Cosa succederebbe secondo Voi con una Brexit italiana se dovessimo uscire dall'Euro e ritornare alla Lira?
Irei ho letto qualcosa sull'argomento su Virgilio e più o meno il succo era questo:
Per prima cosa gli stipendi e pensioni diminuirebbero, specie dal cambio Euro/Lira e avrebbe una valutazione minore in borsa perché pagando gli stipendi e pensioni in Lire diminuirebbe il potere d'acquisto e aumenterebbe il debito pubblico e estero, prima con la lira il governo italiano stampava moneta in più per tappare i buchi e se tornasse a farlo, oltre che creare l'inflazione, aumenterebbe il debito pubblico e il debito estero e in lire aumenterebbero i tassi d'interesse, considerato che con l'Euro l'Italia non può fare tutto questo e deve stare con i piedi dentro le scarpe e con quelli della Lega e M5S credo che noi italiani non dormiremo sonni tranquilli e dovremo temere per i nostri risparmi se Lega e M5S vanno al Governo, anche perché nel cambio euro/lira diminuirebbero anche i nostri risparmi e ho letto anche che il governo italiano sta considerando l'ipotesi di dichiarare bancarotta, il che vuol dire fallimento, per azzerare i conti e i debiti con l'estero, e vorrebbe dire che tutti noi perderemmo tutti i risparmi e titoli di stato ottenuti dalle banche. :oops: :oops: :oops: mica da ridere...che ne pensate? avete notizie più aggiornate?
Attenzione che raccogliere tutte le notizie in rete, sui giornali e al bar, su questo argomento fa male alla salute; mentale.

Riduciamo tutto a pochi punti.
L'Italia è penalizzata dallo stare sotto i comandi di Francia e Germania (ma anche USA e altri), il loro vantaggio è che si tolgono un pericoloso concorrente e nel contempo si comperano le nostre aziende e anche i posti migliori del territorio. Per ora, poi passeranno a raccogliere le case e i risparmi che in Italia sono i maggiori del mondo. Come possono fare? Con interessi sul debito che non potranno mai essere ripagati.
L'Italia ha pagato in 20 anni circa 2.000 Mld e nel frattempo il debito è salito a 2.300, è quello che succede quando ti rivolgi agli strozzini.

Pensare di uscire dall'Euro tout court è una pazzia e nessuno lo farà, nemmeno chi dice di volerlo fare.
Liberarci gradatamente e riconquistare la sovranità nazionale è possibile, ma molto difficile; ci vogliono dei politici di grande competenza e liberi da vincoli di interesse personale. Averli.
Potrebbe invece essere proprio il comando di Bruxelles a decidere di buttarci fuori, se la rendita finanziaria che deriva dall'Italia diventasse meno interessante; sarebbe allora più conveniente "strozzare", come con la Grecia. Però è una mossa pericolosa vista la dimensione dell'Italia e contro l'Euro ci sono attori mondiali che potrebbero entrare nel gioco. Quindi il futuro in questa direzione è imprevedibile.

Cosa succede quando si dovesse essere liberi di commerciare col mondo con una moneta propria?
Varrebbe poco, quindi tutto quello che viene da fuori costerebbe 3-4 volte, fate dei conti su cosa comperate che non sia di produzione italiana e capite a cosa si dovrà rinunciare. Quello di produzione italiana ma con materie prime estere salirebbe quasi uguale.
Lato buono: tutto il valore aggiunto che dipende dal lavoro, capacità progettuale, inventiva, gusto e peculiarità tipica italiana, sarebbe richiesto all'estero 3-4 volte di più.
I posti di lavoro diventerebbero innumerevoli, ma con reddito basso; ad esempio: un produttore di vino triplicherebbe le vendite e potrebbe pagare dei lavoranti, quando adesso deve fare tutto in famiglia altrimenti la gente compera vino francese o spagnolo.

Una previsione non è facile, ma il percorso sarebbe quello della Cina: prima produrre con tanto lavoro e poco guadagno, poi gradualmente un aumento di reddito e col tempo uno sviluppo pari a quelle che sono le capacità degli italiani. Abbiamo sempre mostrato di saperci fare.

