Metto delle domande, come vi comportereste, e quanto può darvi fastidio certi atteggiamenti del partner.

1) fino a quante volte perdonereste un tradimento.
2) il vostro compagno/a vi ama , ne siete sicuri, ma quando siete in compagnia il vostro partner fa il galletto/civetta con gli altri/altre. Vi dà fastidio la cosa?
3) cosa non dovrebbe indossare il vostro lui o la vostra lei, quando uscite.
4) Quale svago o divertimento vi appartiene e a cui non potete mai rinunciare, neanche per lui/lei.
5) E' un primo incontro, dopo esservi parlati per telefono e visti per cam, avete deciso di trascorrere una giornata insieme. E trovate il modo per fare sesso. Però trovate che non funziona bene, non c è abbastanza feeling. Pensate, dal vostro punto di vista, di riincontrarvi ancora?
6) lei/lui dopo poco tempo di frequentazione vi fa un regalo, un dono, ma quel regalo vi offende . Come vi comportate, passate oltre e fate finta di niente?
7) domanda agli uomini: ci tenete alla serietà della vostra donna?
1) fino a quante volte perdonereste un tradimento.
Mai
2) il vostro compagno/a vi ama , ne siete sicuri, ma quando siete in compagnia il vostro partner fa il galletto/civetta con gli altri/altre. Vi dà fastidio la cosa?NO
3) cosa non dovrebbe indossare il vostro lui o la vostra lei, quando uscite.Indossa ciò che vuole
4) Quale svago o divertimento vi appartiene e a cui non potete mai rinunciare, neanche per lui/lei.??
5) E' un primo incontro, dopo esservi parlati per telefono e visti per cam, avete deciso di trascorrere una giornata insieme. E trovate il modo per fare sesso. Però trovate che non funziona bene, non c è abbastanza feeling. Pensate, dal vostro punto di vista, di riincontrarvi ancora? Per me si, può essere che il posto scelto non ci abbia messo a nostro agio
6) lei/lui dopo poco tempo di frequentazione vi fa un regalo, un dono, ma quel regalo vi offende . Come vi comportate, passate oltre e fate finta di niente?NO,gli spiego il perchè ci rimango male
7) domanda agli uomini: ci tenete alla serietà della vostra donna?
1) fino a quante volte perdonereste un tradimento. ZERO
2) il vostro compagno/a vi ama , ne siete sicuri, ma quando siete in compagnia il vostro partner fa il galletto/civetta con gli altri/altre. Vi dà fastidio la cosa? UNA COSì NON Può ESSERE LA MIA COMPAGNA.
3) cosa non dovrebbe indossare il vostro lui o la vostra lei, quando uscite. ???
4) Quale svago o divertimento vi appartiene e a cui non potete mai rinunciare, neanche per lui/lei. TUTTI
5) E' un primo incontro, dopo esservi parlati per telefono e visti per cam, avete deciso di trascorrere una giornata insieme. E trovate il modo per fare sesso. Però trovate che non funziona bene, non c è abbastanza feeling. Pensate, dal vostro punto di vista, di riincontrarvi ancora? Sì, UNA VOLTA Può CAPITARE BENISSIMO, SOPRATTUTTO LA PRIMA.
6) lei/lui dopo poco tempo di frequentazione vi fa un regalo, un dono, ma quel regalo vi offende . Come vi comportate, passate oltre e fate finta di niente? NO
7) domanda agli uomini: ci tenete alla serietà della vostra donna? TANTISSIMO: INFATTI LE PROIBISCO NON SOLO DI RIDERE, MA ANCHE DI SORRIDERE LIEVEMENTE (MA CHE DOMANDA è?)
IPOCRITI.
TUTTI QUANTI.

In natura sul pianeta terra NON ESISTE la MONOGAMIA.
TUTTI prima o poi pensano ad altro.
La monogamia è solo UNA CONVENZIONE.

Dovreste pensare che come pensate ad altro voi può pensare ad altro il vostro partner.
ERGO se fate qualcosa voi dovreste lasciare libero il partner di fare altrettanto.
TUTTI coloro che parlano di fedeltà o di permissivismo zero SONO DEGLI IPOCRITI.
E dei poveracci.

