Per emozioni, Luciano, non intendo necessariamente sentimenti amorosi o riempimento di qualcosa che manca by Paola -rm


Mai parlato di emozioni amorose Paola,  a me qua dentro, in un sito solo virtuale, solo a sentire le parole amore e amicizia mi vengono i giramenti ma non di testa, ma quale amore, parlo di persone capaci di suscitare stati d'animo diversi dal normale, in grado di provocare domande e risposte con l'ansia e l' interesse crescenti a volersi conoscere davvero, a volersi guardare negli occhi,avere il bisogno di toccare,  capire se i sogni e i pensieri inevitabilmente fatti, possano avere un futuro, sentire gli odori , i sapori, quelli reali di chi ci piace, consapevoli poi, almeno spero alla nostra età, che se ti batte il cuore, le strade possibili sono due, o sono rose profumate o sono uccelli non edulcorati (alias cazzi amari).
Si deve  però accettare il confronto con lealtà, non in modo subdolo, disposti anche a lottare per capire prima di decidere e capaci anche di  eliminare qualcuno , in senso figurato, dal proprio interesse, anche in maniera decisa, se ritenuto necessario.
Il tutto fatto sempre guardando "negli occhi" l'amico o il nemico, chiari , decisi e precisi, non mi pare tanto complicato, o forse non lo è per me o vale solo per me, non saprei rispondere, forse è  solo un mio modo di relazionarmi affinato con il passare degli anni,
Potrebbero sicuramente esisterne altri  diversi e migliori, ma a me va bene così, le cose si devono sentire, non vanno fatte solo perchè qualcun'altro le scrive o le dice.!
Per qualcuno di voi questo è amore, lo so benissimo, io invece non saprei darne una definizione , per me è solo e semplicemente vivere la vita con tutti i rischi che comporta!

PS Che non vi venga in mente, dopo questi discorsi, di inserimi nel reparto POESIE E RACCONTI  eh, piuttosto ritiro tutto quello che ho detto e dico che  avevo solo  sbagliato la dose!
Non ritengo complicato quanto affermi.... quell'incrocio con qualcuno che ti faccia venire la voglia di andare oltre... prima di tutto oltre il web... poi si vede :)
Tutto logico, per carità. I miei possibili incroci si stanno "incrociando" (perdona il gioco di parole) con un periodo difficile mio personale... per cui arrivo pure io, per motivi diversi, al taglio dei rami secchi, come scritto nel post di stamattina.
E' comunque triste, ma necessario... il nostro bene, quello personale, deve venire prima di tutto... che sia per un sano egoismo e spirito di sopravvivenza, o per ambizioni... ognuno di noi sa... dentro di se...
... il nostro bene, quello personale, deve venire prima di tutto... che sia per un sano egoismo e spirito di sopravvivenza, o per ambizioni by Paola

Paola, non mi sento di condividere questa tua affermazione,  fosse davvero così  ci sentiremmo tutti autorizzati  a  prevaricare e contrastare le altrui idee, e  le persone che le affermano, con qualsiasi mezzo ,lecito e non,  con lo scopo unico di realizzare  quello che torna a nostro esclusivo vantaggio.
Non mi pare una scelta  da apprezzare particolarmente a livello umano, preferisco chi ha la capacità di fermarsi per valutare se le proprie opere possano essere in qualche modo di danno ad altri.
Ma ripeto, non pretendo mai  la ragione delle cose, mi accontento di credere in quello che vado affermano, gli altri decidano  per loro, tanto se mi cercano mi trovano!  Ciao
 
In questo sito ho letto un profilo con un nick e annuncio di chi cercava sesso in modo maniacale, :shock: per questi tipi di persone, possono rivolgersi ad altri siti dove si può fare richiesta di sesso esplicito ed orientamento e gusti sessuali e trovare la propria anima gemella in tal senso- :mrgreen:
oldjack ha scritto: ... il nostro bene, quello personale, deve venire prima di tutto... che sia per un sano egoismo e spirito di sopravvivenza, o per ambizioni by Paola

