Oggi vi voglio annoiare parlando di me, Il tema si svolge tutto intorno al titolo, che ne è il filo conduttore, quindi appoggiatevi al divano che se parte l’ abbiocco siete già stravaccati quel che basta per non farvi del male.
Ebbene si, diciamolo una volta per tutte, LU, che sarei io, non è un santo, da piccolo non ero certo così, ero un tenero batuffolo sbraitante quando ero pieno di merda o avevo fame come tutti quanti, ignorante come tutti gli altri ma soprattutto innocente, tutti veniamo al mondo senza colpe, senza peccati e senza debiti e non state ad ascoltare la chiesa o il governo che vi dicono il contrario.
Con il passare degli anni, a proposito, occhio che dopo i 50 volano via come coriandoli a carnevale, non essendo un’ imbecille totale come potava benissimo essere, ho potuto arricchire le mie capacità e anche migliorare le mie poche virtù e, senza parlare del lato puramente fisico che dopo gli anta inizia inevitabilmente ad assentarsi di qua o di là, chi più e chi meno, ho anche , e aggiungo forse, peggiorato i miei tanti difetti, diciamolo pure.
Non ho avuto una cultura classica umanistica, sono cresciuto praticamente sugli argini del Po’ in quel di Cremona con i nonni, allo stato brado e un po’ selvatico come usava ai tempi, sempre in giro per la campagna a fare danni, quando a 6 anni i miei genitori che manco conoscevo, mi portarono a Milano per iniziare la scuola , non sapevo spiccicare nemmeno una parola in italiano, solo dialetto.
I miei studi sono stati esclusivamente tecnici, con un misero diploma, nel sessantotto la scuola era come la peste bubbonica non si pensava a quanto fosse importante non la scuola in se ma la cultura in generale-
Il cambiamento è avvenuto lentamente a causa del lavoro preminente che ho sempre svolto fin dalle prime armi, che è quello di tecnico esterno prima e agente di commercio subito dopo, in vita mia ho venduto di tutto, dai prodotti assicurativi, ai mobili, ai gioielli, agli alimenti, alla tecnologia insomma di tutto un po’.
Ovviamente il mio è un tipo di lavoro che ti porta ad avere sempre e comunque di fronte il tuo interlocutore, di li non puoi scappare, sei costretto ad incrociare il suo sguardo ma soprattutto capire che cosa lui ti sta dicendo, ben conscio che un intero discorso può non essere convincente ed una sola parola detta male basta a perdere la vendita.
Nel tempo ho fatto diversi corsi, a parte quello di agente, ma anche altri come recupero crediti, studiato un pò la comunicazione dei gesti o la psicologia delle persone e anche altro, per farla breve ho dovuto imparare che era indispensabile capire non sono quello che il mio interlocutore mi stava dicendo a parole, ma anche e sopratutto decifrare piccoli messaggi anche involontari ma decisivi per capire cosa voleva e chi mi stava davanti.
Il guardarmi attorno nella casa, studiare i toni della voce, i gesti , gli sguardi e tutta una serie di atteggiamenti particolari che dicono molto di più di quello che non sono le semplici parole, piccole cose magari ma decisive per capire le persone, la loro cultura , le loro aspirazioni o i loro interessi..
Per fare un’ esempio facilmente intuibile, se mentre io sono di fronte a te e ti sto parlando, tu incroci le braccia mi stai inviando un segnale di chiusura, non sei dispoto ad ascoltarmi,se parlando mi avvicino e tu ti allontani anche in modo impercettibile, mi stai dicendo che l' approccio non è gradito, magari puzzo di aglio.
Tutti questi studi sulla persona hanno lo scopo di creare l’atmosfera che preluderà alla conclusione positiva della vendita, quello che viene definito: empatia, ovviamente si deve anche conoscere il prodotto o il servizio che si sta vendendo, ma questo non sempre è decisivo per la riuscita, l’empatia si.
A raccontarla sembra semplice, in realtà sono studi molto complessi, che io solo in minima parte conosco, vi posso solo dire che il venditore modello, è una specie di incrocio tra un ‘avvocato, uno psicologo e un gran figlio di puttana.
Questa era la premessa per capire perché sono stronzo, orbene , quando sono entrato qui per la prima volta ero completamente a digiuno di siti internet, chat pubbliche o private e quant’altro. Praticamente una vergine sia davanti che di dietro, quindi me ne stavo spesso appollaiato a guardare senza praticamente intervenire.