AMERI: Ho qui terminato! 8)

P.S. La mia filosofia? Non posso condannare la mia compagna per quel che faccio anche io. E non posso non fare anche io qualcosa che farebbe anche lei...
Buongiorno Mr. ! Svegliarsi, accendere la connessione con il pianeta e leggere quanto sopra non ha eguali :lol: :lol:

10734252_10204212034252316_8049728804500076167_n.jpg
:lol: :lol: :lol: :lol: :mrgreen:
Gli allegati possono essere visualizzati solo dai membri del Club-50plus.
stefanocolombo, ognuno è libero di scrivere.
Io penso che una cosa è non volere essere traditi, per principio, e una cosa è tradire.
Credo che a un tradimento ci passerei sopra, una scappatella, magari per amore e per i figli, a un secondo No.
A una storia durata tempo, anche solo qualche mese, non ci passerei sopra. Perchè mi tornerebbe sempre in mente.

Dovreste pensare che come pensate ad altro voi può pensare ad altro il vostro partner.
Secondo me immaginare e pensarci è lecito, agire un pò meno.

Aspetto le tue risposte.
Gioia59 ha scritto: Svegliarsi, accendere la connessione con il pianeta e leggere quanto sopra non ha eguali :lol: :lol:


sono d'accordo. confesso che ogni volta che in homepage vedo un nuovo commento di Psycho vado subito a leggerlo. consapevolmente o no, è il più grande comico di questa community. stavo pensando di regalargli un abbonamento premium, perché i suoi soli tre post al giorno non mi bastano più, quando nel dire cazzate ha un talento inesauribile e poliedrico. poterlo leggere 20, 30 volte al giorno sarebbe meraviglioso.
susi_4ve ha scritto: Secondo me immaginare e pensarci è lecito, agire un pò meno.

Aspetto le tue risposte.

IMMAGINARE, PENSARE ESONO LA STESSA COSA DI FARE.
QUANTE persone a letto con una ad occhi chiusi o a luci spente sognano un altra.
E a che serve stringere fra le braccia il proprio partner quando si pensa a quello altrui.
Almeno facendo la cosa si risolve, ma pensando pensando il "tradimento" è continuo.
Che poi la parola TRADIMENTO sottintende ben altra cosa.
Tradire vuol dire, di base, "consegnare ai nemici", "Venire meno ai proprî doveri più sacri, mancando alla fede debita o data, a impegni presi solennemente, alla fiducia che altri ha in noi".
Se un essere umano sceglie di passare del tempo con un altro che non è il proprio partner è una cosa, se invece si approfitta di quest' ultimo, butta all'aria l' unione anche per futili motivi, agisce in modo da danneggiarlo in qualunque modo allora questo è tradire.
Per me il vero tradimento è quello del finale del Libro di Orwell "1984", non la scappatella coniugale (o non coniugale).
Certo se uno per amore di una gonnella si vende casa, butta sul lastrico la famiglia, usa violenza in famiglia eccetera quello è un conto, ma se nel corso di 20, 30, 40 anni di matrimonio ci si concede una "pausa", un "intermezzo" eccetera senza intaccare il menage familiare non vedo dove stia il problema.
Nessuno di noi può affermare in piena coscienza di non potere pensare ad "altro" quando si accoppia.
Specie se l' accoppiamento dura molto a lungo.
Esisterebbe altrimenti un mondo di automi anaffettivi e depressi.
Tutti i giorni pasta col pomodoro, tutti i giorni un film con Tognazzi, tutti i giorni passeggiata al parco.
Nel nostro caso tutti i giorni parlare, mangiare, fare sesso, interagire col partner....
Alla fine anche se non vuoi sei costretto a trovare un alternativa temporanea alla pazzia pura.

SUSI cara..
Il mondo è fatto di REALISTI e di IPOCRITI.
Io sono realista.
Punto.
OlandeseVolante ha scritto:
Gioia59 ha scritto: Svegliarsi, accendere la connessione con il pianeta e leggere quanto sopra non ha eguali :lol: :lol:


sono d'accordo. confesso che ogni volta che in homepage vedo un nuovo commento di Psycho vado subito a leggerlo. consapevolmente o no, è il più grande comico di questa community. stavo pensando di regalargli un abbonamento premium, perché i suoi soli tre post al giorno non mi bastano più, quando nel dire cazzate ha un talento inesauribile e poliedrico. poterlo leggere 20, 30 volte al giorno sarebbe meraviglioso.


64530385.jpg
Gli allegati possono essere visualizzati solo dai membri del Club-50plus.
Gioia59 ha scritto:
64530385.jpg


vedo che dal vederti rifiutare le tue ripetute offerte a farmi da trombamica sei tornata a scodinzolare per il tuo padrone.
hai fatto bene: almeno mostri di sapere qual è il tuo posto.
Uffa, che barba, che noia, che barba. (diceva la Mondaini ).
E' così difficile esprimersi a parole proprie?