Paola, non mi sento di condividere questa tua affermazione,  fosse davvero così  ci sentiremmo tutti autorizzati  a  prevaricare e contrastare le altrui idee, e  le persone che le affermano, con qualsiasi mezzo ,lecito e non,  con lo scopo unico di realizzare  quello che torna a nostro esclusivo vantaggio.
Non mi pare una scelta  da apprezzare particolarmente a livello umano, preferisco chi ha la capacità di fermarsi per valutare se le proprie opere possano essere in qualche modo di danno ad altri.
Ma ripeto, non pretendo mai  la ragione delle cose, mi accontento di credere in quello che vado affermano, gli altri decidano  per loro, tanto se mi cercano mi trovano!  Ciao
 
per egoismo e ambizione non intendo prevaricazione, Luciano, ma amare prima di tutto se stessi stimarsi rispettarsi per poter vivere le relazioni umane con maggior capacità di scegliere e non subire oppure cercare stampelle
Paola , se le parole hanno ancora un significato non mi pare che egoismo ed ambizione siano poi valori così apprezzabili a prescindere, spesso nella vita sono abbinate ad altri valori negativi presenti nella stessa persona, non mi convinci molto Paola, nel rugby  che tu ami tanto ed io apprezzo come scuola di vita c'è forse egoismo ed ambizione? A me non farebbe piacere essere egoista ed ambizioso, agli altri non saprei, ma vorrei evitare, per quanto mi è possibile,  di avere a che fare con simili soggetti. Ciao
Giorno, Luciano, buon martedì :) mi pare che qui siamo usciti un bel po' fuori dal seminato, ma comunque... ormai ci siamo :) .
Il rugby rappresenta un modello di vita e di comportamento quasi perfetto per me (e dico quasi perfetto, in quanto siamo comunque esseri umani e quindi non perfetti), e cerco di applicarlo nella mia vita in ogni aspetto proprio in quanto è un modo di pensare e di aggregazione che mi piace. E ricordo che quando andavo a L'Aquila, i ragazzi del vivaio della federazione erano già per carattere diversi dai coetanei appassionati di calcio. E i vari Ongaro, Castrogiovanni, Locicero, etc... erano modelli da seguire ma anche con spirito critico e non come i vari Totti della situazione (con tutto il rispetto dei romanisti o dei calciofili).
Detto questo, anche nel rugby egoismo e ambizione esistono. Se tu assolutizzi i termini estrapolandoli dal contesto, hanno solo una valenza negativa. Mentre io intendo riferirmi a SANO egoismo che non danneggia gli altri e non fa perdere di vista anche il bene comune. Ma prima di tutto il proprio benessere psico-fisico è necessario per fare squadra e una SANA ambizione, ossia il volersi migliorare, il tendere a maggior serenità e consapevolezza, è elemento necessario per calibrare la propria forza, e lottare per un obiettivo migliore. E anche nelle relazioni umane, quindi, un sano egoismo che non ci porti sempre a subire ma ad amare noi stessi come gli altri, e una sana ambizione che ci porti a trovare gli strumenti per dare il meglio di noi stessi, sono per me importanti. Non so se mi sono spiegata meglio. Di più non riesco.
Tornando alla domanda con cui è iniziato questo thread, confesso pubblicamente che non so se resterò ancora iscritta a questo sito.

 Come ho scritto a proposito del tagliare i rami secchi, nel tempo sono diventata sempre più esigente rispetto alle mie frequentazioni. Ora qui mi è capitato di conoscere (non solo virtualmente) belle persone, con alcune delle quali è nato anche un vero rapporto di amicizia; allo stesso tempo ho incontrato (solo virtualmente) anche  persone pronte a contraddire sempre, a stroncare qualsiasi iniziativa, perfino ad aggredire verbalmente qualche malcapitato. Ma fino ad oggi mi sono detta: "pazienza! Fingi di non leggere e cura le relazioni epistolari solo con coloro con cui sei in sintonia di pensiero". Insomma: "Non ti curar di lor, ma guarda e passa".

