un sacrilegio che fa inferocire le folle, soprattutto se l'opinione non è conforme alle mode. ...


Sono sbalordito nel constatare che c'è ancora qualcuno che prova a pensare con la propria testa.
l'opinione si forma dopo essersi informati
Mi conforta sentire qualcuno che parla dei vegetali come esseri dotati di una sensibilità, io amo tantissimo le piante in genere, dagli alberi, ai fiori, agli ortaggi che coltivo, ovvio, non vado in giro ad adorare "urbi et orbi", ma mi "nutro" della bellezza della natura vegetale che per me è linfa vitale. Linfa che mi fa sentire in pace con il mondo e libera da costrizioni di ogni tipo, in sostanza mi rilassa. Non disdegno neanche cibarmi dei frutti della terra, perché parte integrante della catena alimentare, anche se mi rattrista che l'agricoltura mondiale non sia più in mano a chi il terreno lo coltiva, bensì ad un manipolo di multinazionali che si sono impadronite di tutto il territorio coltivabile, in virtù del puro profitto e non in funzione della prosecuzione delle specie vegetali che stanno scomparendo a ritmi inimmaginabili. Stiamo andando verso la distruzione del pianeta, senza che le masse ne siano consapevoli e in grado di ribellarsi . . . . molto triste e preoccupante. Nel mio piccolo mi adopero per evitare lo scempio, ma sono solo un piccolo granellino . . . . .
Ashitaka ha scritto: Sono più che abituato al fatto che, di questi tempi, dire la propria opinione (anzi, avere una opinione) è un sacrilegio che fa inferocire le folle, soprattutto se l'opinione non è conforme alle mode. Se risponderanno civilmente, ci faremo una piacevole chiacchierata, se no, il mio caricatore di "vai a quel paese" è pieno e ben oliato...



Vedo che comunque sei un buono Ashitaka, visto che, invece,  io sono proprio un bastardo per natura, qualora ti dovessero servire  dei caricatori impostati direttamente sul "vaffanculo" puoi chiamarmi, mi metto fin da ora a tua disposizione. Ne ho anche parecchi, sempre pronti all'uso in deposito, anche se,  visto le impressionanti brain storm turbinanti sul nostro pianeta sono convinto che  finirei le munizioni in brevissimo tempo. Ma vuoi mettere la soddisfazione?Andrò all'inferno dici?Mah, lì farà tanto caldo, a quanto dicono , ma la gente è sicuramente più interessante! Ciao Ashi, che la forza sia con te.
blauereiter ha scritto:
Ashitaka ha scritto: Sono più che abituato al fatto che, di questi tempi, dire la propria opinione (anzi, avere una opinione) è un sacrilegio che fa inferocire le folle, soprattutto se l'opinione non è conforme alle mode. ...


Sono sbalordito nel constatare che c'è ancora qualcuno che prova a pensare con la propria testa.

Perché, c'è ancora qualcuno che ha una testa? :shock:
marysab ha scritto: l'opinione si forma dopo essersi informati

Hai fatto bene a precisarlo, perché, come ho scritto, è evidente che molti si formano una opinione dopo essersi disinformati. :?
Secondo me ognuno è libero di mangiare quello che vuole, sempre secondo me, una dieta è giusta individualmente, cioè sono delle adeguate analisi cliniche a stabilirlo, se dalle analisi risulta che si ha carenza di ferro, c'è chi ha bisogno di mangiare carni rosse, almeno 1 o 2 volte alla settimana e di non farsi mancare i legumi in detta dieta, per non incorrere nel rischio di anemie. Carboidrati e vegetali mettono d'accordo tutti e nella dieta mediterranea, tutti questi elementi sono compresi oltre alle carni bianche. Sulla bontà delle carni se ne è ampiamente discusso e sono le carni congelate ad importazione estera ad essere incriminate, da noi nel ragusano si produce un ottima carne locale, rossa di elevata qualità, oltre alle carni bianche, negli altopiani ragusani vengono allevate le famose mucche frisone modicane, razza eccellente che pascola liberamente sugli altopiani dei Monti Iblei, dove pascolano liberamente anche le greggi di pecore. Da questi pascoli viene la famosa produzione di Formaggio Ragusano DOP. Naturalmente la carne rossa più tenera è quella delle mucche femmine, ma gli allevatori non le sacrificano mai mandandole al macello, perché danno il prezioso latte e quindi vengono, macellate quando non lo producono più; in verità quello che viene sacrificato è il vitello maschio, perché non dà il latte e solo in rari casi diventa toro da monta per la riproduzione, in quanto ogni allevatore ingravida le proprie mucche artificialmente con sperma proveniente da campioni, anche per non correre il rischio di consanguineità. Sono d'accordo che animali e piante sono esseri senzienti nelle loro forme, ma in natura, esiste una catena alimentare che dà la piramide alimentare di ogni essere vivente e l'uomo è in cima alla catena alimentare.
Ma perchè si parla sempre dei peccati della carne e mai di quelli del pesce? Qualche prete mi può rispondere?
oldjack ha scritto: Ma perchè si parla sempre dei peccati della carne e mai di quelli del pesce? Qualche prete mi può rispondere?


Vedrai che ci arrivi da solo: cosa simboleggia il pesce nel Cristianesimo?
Il pesce nel Cristianesimo simboleggia l'abbondanza come nel miracolo di Gesù nella moltiplicazione del pane e dei pesci e il pescatore diventa pescatore di anime che si convertono al Cristianesimo, mentre i peccati della carne si riferiscono al sesso, in quanto, la donna veniva considerata essere impuro, in quanto tentatrice, nei confronti dell'uomo sin dal peccato originale. Spero che le mie reminiscenze del catechismo siano esaurienti, non sono un prete ma sono cose che le sanno persino i bambini.
Lo sapevo io che senza volerlo mi ero infilato in un convento di frati trappisti, comunque grazie delle informazioni brava gente, è bello sapere che c'è qualcuno disposto ad aiutarti.
Effettivamente, mi stanno strisciando i gomiti per terra (e limitiamoci ai gomiti). Ti passa proprio la voglia di porre temi interessanti.
Mah...