Consonanza ha scritto: ... Lotar ...insiste con arroganza spocchia a considerare le donne tutte uguali e pollame. Vero che ci sono donne pollame...anzi pure cornacchie e pure taccole...ma ci sono anche quelle che non si pongono come isteriche..o insicure


in effetti, una critica che mi sento di fare a Lotario (italianizzato come richiesto dal regime) è di sparare nel mucchio, rischiando di colpire anche le pur rare femmine pensanti, come per esempio... ehm... dicevo... ad esempio... uhu!... non mi viene!...

(scherso scherso!) :D
hu minga capii…. ma sii diventa tuti matt?
però l'è pur anca bell sentì parlà i matt…..
avanti sicuri, che me pias 
Sarà che non riesco a dormire stanotte, ma dalle frasi sconclusionate di Lotar ho solo afferrato questo, poco elegante, che un qualcosa assomiglia a questa frase:
'...Lotar non ha fatto altro che dire che molte donne sono pipparole mentali, su di sé e sugli altri.
Perché, non è forse vero?...'
I suoi discorsi, raccontati come commedie volgono a una conclusione, mi fan pensare a una frase che dispregiativamente dicono gli uomini alludendo al loro ....e alle donne.
Di romantico non c'è niente, gira e rigira c'è il vuoto.
Però le sue poesie non sono male.
----------------
Blauereteir ha detto poco fa:
'in effetti, una critica che mi sento di fare a Lotario (italianizzato come richiesto dal regime) è di sparare nel mucchio, rischiando di colpire anche le pur rare femmine pensanti, come per esempio... ehm... dicevo... ad esempio... uhu!... non mi viene!...'

- Finisco io la frase, volevi dire Suzi, Consonanza.
Consonanza ha scritto: Ma certo che e' vero...ne sono convinta certa e ne ho le prove. Ma Lotar a mio avviso non capisce che giocare non prendersi sul serio e il non guardare tutti con la puzza sotto al naso potrebbe farlo percepire alle donne un tipo piacevole. Invece insiste con arroganza spocchia a considerare le donne tutte uguali e pollame. Vero che ci sono donne pollame...anzi pure cornacchie e pure taccole...ma ci sono anche quelle che non si pongono come isteriche..o insicure


Non si puo' giuocare ab aeternum senza sfociare in una nevrosi relazionale deturpante la verita' e distorcente l'identita' che ci contraddistingue. Il giuoco protratto nel tempo infine sostituisce la realta' che ci costituisce e diventiamo gli avatar di noi stessi...la perdita' di identita' è davvero micidiale ed una volta sostituitala con la droga della virtualita', ci perdiamo, non riconosciamo piu noi stessi.

Voi mi portate in un mondo di disagio mentale, perche giuocate in perenne difesa e non dite la verita', sulla vostra solitudine, sul fallimento delle vite, dell'incapacita' di realizzare rapporti consistenti. _Voi mentite sapendo di mentire primariamente a voi stessi. E questo turba la mente, la mia almeno. Questo giuoco che voi fate uccide l'anima e la verita'. Mi viene in mente " Far finta di essere sani " . Cancellero' amche il mio profilo per prendere definitivamente commiato da voi, perche' vi avverto come una malattia, un insalubre virus che rende impossibili gli abbracci sinceri di chi si dichiara poveramente umano. Fuggo da questo girone di chi ha perduto la ragione per salvarmi, per mantere l'integrita' psichica, per non cadere ne baratro del nulla, del finto, del surreale.
"… Il giuoco protratto nel tempo infine sostituisce la realta' che ci costituisce e diventiamo gli avatar di noi stessi...la perdita' di identita' è davvero micidiale e, una volta sostituitala con la droga della virtualità', ci perdiamo e non riconosciamo più noi stessi"

Lotar, hai un modo di esprimerti che mi fa vomitare, ma questo solo perché è un modo che non mi è congeniale e faccio fatica a sopportarlo. Ma è la tua caratteristica espressiva e in qualche modo la accetto o mi sforzo di accettarla. Perdonami la sincerità.
Nel contenuto però a volte - a volte - sei molto più acuto di quanto la forma orribile lasci intendere. Nelle tue parole che ho riportato (ma ne ho individuato altre in  altri post) trovo elementi importanti per riflettere. E finito di vomitare…. ti ringrazio. 
lotar60 ha scritto: Mi meraviglio di me: continuo a non aver capito un cazzo di quello che dici.