Prima del lieto fine però ci stanno molti anni di semi-povertà; su questa paura si gioca il ricatto di chi ha interesse a spremere le nostre ricchezze e mantenere una classe politica in Italia incapace e traditrice, corrotta e pigra.
Pertanto stiamo tranquilli: tutti quelli che comandano nel mondo e in Italia hanno interesse a farci stare bene adesso, oggi meglio di domani.
A proposito, cosa si dice dell'aumento delle tasse a Settembre? O pensate che le tasse diminuiranno?
Gli "incapaci"sono stati messi di proposito al governo.
Da decenni.
Noi prima distratti, poi impoveriti, ora spettatori.
Gli unici a guadagnarci sono i brokers internazionali che lucrano sulla svendita delle nostre migliori e appetibili aziende e ingegnosità.
Il debito e i relativi interessi ci fanno essere gestibili, qualunque colore stia al governo.
Destinati ad essere colonia del miglior offerente.
hai ragione Mara, noi stiano svendendo ciò che i nostri padri hanno costruito con tanto entusiasmo, impegno e fatica. Non é che invece dovremmo rimboccarci anche noi le maniche e cominciare a creare qualcosa di solido.. alla faccia della politica da smidollati?
Guarda che mio papà ha sempre lavorato 9-10 ore al giorno, aveva l'auto dal 1950 ma andava in officina col mosquito per risparmiare, lavorava tutto il sabato, e la domenica faceva la contabilità. Ha smesso a 75 anni.

Io no; e sono sicuro nemmeno tu, ne tutti gli altri; i nostri figli senza internet "non possono vivere" e anche noi ci sentiremmo male.
Poi vogliamo fare un sondaggio su quanti qui sono in pensione, da quanti anni e con che importo? Lasciamo stare.

Il merito del fancazzismo diffuso in Italia lo possiamo dare ai politici che ci hanno irretito come i pedofili coi bambini, ma noi non eravamo bambini. Abbiamo delle colpe.
Adesso conviene che ogni persona operi per una maggior giustizia nel posto in cui si trova, poi ci vorranno decenni per risanare la situazione.
ti posso dire il mio pensiero,l italia fallirebbe ed andrebbe in default, gli scenari sarebbero terribili, i nostri soldi nei conti correnti svanirebbero dalla sera alla mattina, spesso ci dimentichiamo dell alto debito pubblico fatto dai nostri politici, dai governi precedenti che hanno gestito i soldi in una maniera disastrosa, con la terribile cultura che"se facciamo un po di debito non succede nulla" questo a patto che il debito rimanga gestibile, quando siamo entrati nell euro lo abbiamo fatto a condizioni svantaggiose di cambio, credo col ricatto, o fuori o dentro l'euro, se fossimo stati fuori saremmo falliti lo stesso, sempre colpa del debito pubblico, l'euro non da solo svantaggi ma anche vantaggi, se non fossimo mai entrati nell euro ricordiamoci che non siamo autonomi completamente dal punto di vista dell energia, ci riforniamo dalla francia, ora provate oggi con la lira o comprare la energia elettrica in lire dalla francia, costerebbe il doppio, tutto cio che proviene dell eurozona costerebbe il doppio, certo il mercato interno italiano andrebbe ottimamente,ottima soluzione sarebbe la lira per il mercato interno e leuro per tutto cio che viene da fuori, 2 monete insomma, con la lira le esportazioni volerebbero con i prodotti italiani, si potrebbe tornare alla lira tranquillamente se non ci fosse il debito pubblico e se fossimo autonomi con l energia in tutto e se avessimo un ottimo pil in crescita, il che vuol dire lavoro per tutti, ma il lavoro è fortemente tassato abbiamo il costo poi alto d europa, le ditte chiudono o delocalizzano, quindi è un cane che si morde la coda, per tutto questo stato di cose, tasse troppo alte, costo alto della vita l italia è un paese solo per le vacanze, lavoro ti pagano una miseria e ti maltrattano anche, quindi lavorare all estero nel regno unito o in altri paesi con stipendi piu alti, una soluzione per i singoli e fare una vincita alla lotteria e stabilirsi a gran canaria nelle canarie e fare la bella vita, per che vuole aprire una attivita le tasse sono piu ragionevoli e meno burocrazia, ecco perche vediamo molti andare via dall italia per stabilirsi in quei posti, ma capiamoci bene, se hai i soldi si sta bene anche in italia, io sono come i napoletani, sono attaccato alla mia terra l emilia romagna e non accetto quel discorso di trasferirmi per sempre a gran canaria o in altri posti solo perche tutto costa meno, dopo un po mi verrebbe la depressione.
l islanda si è rifiutata di pagare il debito pubbilico, si vede che forse se lo poteva permettere a conti fatti, forse si è resa conto che il paese poteva proseguire autonomamente facendo una cosa del genere, l italia non potrebbe, per tirare avanti ha bisogno di soldi, immettere titoli di stato da rimborsare, lo sappiamo tutti che chi non ha debiti se la passa meglio rispetto a chi li ha. :)
EU exit, che dire, entrare nel dettaglio è difficile e per certi versi impossibile da prevedere, direi terra terra " un salto nel buio "
Alcune riflessioni le ho fatte , sicuramente noi Italiani diventeremmo molto più poveri in pochissimo tempo, visto che la nuova valuta (nuova Lira ) subirebbe nei primissimi giorni una svalutazione che potrebbe raggiungere anche il 50% !
Noi importiamo ed esportiamo . Faccio un esempio banale, divento proprietaria di una gelateria ( magari... :lol: ) decido di comprare una decina di macchinari dall'Estero per un importo totale di 100.000 E e che, a seguito della crisi , l’Italia torni alla lira (o meglio alla nuova lira) e questa subisca una svalutazione del 50%. In questo caso i macchinari da me acquistati sarebbero sempre 10, ma mi verrebbero a costare molto di più (visto che il tasso di cambio si è ridotto): 200.000 nuove lire. A parità di quantità domandata, aumenta il valore delle importazioni, mentre l’export resta invariato.
Risultato, svalutazione = inflazione