Tanto per dirvi che tipo sono , quando anni fa andai al primo corso di ballo, mi presentai in giacca e cravatta e tutti gli altri erano in jeans e maglietta, se penso alla figura di merda che ho fatto sento ancora la puzza.
Si sà le cose poi cambiano, il bello è che io imparo in fretta, ma quello che mi ha stravolto l’esistenza, si fa per dire, è che mi sono presto accorto senza volerlo, che anche solo attraverso i profili, le foto, i messaggi, gli atteggiamenti,i silenzi, i post, i forum, le persone esprimono molto di più della semplice frase del momento e mi dicono chi sono e cosa vogliono veramente da me.
Non che ci azzecchi sempre sia chiaro e volte la prima impressione inganna, perché i mezzi di scambio sono sottili e spesso volutamente falsi o nascosti, tuttavia ho scoperto che le mie analisi, uso una parola grossa, sono spesso corrette.
Ecco perché sono stronzo, e Nina, che se vorrà mi perdonerà se la tiro in ballo, non è per fare inutile polemica, ma solo un richiamo esemplificativo di quello di cui ho blaterato fino ad ora, dunque Nina lo sa che sono stronzo, perché ieri le ho rifiutato un suo messaggio privato, è vero non l’ho nemmeno letto perché sono stronzo!
Giusto per collegare il fatto alla tesi, io l’ho vissuta così: Esiste un precedente scambio di messaggi, privati e non in cui si prende posizione su quanto accaduto in precedenza, leggi Cons , Cooper ecc, non stiamo a rivangare che non serve, valutazioni personali o meno con forse poca voglia di capire e di rispondere , secondo me, ve bene, comunque la sera vedo che Nina è in chat , io avrò mille difetti ma non sono un codardo e non mi nascondo, c’era anche Cooper e Gioia, e altri che non ricordo.
Facciamola corta , entro e cerco di lei , in un primo tempo non risponde, poi manda un messaggio dicendo che era in privato, che aveva appena parlato con Cooper e le aveva insegnato alcune cose, non chiedetemi quali che non lo so e non lo voglio sapere, in realtà lei ha detto che “aveva imparato un paio di cose “ ma si presume che se uno impara l’altro insegna.
Subito dopo prende una scusa e se ne va non dandomi nemmeno il tempo di aprire bocca,io quel suo comportamento l'ho tradotto così, ditemi pure se sbaglio: primo che non era interessata a quello che avevo da dirle, qualsiasi cosa fosse, e secondo che mentre Cooper aveva qualcosa da insegnarle riteneva che io non ne avessi nessuna.
Siccome Nina stupida non è e capisce benissimo anche se spesso fa finta di non capire , ieri probabilmente ci ha ripensato su e, resasi conto che qualcosa non tornava, mi ha inviato un messaggio privato che io ho rifiutato senza aprirlo, si, ma perché direte voi? Semplice, perché se dobbiamo viaggiare insieme facciamo che a cavallo dell’asino ci saliamo una volta per uno, capito l’antifona? Ecco perché sono uno stronzo, ma non sto chiedendo perdono , sia ben chiaro! Qualcuno potrebbe dire: e se nel messaggio avesse scritto che te la dava? Va là, spostati che è meglio!Ciao
Old, apprezzo la sincerità. Talvolta sei come la carta vetrata, ma il rovescio è liscio e il risultato dell'uso piacevole. Sei una persona normale, e questo ti rivaluta ai miei occhi… anche se a te non te frega una sega (come dici tu). E' bello poter conoscere le persone un po' di più. Grazie.
Tutti divanizzati?
Ecco, ho pensato regalarvi una colonna sonora al post di cui sopra, al fine di accompagnarvi dolcemente lungo tutta la lettura


https://www.youtube.com/watch?v=_kiFdaVr_FI
Oldjack, Pensavo giorni fa alla ragione per cui l'ultima volta che sei entrato nel club e ne sei uscito abbiamo un pò litigato. Io ho poca memoria però ieri mi è tornato in mente, perchè dicevi che quel che scrivo è come pesce lesso o pesce morto. :) e non capivi quel che scrivevo o non ci arrivavo. nel fatto di non arrivarci pensavo anch'io la stessa cosa di te.
Ma non ha importanza e adesso ci rido anche su, perchè fuori di quì abbiamo una vita .
Voglio dirti due cose: Nina di animo è buona. Non fa una sgarberia volontariamente, forse in quel momento era presa da qualcosa che aveva in mente.