Questo sì che è un problema serio, come potrò andare avanti adesso? Mi presti il tuo bastone per sorreggermi?
lotar60 ha scritto:
Consonanza ha scritto: Ma certo che e' vero...ne sono convinta certa e ne ho le prove. Ma Lotar a mio avviso non capisce che giocare non prendersi sul serio e il non guardare tutti con la puzza sotto al naso potrebbe farlo percepire alle donne un tipo piacevole. Invece insiste con arroganza spocchia a considerare le donne tutte uguali e pollame. Vero che ci sono donne pollame...anzi pure cornacchie e pure taccole...ma ci sono anche quelle che non si pongono come isteriche..o insicure


Non si puo' giuocare ab aeternum senza sfociare in una nevrosi relazionale deturpante la verita' e distorcente l'identita' che ci contraddistingue. Il giuoco protratto nel tempo infine sostituisce la realta' che ci costituisce e diventiamo gli avatar di noi stessi...la perdita' di identita' è davvero micidiale ed una volta sostituitala con la droga della virtualita', ci perdiamo, non riconosciamo piu noi stessi.

Voi mi portate in un mondo di disagio mentale, perche giuocate in perenne difesa e non dite la verita', sulla vostra solitudine, sul fallimento delle vite, dell'incapacita' di realizzare rapporti consistenti. _Voi mentite sapendo di mentire primariamente a voi stessi. E questo turba la mente, la mia almeno. Questo giuoco che voi fate uccide l'anima e la verita'. Mi viene in mente " Far finta di essere sani " . Cancellero' amche il mio profilo per prendere definitivamente commiato da voi, perche' vi avverto come una malattia, un insalubre virus che rende impossibili gli abbracci sinceri di chi si dichiara poveramente umano. Fuggo da questo girone di chi ha perduto la ragione per salvarmi, per mantere l'integrita' psichica, per non cadere ne baratro del nulla, del finto, del surreale.





Lotar.....il discorso diventa veramente interessante....ed avrei, se me lo consenti, il desiderio di apportare anche qualche mia esperienza personale. Ma ora devo partire...sto aspettando che vengano a prendermi . Solo una settimana e sarò di nuovo a casa.... Se puoi mi farebbe piacere ritrovarti ancora qui....
Lotario, sei appena tornato e te ne vuoi andare, di già? Condivido la grande verità sulle tue ultime considerazioni, ma scappare non serve, oggi abbiamo questa nuova sfida da combattere, in primis, con noi stessi: non lasciarsi alienare dal virtuale, che diciamocelo pure, ha, tristemente, sostituito le modalità relazionali precedenti, ma ci sta dando anche grandi opportunità di ampliare il raggio di azione, di sfiorare anime sparse in giro per l Italia e nel globo, in un semplice click e senza uscire dal salotto di casa. Sta a noi intuire, scegliere, selezionare e concretizzare, se pensiamo che possa valere la pena (il più delle volte non vale la pena, meglio tenersi l illusione). Non è tutto marcio o sbagliato o patologico, sta a noi e all uso che ne facciamo. Quanto alle nostre disgrazie, sofferenze o solitudini, non vedo perchè negare o nascondere, le abbiamo tutti, in tempi e misure diverse, ma se stare qui ci allevia, solleva, scarica e soprattutto ci dà la misura che possiamo, volendolo, condividerle con altri, non c è niente di più sano! Una sorta di gruppo di "auto-mutuo aiuto" sui generis, o psicoterapia spicciola, a costo zero!
Se temi di ammalarti, tranquillo, non sarà così se possiedi già un tuo equilibrio interiore, altrimenti il rischio c è . . . innegabile !
Lotar, mi unisco anch'io al gruppetto (perchè tale siamo) che dice 'resta'. L'unico ammonimento che ti faccio è che non si possono offendere delle donne senza essere a propria volta offesi.
E poi mi piacciono le tue poesie, forse un pò complicate? in parole povere direi ingarbugliate, ma tu ribatteresti che il nostro cervello non arriva a tanto.
Non tutte le donne sono uguali, pure tu fai le tue scelte, ed il essere presi in giro fa parte del gioco, in qualsiasi sito di incontri.
E poi , come dici tu, è bello confessare la propria solitudine? Forse Si, è più facile confessarla per iscritto, ma sai anche tu che chi 'piange' nella vita reale purtroppo è deriso. Ognuno tiene sensazioni dentro se, ma la forza resta dentro di noi.
Perciò continua. Forse ti farò un colpo di tel per sentire come stai, sempre che non mi mandi a quel paese. :D
Grazie ma non ce la faccio. Sento che c'è qualcosa di "malato" in tutto questo, una perversa autotortura con l'incatenato prossimo, una sindrome di suicidio collettivo e condiviso, un imbuto da cui nessuno vuole uscire benche' l'uscita sia propizia.
Non riesco a fare gruppo in queste condizioni di malessere e di disagi celati ma pulsanti.
( a parte che mi sembro troppo anche da solo...!)

Per cui educatamente vi saluto ma non vi auguro buona continuazione chè mi sembrerebbe un lezioso prendere in giro.

Mi porto via 1027 visite e questa è la parte piu divertentemente incredibile.