Susi, rispondo alle TUE domande:

1) fino a quante volte perdonereste un tradimento.
ho la presunzione di credere di non essere stata tradita e ora vedo che il concetto di tradimento non implica le cosidette "scappatelle". Se mi rendessi conto di un suo interesse per un'altra donna probabilmente gli direi chiaramente che la cosa mi ferisce e in base alla sua risposta agirei assecondando il mio ...grado di sopportazione. questo però non può succedere più di una volta. Poi mi chiederei cosa non va nel nostro rapporto.

2) il vostro compagno/a vi ama , ne siete sicuri, ma quando siete in compagnia il vostro partner fa il galletto/civetta con gli altri/altre. Vi dà fastidio la cosa?
Conoscendomi non lo farebbe o lo farebbe una sola volta. Non gli permetterei di certo di farlo una seconda volta

3) cosa non dovrebbe indossare il vostro lui o la vostra lei, quando uscite.
La muta da sub? :D

4) Quale svago o divertimento vi appartiene e a cui non potete mai rinunciare, neanche per lui/lei.
A nessuno, perché non mi chiederebbe di rinunciare come io non lo chiederei a lui. Credo anzi sia importante avere interessi (hobbies, amicizie, divertimenti) non necessariamente condivisi.

5) E' un primo incontro, dopo esservi parlati per telefono e visti per cam, avete deciso di trascorrere una giornata insieme. E trovate il modo per fare sesso. Però trovate che non funziona bene, non c è abbastanza feeling. Pensate, dal vostro punto di vista, di riincontrarvi ancora?
Si. Il sesso, per funzionare bene, implica piena fiducia nell'altro, abbandono....cose che non sempre possono esistere già al primo incontro..ravvicinato.

6) lei/lui dopo poco tempo di frequentazione vi fa un regalo, un dono, ma quel regalo vi offende . Come vi comportate, passate oltre e fate finta di niente?
Se il suo regalo mi offende vuol dire che lui non ha capito il mio grado di sensibilità e ancora non conosce i miei gusti. Con garbo gli direi cosa provo e gli chiederei cosa lo ha convinto del fatto che avrei gradito quel dono

7) domanda agli uomini: ci tenete alla serietà della vostra donna?
Che domanda Susi!!. La donna deve essere seria tra la gente......poi a due le cose cambiano. Credo questa sia l'opinione più diffusa tra gli uomini.
stefanocolombo ha scritto:
susi_4ve ha scritto: Secondo me immaginare e pensarci è lecito, agire un pò meno.
Il mondo è fatto di REALISTI e di IPOCRITI.
Io sono realista.
Punto.


Da perfetta ipocrita io credo ci sia una differenza enorme tra il pensare una cosa e metterla in pratica, nei rapporti di coppia. Le parole non uccidono, le azioni sì.
Hai anche ragione a dire che il tradimento è altro, ma se tradisci, in un rapporto, manchi di rispetto all'altra persona. Se tradisci con il pensiero, meno.
Quando decidi di sposarti o iniziare una relazione seria con una persona, non sei con il fucile puntato, non ti obbliga nessuno. Se pronunci voti come "prometto di esserti fedele sempre" dovresti sapere cosa stai promettendo - questo non significa riuscire perfettamente nell'intento, ma cercare e provare sì, di conseguenza, non puoi realisticamente pensare che le avventure o le scappatelle siano lecite.
Non esiste la monogamia dici? I piccioni (ho letto) sono rigorosamente monogami e fedeli per la vita.
Noi possiamo scegliere.
stefanocolombo
QUANTE persone a letto con una ad occhi chiusi o a luci spente sognano un altra.
E a che serve stringere fra le braccia il proprio partner quando si pensa a quello altrui.
Almeno facendo la cosa si risolve, ma pensando pensando il "tradimento" è continuo.
Che poi la parola TRADIMENTO sottintende ben altra cosa.
..........
Se la vita è contornata da belle persone, uomini , simpatici o affascinanti, non siamo chiusi in una campana e si può desiderare di stare con un altro (io donna) ma dal dire e il fare c'è di mezzo il mare.
Io posso solo pensare, pensarci....e basta.

.....
stefanocolombo, ma alle altre 6 domandine non rispondi?
nina57 ha scritto: Da perfetta ipocrita io credo ci sia una differenza enorme tra il pensare una cosa e metterla in pratica, nei rapporti di coppia. Le parole non uccidono, le azioni sì.
Hai anche ragione a dire che il tradimento è altro, ma se tradisci, in un rapporto, manchi di rispetto all'altra persona. Se tradisci con il pensiero, meno.
Quando decidi di sposarti o iniziare una relazione seria con una persona, non sei con il fucile puntato, non ti obbliga nessuno. Se pronunci voti come "prometto di esserti fedele sempre" dovresti sapere cosa stai promettendo - questo non significa riuscire perfettamente nell'intento, ma cercare e provare sì, di conseguenza, non puoi realisticamente pensare che le avventure o le scappatelle siano lecite.
Non esiste la monogamia dici? I piccioni (ho letto) sono rigorosamente monogami e fedeli per la vita.
Noi possiamo scegliere.