Poi dico una cosa a te , non so se ti fa piacere o meno, visto le ultime discussioni.
Scrivi bene e si nota che curi la forma. Di qualsiasi cosa tu parli. Saresti anche simpatico. poi mi immagino di vederti nelle sale da ballo mentre passeggi adocchiando questa o quella. Magari con una camicia colorata, dai colori accesi.
Ecco, principalmente volevo dirti che scrivi bene, poi di cercare di voler più bene alle donne, Ok capisco che bisogna essere coerenti ma passa sopra , non è importante . Ti comporterai di conseguenza.
:wink:
Questa sera l ’ultimo messaggio lo dedichiamo a Susi, contenta? Al tempo non abbiamo litigato, ci siamo solo resi conto entrambi che viaggiavamo su due percorsi differenti destinati a non incontrarsi mai, quindi era inutile continuare a tirarci calci negli stinchi.
Non credo proprio di averti parlato di pesce lesso, semplicemente perché non è una mia terminologia abituale, e non ne trovo il nesso con il mio pensiero, se ben ricordo probabilmente ho detto che le tue risposte erano a babbo morto, il che vuole dire, che rispondi dopo che il momento buono è già passato, cioè non sai cogliere l'attimo, te lo dico visto che non è un detto delle tue parti e forse non lo conosci.
Che Nina ( Nina,sempre in mezzo stai, ma questa volta non è colpa mia, è come una telenovela, "Il tempo della Nina") sia anche buona è una tua affermazione e ammesso che non sia un’ apprezzamento a sfondo sessuale, lo affermi tu e te ne prendi la responsabilità, io non lo posso sapere, con Nina non ci siamo mai frequentati più di tanto, nemmeno qui dentro, qualche frase e nulla più.
Dire poi che Nina è buona che vuole dire, allora se io dico una cosa buona sono buono anche io? E se poi dico un sacco di stronzate, sono stronzo? Susi, guarda che queste mie sono domande retoriche non chiedono risposta, ora non stiamo facendo le attinenze quindi non stare a sprecare messaggi per rispondere.
Sul fatto che in quel momento aveva altro di più importante da fare posso essere d’accordo con te , ma chi lo dice che quando lei poi decide che il momento è quello buono, io devo per forza essere li ad aspettare a braccia aperte, ora la sparo grossa, a chi mi rinnega una volta, se non è una persona familiare molto vicina a me, non concedo una seconda possibilità e perché mai dovrei farlo se questa volta a non sentirne il bisogno sono io?
Faccio una divagazione sul tradimento, giusto per farmi capire, a mio parere si tradisce in tre modi, con l’ attrezzatura ovvero gli strumenti puramente funzionali e non ne faccio i nomi tanto li sappiamo, e lì noi maschi lo sappiamo bene, le donne invece loro lo fanno più con il cuore, ed è risaputo che al cuore non si comanda, e poi rimane il tradimento fatto con il cervello.
Allora quale sarà mai il tradimento più grave? Ognuno può pensare come vuole, ma per me è il tradimento che parte dal cervello, perché sappiamo tutti che la carne è debole, che al cuore non si può dire nulla lo abbiamo già detto, ma il cervello almeno lui, quello dovrebbe funzionare sempre, ammesso che ci sia.
Sul resto Susi non ci hai preso per nulla, primo perché io in realtà adoro le donne, specie quelle che ballano bene, sarà un caso ma le donne che ballano bene sono sempre quelle più belle.
Secondo perchè quando parlo di discoteche, non mi riferisco alla disco-music con musica assordante sparata a palla, e confusione totale, assolutamente no.
Io solitamente frequento multisala o all'aperto d'estate e preferisco il ballo di coppia, dove c’è il contatto fisico, stretti una all’altro a volte si vivono emozioni che nemmeno immagini con persone assolutamente sconosciute, Susi sapessi che bachate!!!!!!!
E terzo perché il mio abbigliamento è curato, certo, ma non vistoso, se posso ricerco l'eleganza, ammesso di riuscirci.
Non porto catene al collo, braccialetti, anelli, orecchini, orologi, nulla di nulla, la mia tenuta più frequente, è pantaloni neri molto leggeri ed eleganti e solo una camicia, senza canottiera o maglia della salute che si vede sotto come fanno di solito i poveri anziani, calze e intimo sempre neri, non i boxer per evitare sbatacchiamenti a destra e a manca, e speriamo che poi non manca per davvero.
