Sento che la sera e la notte sia il momento più intriso di solitudine, almeno per me, e che il stare sola danneggia, la mia anima il mio cuore, cervello e di conseguenza il fisico....scrivo qui perché non so a chi a altro rivolgermi....spero qualcuno mi capisca.....buonanotte
Mi sento molto sola....ma un tempo non era così....Non so bene cosa è successo....ma ne soffro molto....per me l'amore è l'unica cosa che può dare felicità...in tutti i sensi....e ne sento molto la mancanza....come se nulla avesse più senso....scusate è che sono triste....grazie per aver condiviso con me il mio stato d'animo.....
Addirittura... beh se non ti da fastidio parlare con un "non-anta" io ci sono... e se lo vorrai ci sarò sempre ed incondizionatamente...
Buonanotte! Ma se non riesci a prendere sonno sai dove trovarci :D
ciao Star1966, anche io sono qui e soffro molto la solitudine, la condivisione della vita con una persona è sicuramente la cosa più bella che potremmo avere anche se ci sono persone che sole stanno bene. Quando poi questo stato non lo hai scelto ma ti ci sei trovata per cause di forza maggiore è difficile accettare questa condizione, quindi io ti capisco e condivido con te te questo senso di vuoto.
Grazie Marta.....grazie Nonanta...
Buongiorno! Inutile dire di ....apprezzare ciò che si ha e non inseguire cose vane
Concentrarsi sulle energie positive
Accogliere il dolore per lasciarlo andare
Sorridere della felicità degli altri...ciò che ci è stato donato lo abbiamo vissuto..guardando con fiducia nel nuovo giorno apprezza e assapora le piccole gioie quotidiane...fuori dal qualsiasi tunnel si può uscire!
Ne abbiamo parlato in altri post e in altre occasioni :D

Nio qui ci siamo, anche per le tristezze...tutto passa, e lo sai anche tu!
Un abbraccio
Che belle parole....da rileggere e non solo....grazie Michela....un abbraccio
non sono stati giorni felici questi di pasqua vedremo cosa ci porta di bello domani forse un bel sorriso un abbracccio una stretta di mano chissà domani lo scopriremo :
Ciao, la solitudine è una dimensione che prima o poi si sperimenta nella vita. Tu dici che l'amore è tutto, sicuramente è così quando c'è. Quando non c'è più bisogna dare una nuova direzione alla propria vita. Tutto parte da noi stessi, ti sembrerà assurdo quello che dico, ma penso che occorra imparare a tollerare la solitudine, riempirla di noi stessi, i nostri interessi, pensieri, progetti. La solitudine non è altro che stare con noi stessi e imparare ad apprezzarlo. Guardati intorno: non vedi nessuno? Ci sei tu, parti da te stessa, conosci i tuoi limiti e impara ad essere clemente con loro. Apprezza i tuoi punti di forza, stando da sola li scoprirai, credimi, e sarai pronta ad affrontare il mondo.... un abbraccio e contattami pure se ti va.
Belle anche le tue parole, Tressy!
Star1966 ha scritto: Sento che la sera e la notte sia il momento più intriso di solitudine, almeno per me, e che il stare sola danneggia, la mia anima il mio cuore, cervello e di conseguenza il fisico....scrivo qui perché non so a chi a altro rivolgermi....spero qualcuno mi capisca.....buonanotte


Carissima,
la solitudine è il momento nel quale ci troviamo con noi stessi, con le nostre paure e, talvolta, con la coscienza delle nostre delusioni.

io non ho mai avuto paura della solitudine, anzi, di tanto in tanto la cercavo per lasciar fluire gli eventi della vita e raccogliermi con me stesso

da un po' di tempo però inizia a pesarmi. in particolare dal giorno in cui rientrando a casa dopo mezza giornata passata nei boschi in contatto con me stesso ho scoperto che la mia parte di letto era rimasta calda in mia assenza (Simon & Garfunkel) e, ancor più grave, che erano anni che non si raffreddava.

mi chiedo, mi pesa la solitudine o il senso di sconfitta?
La solitudine è una condizione che più di molte altre dipende da come la si percepisce e da come la si vive.
Io parlo da una posizione che molti possono considerare privilegiata: una grande famiglia, tanti nipotini, una vita ancora impegnativa. Insomma pochissimo spazio per la noia e per il vuoto esistenziale. Forse è per questo che la cerco e che la ritengo indispensabile e rigenerante. La vivo come una fortissima sensazione di libertà, di possibilità di gestire il mio tempo (il bene piu' prezioso che ci sia per dirla con le parole del grande Steve Jobs), di darmi cio' che ritengo utile per me. Forse è egoismo allo stato puro, non so, so solamente che la cerco e che mi fa bene. Poi pero' fai anche i conti con la tua natura, quella profondamente umana, quella sociale, quella che anela alla coppia nonostante tutto, quella che cerca calore, fisicità, sostegno o anche pura e semplice presenza. Tuttavia si potrebbero avere entrambe. Sarebbe sufficiente il rispetto reciproco, degli spazi, del tempo, dei pensieri, della propria individualità ed unicità. Difficile, molto difficile! Comunque mai smettere di credere che l'altra metà della mela esista, è nascosta da qualche parte, mai smettere di cercarla. E se non la si trova pazienza. Ma se stai bene con te stesso/a non baratterai mai il sogno di una complementarietà possibile con il semplice riempimento di spazi vuoti. Io ancora ci credo...
La solitudine si può apprezzare e gustare. Può essere rigenerante: ti ascolti, ti ricarichi e sei pronto per affrontare tutto il resto con più energia.
Dipende sempre da che lato guardi le cose..a volte i periodi di solitudine arrivano proprio per dirci qualcos'altro!
La libertà è ineguagliabile e il potersi permettere delle scelte, ancora di più!
E mi ritrovo d'accordo con Simona riguardo il "riempimento" di spazi vuoti..tanto per riempirli :cry: , meglio credere che la mezza mela da qualche parte ci aspetta! :D
Cara Star, mi sono permessa di dare un occhio al tuo profilo per vedere come ti descrivevi: ma appunto non dai alcuna decrizione del tuo carattere, dei tuoi interessi, delle tue aspettative.
Come può un uomo capire se potreste entrare in sintonia, se ci sono delle basi comuni su cui poter costruire insieme una nuova e bella storia?
Sicuramente avrai tante cose interessanti da raccontare.

Ricordati poi che siamo in primavera, stagione di transizione, per cui è molto facile sentirsi stanchi e depressi. Non lasciarti vincere dalla tristezza: fatti aiutare dal medico con integratori di vitamine e sali minerali. E ascolta tanta musica: la musica è potente sull'umore; musica classica (ad esempio il finale del Lago dei cigni, che è bellissimo) ma anche le canzoni d'amore: molte sono quasi terapeutiche, e alcune hanno testi di vera poesia. Tanti auguri. Vedrai che presto tutto andrà molto meglio.
Personalmente non mi sento sola. La mia famiglia, i miei interessi, le mie curiosità, il mio lavoro arricchiscono la mia vita e la sera sono troppo stanca x pensare ai miei fallimenti.
Diciamo che l'unico barlume di perplessità è su quanto io sia felice. Ho impiegato anni x ritrovare equilibrio e serenità che il resto mi sembrava meno importante.