Sapete che vi dico? Adesso che il Governo è pronto, la squadra ben definita ecc. ecc. sono pronta ad emigrare nuovamente all' estero ( più precisamente alle Canarie ) :lol:
mah!..voi avete fatto esempi con paesi extra europei che sono dei paradisi fiscali dove riciclano denaro sporco o con la Cina che è un continente e c'è sfruttamento e semi schiavitù nel mercato del lavoro e manodopera minorile, ma io porto esempi di paesi europei che non hanno aderito all'euro come la Svizzera con le sue Banche non trasparenti e Malta paesi che si amministrano da soli e allora dico...<<cosa hanno loro che noi non abbiamo?>> ma hanno i redditi di cittadinanza che noi non abbiamo, hanno un sistema di banche che sono poco chiare sulla provenienza di quanto da loro depositato e hanno turismo e gioco d'azzardo con i loro Casinò legalizzati e altro ancora..ma allora ditemi!..dovremmo fare come loro e legalizzare in Italia le mafie che gestiscono tutto questo? Ridando potere al sotto stato?considerato che il patto che hanno fatto i comunisti con gli altri paesi europei ed extra europei america compresa era quello di sconfiggerlo, non ci siamo riusciti ma l'abbiamo solo indebolito con i risultati catastrofici che conosciamo, per aver dato modo alle mafie straniere di prendere piede in Italia!..
meno male che abbiamo una costituzione che recita che siamo una repubblica fondata sul lavoro che non viene garantito e diciamo che aborriamo le guerre e mandiamo i nostri in missioni di guerra, mascherate da missioni di pace, che non dobbiamo produrre armi e siamo denuclearizzati e abbiamo aziende come la Beretta e altre aziende che producono armi, a abbiamo le basi missilistiche americane e prendiamo energia nucleare dalla Svizzera e dalla Francia, diciamo che aborriamo le mine anti-uomo e le produciamo noi..devo continuare? ci disprezzano in UE ma ci comprano!..
Ecco perchè penso che è sempre bene avere fonti diverse.... !!!