D'estate al mare o in in qualche festa all'aperto mi concedo qualche variante più colorata o più comoda assolutamente evito i jeans.
Camicia preferibilmente bianca, oppure nera e solo qualche volta, solo per necessità, cioè perché non ho avuto tempo di stirarle, qualcuna azzurrina, raramente rosina e a seconda delle serate e di dove vado, ma mai con colori accesi alla hawaiana, le scarpe, quelle si sono particolari,nere e argento , non con la suola di bufalo che odio, ma fatte fare apposta da un ‘artigiano di Parabiago, la città della calzatura,almeno da noi.
Cammino sempre lentamente e mai in modo affrettato , anche se mi scappa da morire, non insisto mai con lo sguardo sulle persone da vicino, a meno che non mi accorga che sono loro a farlo, non adocchio ma osservo prima da lontano, poi, se ritengo lo sforzo meritevole mi avvicino, con aria distratta e colpisco, o almeno ci provo, a volte il colpito sono io perchè solo allora mi accorgo che è un cesso, eh sì, da lontano non ci vedo una mazza!!!!
Ecco svelati i miei segreti, contenta Susi? Ciao.
Nina, solo poco fa ho notato questo tuo blog, ti rispondo qui nei forum perchè di là mi limitava nel numero dei caratteri, ma non so se riuscirò a stabilire un punto d’incontro tra noi due, ammesso che tu lo desideri, forse non ne abbiamo nemmeno bisogno.
In alcuni casi credo sia più facile unire due parallele, è che dopo tutte le lotte sostenute mi sono rimasti ormai solo 4 neuroni operativi e con il fatto che qui non piove da settimane e c’è inquinamento quei bastardi girano pure a targhe alterne!
Ci provo ancora , ma che sia almeno la penultima volta, trovo che se si è costretti in qualche modo a rettificare, come spesso devi fare, o a precisare, evidentemente la comunicazione precedente non era perfetta, per risolvere una volta per tutte il problema bisognerebbe capire dove sta il difetto, diciamo così, ma il colpevole non si trova mai, e nessuno mai si offre volontario.
Provo ad andare per ordine non per essere pedante ma per non perdermi a mia volta.
TU :Sto cominciando a capire come mai alla fine una si stanca di scrivere e se ne va.
Vero , da notare però che, anche qui come nella realtà, sono più gli uomini che le donne a sparire, in sala da ballo come alle messe in chiesa le donne che hanno, in qualche modo, “perduto” il compagno sono una marea, viceversa gli uomini pochissimi, si vede che c’è un virus che attacca solo i maschi, deve essere un virus del cazzo!
TU: non mi sono offesa
E meno male , pensa se ti offendevi!
TU: non volevo esprimere solidarietà femminile, volevo solo dire "non trasformiamo sempre tutto in una guerra" - questo era anche il senso della chat del pomeriggio con Roberto
Di fatto pure tu hai poi dichiarato guerra mi pare, o i tuoi erano complimenti?
-TU: hai ragione, Consonanza non è stata carina nei tuoi confronti, solo, che dire....mi sembra tutto un po' esagerato.
Se tu lo avessi precisato subito direttamente a lei, quando c’era, invece di dirlo ora che è sparita, (anche lei ha fatto la sua bella figura di merda, la coerenza della consonanza!!!! Cons torna pure , a quanto pare le tue cazzate qui mancano), avrei apprezzato di più,non ti sembrava esagerato perché l’indirizzo non era il tuo.
-TU: mi nascondo dietro un dito? bho' spiegami perchè non capisco (a meno che non sia il dito medio :D )
Non era un dito medio e lo sai anche tu, era un modo per dire che tentavi di difendere l’indifendibile, e anche questo lo sai benissimo altro che non ho capito, quando vuoi capisci perfettamente
TU: Consonanza mi è simpatica, la trovo anch'io un po' come il prezzemolo - ma tanto, voglio dire, è fatta così
A me non lo è mai stata simpatica, ma mi sono guardato bene dal farlo presente, se tu avessi aggiunto anche questa frase nel contesto precedente, invece che precisarlo ora, avrei apprezzato ancora di più, che lei sia fatta così poi non è un motivo per giustificarla. Anche io sono fatto così, ma me ne dicono di tutti i colori, e fanno bene, tutta salute..