Carlo.
Io trovo che Lotario sappia esprimere con grande sottigliezza ed eleganza – superiore alla mia - gli aspetti negativi del virtuale e al contempo avanzi diagnosi troppo generalizzate, per mancanza di informazioni.

Il realtà le donne si incontrano tra loro, eccome. Molte di esse sono dotate di alte capacità organizzative e di naturale disposizione allo sbattimento plurimo per assemblare qui e lì gruppi di visitatrici, cosa che pochi maschi sanno e/o vogliono fare.

Quel che Lotario denuncia con chiarezza è l’autocastrazione femminile in materia di incontri non a fini culturali, che è presente ma di nuovo non nella misura che osserva. Personalmente sono convinto che molte socie siano pienamente soddisfatte dei loro incontri pizzomuseali e di più non cerchino. Ve ne sono invece altre che – come dicevo ieri – vorrebbero intrattenimenti di altro genere, ma non lo sanno né chiedere né dichiarare. Ed è in questo specifico settore di mercato che la distorsione del virtuale si evidenzia più grottescamente. Pochi giorni fa io stesso sono stato oggetto di cinguettamento: quando ho detto “beh, scrivimi a questa mail [segue indirizzo]”, la fanciulla è sparita dai radar.
Il fenomeno è tutt’altro che nuovo: l’esigenza di molti e molte è solo quella di trovare rassicurazioni al proprio appeal, il potersi dire “potrei, non occorre che voglia”. Ho mille aneddoti in proposito, che coinvolgono me o miei/mie conoscenti e spaziano da merdic al mondo degli scambisti o dei sadomazzi: questo clubz non fa eccezione, perché la gente è fatta tutta allo stesso modo. Lotario, per sdegnarsene, è solo meno cinico ed esperienziato di me.

Ed è ancora il cinismo (per fortuna) che mi fa accettare abbastanza serenamente la continua dipartita – salvo ripensamenti e ritorni – delle figure maschili pensanti da questo luogo: poiché gli uomini cercano altro dalle donne e qui trovano o le pizzomuseande (con pieno diritto di esserlo) o le specialiste del devi-capirmi-tu-perché-io-non-mi-capisco, che francamente a 50-60 anni risultano ridicole e basta. Ecco perché, a latere del mio pensiero, ammiro le tramo e le missabruzzo nella loro schiettezza.

Augh.
A mio avviso Lotar ha fatto della coerenza assoluta un qualcosa che diventa una gabbia. Due scelte aveva...andar via oppure derogare alla coerenza per darsi un'opportunità. Quello che a me lascia perplessa quando qualcuno va via e' il rituale della cancellazione...quel gesto catartico...liberatorio...poi magari il dire a se stessi "e mo che faccio"?. Non basta non connettersi ma necessita il disattivarsi per far finta di essere sani convinti che gli altri siano solo avatar?
Lotar, Carlo, le tue 1027 visite hanno di sicuro un loro perchè.....
Mi chiedo spesso perchè al suon di opinioni e/o critiche (lecite) si debba sparire del tutto, perdomani ma a me dà la sensazione di chi pensa /scrive ma non mantiene il suo punto di vista ed alle prime risposte un pò amare, acide, Zak, sparisce
Personalmente, se non condivido un opinione altrui rilancio con una mia opinione e così via...
se poi proprio non digerisco , ignoro, un pò stuzzico e ben vengano anche i confronti ma rimango ferma sulle mie posizioni , non vuol dire che tu debba fare uguale, .rispetto la tua scelta ma dormici sopra e poi facci un pensierino ! Carlo, non mi piacciono le poesie ma ti leggo volentieri in altri contesti
Avrei voluto scrivere stamattina, non appena visto il post, ma ero davvero di fretta e poi, nemmeno il tempo di leggere e se n'era già andato :shock:
Ma va bene, vattene Lotar - io personalmente son contenta di non leggere più i tuoi sproloqui sulle donne del sito.
Non capito tutti questi annunci pubblici di dipartite: è un sito, come tanti altri, ci stai, non ti va più bene, te ne vai.....
Come per tutte le cose, ti dimenticheremo, non c'è problema - sono pochi quelli grandi abbastanza da lasciare rimpianti.
Per tutto il resto Blau sono d'accordo sulla tua analisi, (e un po' mi dispiace anche per lui che non ha trovato quello che cercava) con un piccolo appunto: se passi la vita facendo qualcosa in cui credi e poi ti ritrovi senza questo "progetto", è probabile che anche a 50/60 anni non ti capisci o non sai cosa fare. Ed ecco perchè a volte si sta zitti e si parla di altro.
Ninè, vorrei chiederti una cosa,perchè dovrebbe andarsene ? Non ti piacciono i suoi sproloqui sulle donne,
Perchè invece di dire ......vattene.........
(quando una persona posta, si legge il nik della persona che scrive)
e se non ti và basta non aprire e leggere no ?