 Ora, però, mi pongo un dubbio per me non di poco conto.

Ho sempre messo al centro della mia esistenza alcuni principi etici che considero invalicabili, a differenza di quanto faccio con il resto dei miei pensieri, che pongo costantemente in dubbio e sui quali mi piace ascoltare opinioni diverse.

Tra questi principi - per  i quali talvolta ho pagato un caro prezzo - vi sono, oltre al rispetto della vita e alla non-violenza, tolleranza e anti-razzismo.

Questi ultimi due si scontrano in questi giorni con facili e demagogiche reazioni a quanto è accaduto a Parigi   la scorsa settimana e che invece richiederebbe riflessione ancora maggiore di quanto normalmente si presti ai fatti della società, di una società complessa che pretende analisi complesse.

Che certe reazioni vengano espresse nei differenti Bar Sport, dove prevalgono le considerazioni che nascono dalla pancia delle persone, poco male: io in quei bar non entro.

Ma quando le leggo qui mi sorge, a mo' d'interrogativo morale, il dubbio se restare anche io in questo spazio, legittimando in qualche modo certi atteggiamenti con la mia presenza, o girarmi sui tacchi e uscire.
 
Segue:
Siccome mi lascio del tempo per riflettere e per non fare come chi si cancella per poi riapparire sotto altro nome, non so che cosa deciderò alla fine. Così, nel frattempo, ripeto il mio e-mail, nel caso in cui qualcuno che ancora non l'avesse volesse prenderne nota: robbor@libero.it
Noto che questo sito si sta popolando di persone seriamente intenzionate a cercare scontri di natura ideologica, allontanandosi dallo scopo per il quale dovremmo essere qui, ossia l incontro amicale o amoroso. Ciò ovviamente fa dispiacere a chi, come me, rifugge da tutto questo, che pur avendo le proprie convinzioni personali, non le esterna in questa sede, ritenendola non opportuna. Vorrei che nessuno pensasse di doversene andare dal sito, per questi spiacevoli motivi . . . 
Mia cara Roberta, affrontare qui argomenti importanti e profondi, che esulano dalla ragion d'essere del sito, sarebbe un nobile obiettivo, ma è ormai assodato che per molto meno si scatenano animosità. Quindi concordo con Maria Teresa che nessuno dovrebbe andar via da qui e tantomeno persone di spessore intellettuale e qualità umane come te.
Un detto non proprio garbato ma d'effetto è "l'indifferenza è un vaffanculo silenzioso". E andare avanti...
Buonasera a tutti...sono nuova e mi affaccio a questo sito per la prima volta....Penso che ci si iscriva perché sicuramente non si riesce o non si ha l'opportunità di conoscere persone nuove, tanto meno per una relazione sentimentale.
Le avventure sono facili da trovare, in quelle situazioni non si guarda all'età, agli interessi comuni, alle aspirazioni o al sentimento, non ha tanta importanza se la persona è libera o meno...Ma io personalmente sono stanca delle avventure e necessito in modo particolare dello scambio verbale, e culturale, vorrei una persona adatta per poter condividere, insomma guardare dalla stessa parte....e qui con i grandi numeri teoricamente ci sono più possibilità. L'unica cosa che si rischia su questi siti sono le persone menzognere e quelle che si nascondono...spero di riuscire ad evitarle e a conoscere gente interessante. Grazie per l'attenzione e a presto...
Mi pare dopo alcune settimane che ho aperto il gruppo regionale di Bologna che in realtà gli iscritti non abbiano tanta voglia di socializzare, di conoscersi, di uscire. Mi sono chiesta: che tutti sperino che la persona giusta vada a bussare al loro profilo con grande dichiarazione d'intenti? hanno rinunciato ad uscire di casa?
rubyz50 ha scritto: Altrimenti, torno a dire, che ci facciamo qui?