TU: Ogni tanto qualcuno dice "me ne vado" insultando il club e chi ne fa parte - hai fatto anche tu così, ti ricordi, m
Guarda Nina , l’unica cosa di veramente lunga che mi è rimasta , con tua grande delusione, è la memoria, contro il sito mai, con qualche imbecille di turno si, io, per cultura sportiva innata non attacco mai nessuno per primo in vita mia, ma se qualcuno lo fa con me se posso lo distruggo.
TU:Ma quello che non capisco a volte è la cattiveria e in questo caso specifico non parlo di te ma di Roberto, che ieri mi ha proprio fatto incazzare.
Insomma deciditi, non ti sei offesa ma ti sei incazzata, che differenza c'è? Nel dubbio ci hai mandati affanculo insieme, si vede che mi hai aggiunto per non lasciarlo solo ad annoiarsi
TU: ieri sera in chat non hai parlato
Guarda Nina quella sera la chat era letteralmente inondata di nutella che stavo per vomitare, ad un certo punto non sembrava nemmeno nutella, altro che parlare, stessi identici discorsi di un anno fa e sempre dalle stesse identiche persone, anche questo un motivo in più per uscire, certo, non ho parlato,ma avrei dovuto spalmarle tutte quante, se qualcuno, chiunque fosse, amico o nemico , mi avesse interpellato avrei risposto, questo è sicuro, e sempre lo farò, i modi poi li decido di volta in volta.
Nina stranamente non menzioni il fatto che l’unica cosa che mi hai detto prima di sparire era l’affermazione “ho parlato con Cooper e mi ha insegnato un paio di cose”, la ricordi? Chiediti perché questa l’hai dimenticata, ora io dico a te “ Ho parlato con Fara ( fara se ti muovi ti fulmino) e mi ha insegnato un paio di cose” , ora prova a tradurre che messaggio ti ho lanciato ( non lo voglio sapere, fallo nella tua testa) e, solo per un attimo prova anche a pensare perché sono ancora qui a risponderti.
L’ultima cosa e poi chiudo, quando io decido che una persona diventa affidabile vuole dire che ho fatto anche fatica a farlo, ci ho messo impegno, ma se decido che lo merita, non è che quando poi basta un vaffanculo qualsiasi per farmi ricredere senza riflettere, no , mi domando prima se mi sta dicendo qualcosa di più con quel vaffanculo, e se in qualche modo cerca di aiutarmi per capire, per capirsi, questo è il senso delle cose per me .
Visto che nomini Blau lo faccio rivivere un pò, per la felicità delle tante gallinelle che infondo covavano qualcosa per lui, e si arrabbiavano solo perchè non riuscivano a saltare fino al bastone più in alto dove si era appollaiato.
Nei frequenti scambi di vaffanculo e quant’altro tra me e Blau, c’era anche del buono e lo sentivamo solo noi due, senza fare tante chiacchere sapevamo benissimo tutti e due che avevamo dei difetti, ma tra noi la lealtà di giudizio faceva si che avessimo fiducia l’uno nell’altro, a volte ci facevamo anche dei complimenti se ritenevamo di meritarli, pochi in verità, salvo poi rimarcare puntualmente,, anche in modo spietato e ironico, le cagate reciproche che facevamo, più le sue che le mie a dire il vero.
Io e Blau ci siamo spesso insultati ripetutamente e non sempre il tono era scherzoso, ma non abbiamo mai litigato veramente, non è mai scaturita la rissa, la stima reciproca ce lo impediva, a volte c’era del sublime nel confronto dialettico tra di noi, era il nostro modo per capirsi ancora di più, sapevamo dove stava il limite e ci fermavamo un attimo prima.
Guarda Nina, io non ho mai creduto molto nell’amicizia, in particolare nei contesti come questo, ma se avessi mai dovuto scegliere qualcuno di cui fidarmi ad occhi chiusi qui dentro questi era proprio Blau e credo valesse anche per lui, non mi pare sia così complicato da capire, ma perché con gli altri, tutti gli altri è così difficile.
Forse che Blau non era stronzo anche lui quando voleva? Altrochè se lo era e spesso mi superava anche, e di molto pure, era bravissimo a farlo! E’ che per fare le cose, tutte le cose, bisogna esserne capaci e saperle fare bene, e poi vanno fatte con il cuore e con il cervello, che sia un “ti voglio bene” o che sia un “vaffanculo”!!
Dici che Andrea mi manca? Può darsi ma poi penso un po’ alla figa e mi passa subito, ogni male ha la sua medicina, a proposito Andrea, vaffanculo va, il perché? E che cazzo ne so io,decidi pure tu, lo sai che di te mi fido! Ciao
Non mi muovo.