https://scenarieconomici.it/ancora-sul- ... fake-news/
Oggi come oggi, per detenere titoli di stato Italiani bisogna essere o speculatori o incompetenti.....
per usare termini civili :-)
[list=]l'Euro l'Italia non può fare tutto questo e deve stare con i piedi dentro le scarpe e con quelli della Lega e M5S credo che noi italiani non dormiremo sonni tranquilli e dovremo temere per i nostri risparmi se Lega e M5S vanno al Governo, anche perché nel cambio euro/lira diminuirebbero anche i nostri risparmi e ho letto anche che il governo italiano sta considerando l'ipotesi di dichiarare bancarotta, il che vuol dire fallimento, per azzerare i conti e i debiti con l'estero, e vorrebbe dire che tutti noi perderemmo tutti i risparmi e titoli di stato ottenuti dalle banche. [/list]
NON CREDO che la lega e 5 stelle vogliano fare questo, queste sono solo ilazioni, certo non siamo in una bella situazione,vedi l'unico modo per ripianare in debito è ridurre drasticamente le spese delle stato, cosa che o governi"casta" non hanno mai dico mai voluto fare, bisogna fare una revisione di tutte le spese dello stato e ridurre gli sprechi, come si fa a pensare di comprare aerei ultramoderni da guerra dai costi esorbitanti con un debito del genere, cottarelli il ministro della spending reviu aveva individuato una miriade di enti inutili, perche non sono stati soppressi??? no dico qualcuno di questi enti potrebbe anche servire ma non mi è giunta nessuna notizia della soppressione di nemmeno 1 di questi, e be scommettiamo che se fossero i politici coi loro soldi a mantenerli verrebbero soppressi immediatamente, ma siccome siamo noi italiani tutti a pagare decidono tutto loro, quindi è una specie di assistenzialismo pagare stipendi ad enti inutili e consigli di amministrazione, se vi dico cosa ha raccontato berlusconi c e da arrabbiarsi davvero e di brutto, quando si insedia un nuovo governo a roma arrivano collaboratori dei politici, e anche famigliari a seguito, mantenuti a roma dallo stato o giu di li, teoricamente quando finisce la legislatura come sono venuti dovrebbero ritornare a casa, i politici rimangono a roma per essere rieletti a nuovi incarichi ma tutti i familiari amici e parenti anche da 3-4 governi precedenti rimangono a roma e come ha detto berlusca a spese dello stato almeno per quando riguarda l alloggio, con dei costi ovviamente esorbitanti per il governo di roma o presidenza del consiglio o chi caccia i soldi.
come si è fatta la guerra ai furbetti una volta tollerati del cartellino, bisogna fare la guerra anche a questi sanguisughe. :(
Mi cascano le braccia,
a sentire le elaborazioni mentali dell'educazione alle notizie dei quotidiani allineati e usati da chi detiene il potere.

Sapete chi ha in mano circa il 70% del debito italiano? La BCE.
Che ne compera qualche miliardo al mese per mantenere l'Italia nel range necessario ad avere un spread manipolabile.
Non fate le cose che vogliamo? E io ti vendo un pò di titoli e lo spread va a 300; il che vuol dire 1 miliardo al giorno di maggiori spese.
Fate quello che vogliamo? Io ne compero il doppio e lo spread va a 120.

E sapete come fa a comperarlo? Scrive a bilancio un numero con 9 zeri sul computer. Dopo la fine della parità con l'oro il denaro si inventa. La FED ha inventato 3-4 mila miliardi di $, la BCE circa un terzo, la Cina non si sa, quello che vuole.
Esiste solo il cambio a dare valore ad una moneta e dipende dalla forza politica/economica. La Corea del Nord è diventata forte con la minaccia atomica, e nonostante gli articoli di giornale, che sono solo chiacchiere, c'è riuscita.
La Francia economicamente era come l'Italia, ma ha forza politica e il suo spread lo vuole basso, così noi siamo scesi e loro saliti.

Ci sarebbe da trarne una conclusione ma non la leggerete sui giornali.
Tra l'altro Draghi ha affermato che a breve terminerà questa procedura di Q.E.
che ci ha aiutato a contenere fino ad ora spread e debito, e qualcuno del nuovo governo italiano vi ha notato "uno strano" tempismo.
Certo che, così, a breve, altro che strada in salita per noi!
Gabribella ha scritto: Tra l'altro Draghi ha affermato che a breve terminerà questa procedura di Q.E.
che ci ha aiutato a contenere fino ad ora spread e debito, e qualcuno del nuovo governo italiano vi ha notato "uno strano" tempismo.
Certo che, così, a breve, altro che strada in salita per noi!

come ha detto berlusconi bisogna fare una rigorosissima revisione della spesa dello stato,ridurla, cosa che tutti i governi non hanno mai e poi mai voluto fare, praticamente abbiamo vissuto come stato facendo spese al disopra delle nostre possibilita, siamo famosi noi italiani per questo con la cultura del "debito" poi è arrivato monti e ci ha pensato lui a riempirci di tasse con il suo rigore del cavolo, invece di dirigersi verso la riduzione della spesa pubblica l ha mantenuta o aumentato la spesa e come ha detto il grandissimo salvini monti in una notte è venuto nelle nostre case a soffiarci l argenteria (grandissimo) facendo pagare la tassa sulla prima casa anche chi era senza lavoro, a persone disabili o piu deboli e non pensando a una no tax area a chi non lavora perche disoccupato.
Consiglio la lettura di un articolo a chi vuole schiarirsi la mente, e non dico capire perchè i non addetti al lavoro non hanno (abbiamo) elementi sufficienti, ma almeno rendersi conto che quello che i media ci forniscono è una copertura di cose che la maggior parte del popolo non capisce.

http://www.ilsussidiario.net/News/Polit ... ia/825660/