da susi_4ve » 15.02.2016, 14:44
Ok, ci sono sempre state delle questioni, in fondo ognuno è libero di fare quello che vuole. Ci sono delle simpatie, dei gruppetti. Chi entra per farsi un giro, chi va a controllare chi realmente c'è, chi sta in silenzio anche se gli chiedi qualcosa. Altre volte quando entro vedo che 3-4 persone se ne vanno ed ho la sensazione di non piacere :) ....ma va bene ugualmente.
--Ecco questo ho scritto una settimana fa circa. Ma ieri sera non mi è piaciuto lo scherzo che mi han fatto Me e Cu. Vi davo fastidio?
Oltretutto verso chi (mi sembra) non vi ha fatto niente. ..qual'è la vostra parola d'ordine..'Urania'..?
Se fossimo stati più giovani mi sarebbe sembrato un gioco di bullismo.
Qualche volta mi diverto anche in chat , la chat è di tutti ma...
non è giusto escludere così la gente a casaccio, se vogliono parlarsi da soli hanno altri mezzi, non usare la chat pubblica e servirsi del tasto 'ignora'. Se qualcosa non va a loro possono uscire dalla chat . L'ho trovato un brutto gioco e un brutto scherzo.
Cara Susi,
qui ci sono personaggi alquanto frustrati, nonché un tot vigliacchi, che provano "a darsi un tono" attraverso dialoghi a due, facendosi da spalla l'uno con l'altro. Chiunque si trovi in mezzo e serva allo scopo, va bene. Non c'è niente di personale nei tuoi confronti.
Io li considero solo un tipico esempio di sfigati da chat, ma capisco la frustrazione se in quel particolare momento - e per caso, come ho detto - ti ci trovi tu.
Ti consoli sapere che devono avere delle vite molto tristi (non è un'ipotesi, ma una certezza).
Non è stata la prima volta che è successo, comunque grazie Blaue.
Cara Susi...a me pure e' accaduta una cosa sgradevole qui dentro...fine agosto 2015...c'era un bel gruppetto di romani che frequentava chat e forum. Forse Shirley temple li ricorda...l'unico che in quel periodo tra tutti voi era già iscritto. Bene...io lavoravo con turno di notte presso la casa delle donne...accoglievo le donne vittime di violenza e si provvedeva con gli altri volontari al primo soccorso fisico e psicologico. Quindi tornata dal lavoro stavo un po' in chat poi verso sera chiudevo e andavo...una sera mentre camminavo con le cuffiette per la musica in testa subii un'aggressione...una spinta in un portone...siccome ho fatto corso di difesa personale riuscii a colpire bene e a scappare. Mentre corro mi telefona uno di questi della chat...un amico (cosi ci credevamo) e io agitata racconto cosa mi stava accadendo. Nel giro di pochi giorni pure qui un tam tam di chiacchiere...perché il tipo tanto amico ne aveva parlato ad altri che non conoscevo e quindi quella che era un'aggressione sulla bocca di tutti divenne peggio. Un giorno un tizio sconosciuto mi scrive un messaggio privato...chiedendo se fossi io quella aggredita.cambiai Nick per un po'per sentirmi meno esposta. Bene...mi sono sentita talmente umiliata sapendo che un mio fatto personale fosse raccontato al mondo che ho chiuso ogni rapporto coi personaggi...totalmente falsi e ipocriti. Purtroppo sono stata ingenua? Non lo so ma ho avuto tanta rabbia. Nessuna di quelle persone si e' mai interessata di sapere come stessi
non sono mai riuscito a capire la violenza gratuita. se poi é fatta verso chi non ha le risorse per difendersi, diventa odiosa.
Farne poi del bullismo, beh, é il tipico esempio di vigliaccheria. Gente da buttare alle ortiche (nuda).
più che bullismo... che mi pare esagerato, direi... grettezza umana.
Ma sai... la ruota gira:-)).
Ogni tanto qualche "spiritello" si affaccia ancora, ovviamente sotto mentite spoglie... e con basso profilo... in tutti i sensi:-))
Mi ricordo l’epoca (giugno-luglio 2015) in cui sito e soprattutto chat erano presidiati dall’Ape Regina e dalla sua corte, fatta di galline grette e compiacenti, uomini-zerbino e qualche mangiatore di fuoco eletto per l’intrattenimento estetico della sovrana.

Erano un gruppo unito a chiacchiere, soprattutto quando si trattava di immobilizzare e marchiare il vitellino di turno. Avevano indetto una cena in toscana: 22 iscritti e 4 partecipanti. Dopodiché si sono trasferiti in blocco da qualche altra parte, con mio enorme rammarico.

Non ricordo in vita mia altri gruppetti così gretti, perbenisti, prevenuti, vili, razzisti e conformisti, tanto che cominciavo a temere che tutti i 50-60enni fossero così, e io fino ad allora fossi vissuto nel sogno di un novello Voltaire.

Ogni tanto qualcuno ricompare in chat, non so a dire che ora che non c’è più la claque plaudente. Il più assiduo è Wolfsila che però, anche se non so quanto sia intelligente, perlomeno è furbo abbastanza da non aprire bocca, avendo compreso che l’Età dell’Oro è passata e che in presenza di gente dal vaffanculo facile rischierebbe di vivere con l’ombrello aperto.

Non sono tutti romani, anzi. Molti lombardi e qualche ligure (forse solo uno, il più becero razzista di tutti).

Sono stato esauriente, paola?
si, ho compreso:-)) però la mia vicenda riguarda esclusivamente i laziali... anzi gli altri sono stati gli unici che si sono adoperati per me. Non li ho mai conosciuti ma con me sono stati vicini, sensibili. Forse nei gruppi se da una parte si ragiona all'unisono, come fossero dei Borg (la resistenza è inutile), in altri casi le menti ragionano singolarmente. Chi lo sa?
cron