NINA: PERFETTA IPOCRITA è la parola giusta.
Lo dico e lo ripeto: PENSARE UNA COSA E' COME AVERLA FATTA.
Basta il pensiero.
Chi non fa non è che rispetta di più, ma semplicemente NON HA CORAGGIO per mettere in atto l'azione.
Io, ad esempio, conosco diversa gente che "eliminerei" dal pianeta seduta stante.
Persone che dovrebbero morire di una morte ORRIBILE.
Purtroppo non avrò MAI le palle per farlo.
Ma dentro di me so che è quel che voglio.
Altro esempio: vorrei una vita migliore per chi amo, fare qualche regalo particolare. Ma non ho i soldi per farlo. Beh...per loro non è lo stesso: i miei regali non li hanno, ma dentro di me è come se li avessi fatti.
Che poi NINA non esistono solo quelli senza palle, ma anche i PIGRI (non è che tu ne sai qualcosa???).
Conoscevo una che non tradiva il marito perchè, mi confessava, sarebbe stato troppo faticoso.
Inventarsi uscite con amiche, cancellare eventuali tracce del fattaccio, tenere altre relazioni in parallelo, stare zitte e non poter condividere.
Una sera mi disse "So cosa perdo, ma non riesco a farlo.Se qualcuno si occupasse di tutto per me mi farei pure lui!!!!".
Beh....che dire...
NINA: puoi dire quel che vuoi...sempre corna sono...col pensiero o meno.
Se poi vuoi scendere nel pecoreccio (che so che lo adori :lol:), allora parliamo anche di chi si masturba pensando NON al partner, pur non andando fisicamente con altre persone.
Manco questo è "cornificare"??????

susi_4ve ha scritto: stefanocolombo, ma alle altre 6 domandine non rispondi?

SUSI: delle altre cose, per me stupidelle, non mi interessa nulla.
Ma volevo puntualizzare la cosa del tradimento.
Che qua "Il più pulito ha la rogna" e fanno tutti i santarellini.
Ma sotto sotto.............. :shock:

P.S. ORNITOLOGICO.
La scienza fa passi da gigante e la moderna ricerca genetica ha recentemente decretato, dopo diverse triangolazioni di dati dei nostri odiosi pennuti in questione, che i piccioni così monogami non sono. Sicuramente quelli in gabbia riescono ad esserlo (e bravi merli: stan chiusi in gabbia da soli!!!), ma quelli selvaggi non possono essere costantemente monitorati (e l'inciucio spesso è questione di un attimo come i cani che si vedono con i padroncini al parco dimostrano...) e le analisi del dna in alcuni casi han chiarito che ci sono geni non propriamente provenienti da due soli genitori.
Detto questo poi possiamo starne a parlare ore e ore, ma resta il fatto che sul 99% del pianeta la monogamia non esiste.
Punto.

P.S. ROMANTICO
Poi, per chi vuol googlare, può andarsi anche a cercare "POLIAMORE" e farsi le proprie considerazioni.
Io un menage con massimo dieci donne lo accetterei.
Ma non ho i mezzi di sostentamento necessari per loro e gli eventuali 20/30 figli che ne deriverebbero.
Fate la carità????? :lol:
Risposta puntuale e abbastanza scontata.
"PENSARE UNA COSA E' COME AVERLA FATTA."
Prova a pensare alla differenza tra voler bene a una persona e non dirlo mai e non dimostrarlo mai.
La mia mamma è da sola, prova a pensare se io la chiamo solo al telefono e le dico che la penso e che mi piacerebbe andarla a trovare e che le voglio bene - secondo te è come andare a trovarla e farle compagnia?
Lo stesso in una relazione. Le fantasie non fanno male all'altra persona, le cose reali sì.
Partire pensando che comunque realisticamente non si può stare anni con una persona senza avere delle storie extra non fa bene al rapporto. Possono capitare, ma non è come dare per scontato dall'inizio che ci saranno.
E giusto per puntualizzare: non so nulla di PIGRIZIA.
Sono una persona razionale, checchè tu ne possa pensare, e se agisco in un certo modo è perchè ho valutato bene, e quello che agli occhi di un osservatore superficiale può sembrare pigrizia o poco coraggio, nasconde invece altro.