Non chatterò più in privato con Nina

Vengo a suonare il violino (come dovevo fare per Blau....e Nina , ma poi e' saltato l'ingaggio)?

Vabbè fammi mettere un po' di faccine.... :? :roll: :)

Con affetto per entrambi (Nina e Old), dalla ormai universalmente nota 'ancella' over ... :lol:
Torniamo un pò indietro Lu, rileggiti questo, ho fatto copia e incolla non riuscivo a passarlo di quà direttamente




Messaggio da blauereiter » 24.07.2016, 1:06

Gio1234 ha scritto:
E comunque gli amici servono anche per queste cose. Gioia ti assolve sempre, io ti suggerisco un brandy e poi di rileggere quello che scrivi, e poi di pensare a come reagiresti tu se un amico/a scrivesse a te le cose che tu scrivi a loro...


Amici? QUALI amici? Gente che non ho mai visto né mai vedrò? Gente con cui ho in comune due parole su forum e chat? Se questi sono quelli che consideri tuoi amici, sappi che io ho un metro di amicizia assai diverso.
Non ho bisogno dell'assoluzione di nessuno. Se Grazia mi assolve (da che?) di nuovo affari suoi. Cmq Grazia l'ho VISTA, l'ho toccata e ci ho mangiato assieme. Su di me ha dei diritti che quasi tutti gli altri non hanno, compreso quello di assolvere chi non ha bisogno di assoluzione
ciao OldJack
ho letto tutto il tuo lungo post un po' distrattamente devo dire –
Il punto non era ribattere "punto per punto" quello che io avevo scritto nel messaggio privato, perchè credo che rifiutandolo tu abbia perso il "diritto"?! di farlo.
Ormai sono cose trite e ritrite e non ne ho la minima voglia di riprenderle.
Nel mio blog parlavo di come si dà per scontato che le cose siano così, come le si pensano, senza considerare le persone di cui si parla.
Hai dato un mucchio di spiegazioni campate per aria ai miei comportamenti, quando bastava leggere il mio profilo (e so che ci sei andato) per vedere che sono una persona riservata e quindi spesso uso messaggi privati - ci potevi arrivare per deduzione.
Quindi, secondo me bastava dire: ok, non ci siamo capiti, mi dispiace.
Mi è capitato più volte di chiedere scusa (anche a Roberto), non è che mi sono sentita sminuita, anzi.
Si vede che sei un bravo venditore, usi bene le parole, ma qualche tecnica la conosco anch'io (per quel che vale ho seguito Roberto Re e camminato sui suoi carboni ardenti) e mi è piaciuto come hai aggirato il succo del mio blog spostandolo ancora sul vecchio argomento e cercando di tirarmi ancora in polemica.
Con simpatia - buona serata
Ecchime:) ogni tanto appaio...non timbro cartellino...ho letto di corsa e in qualità di prezzemolo:) essendo stata citata rispondo. Lo faccio aui che vado di fretta....per Old...non so in cosa ti abbia offeso o sia stata indelicata...sono leggera qui ormai...e se ho detto qualcosa di sbagliato senza problema ti chiedo scusa...insomma...non ho nulla di personale verso te o altri del forum...non vi conosco ...mi sforzo di interpretare e ovviamente posso sbagliare. Stronzo? Non credo tu lo sia...sei come ti senti...siamo come ci sentiamo...questa e' una finestra virtuale il mondo e' fuori e solo chi ci conosce e vive ha per me importanza nell'apprezzarci o meno. A proposito di rugby...il 5 feb si ricomincia...ma tenete d'occhio anche la finale di tennis open Australia tra federer e nadal...mitici:). In sostanza...trovavo eccessiva la tua risposta a Cooper nel post sul cibo...tutto qui. Ma siccome sono prezzemolo non date troppo conto a quel che dico...sono passaggi rapidi i miei...così...tanto per partecipare...gioco di squadra. Sono leale Old...questa e' una mia certezza...vivo e lascio vivere e vado ad altre feste. Credo nel gruppo...e ora rispondo ad Host ma ovviamente ognuno si sceglie il suo. Naturale...come nel mondo fisico ci si sceglie. Un caro saluto anche alle ancelle tutte. Bacione a Fara...lei e Terry sono le uniche di questa legislatura che conosco di persona. Riparto...alla prox. Buon proseguimento a tutti