Nota. Per non dover scrivere volta per volta “in generale”, premetto sin d’ora che parlo in generale, in maniera statisticamente significativa, e non in senso assoluto e universale.

Ogni uomo (italiano), finché respira, si sente maschio virile. Anche se non gli tira più da 30 anni e non vede una donna da 40. Da quando ci sono le pillole blu, poi, la sensazione si è ulteriormente rafforzata. In questo non c’è niente di strano o sbagliato: i maschi sono geneticamente progettati così e volervisi opporre ideologicamente è idiota, oltreché perfettamente inutile.

Le donne over-50 si dividono in tre (3) categorie. Quelle “normali”, che hanno cioè una sessualità agita e soprattutto desiderata in linea con la loro età biologica. Cioè calante, ma non spenta. Quelle che hanno chiuso bottega (di recente o da molto). Quelle che nella menopausa hanno trovato un fattore incentivante a una sessualità più ricca di prima.

Consegue banalmente che, poiché gli uomini sono come descritto, o le donne si adeguano o non ne vedranno mezzo (di uomo, ma anche di… quello). Altrettanto banalmente consegue anche che la chiarezza di idee su di sé è presupposto necessario per ogni tipo di interazione tra i sessi, dove invece si riscontra (IO riscontro) una notevole nebbiosità sostanziale (cioè non solo formale) nelle posizioni femminili. Mi piace a questo proposito ricordare un vecchio proverbio usbeko, che recita “L’uomo vuole una cosa sola; la donna molte, ma non sa quali”.

Veniamo all’aspetto estetico. Di solito gli uomini invecchiano meglio delle donne e queste ultime, visto che si facevano paranoie già a 18 anni, non è che abbiano smesso di farsene a 55-60. Il “senso di inadeguatezza” è molto più femminile che maschile, essendo che gli uomini hanno una fiducia in sé e una faccia tosta che, se spesso oltrepassa il ridicolo, è comunque di grande aiuto psicologico. Un altro detto recita “L’uomo è bello in quanto uomo”: non importa sia vero, importa invece molto crederci.

Abitudini sessuali. Esistono due tipi di maschi: gli uomini-leprotto e quelli con una sessualità più complessa. Ai primi basta un buco (o più buchi), i secondi devono creare una storia. Per un uomo-leprotto è tutto più semplice, anche sotto il profilo estetico della controparte femminile. Per quest’ultima, poi, è molto facile farli contenti. Perciò per le donne over vige un potenzialmente drammatico trade-off: il leprotto cui interessa poco o niente di come sono fatte o quello complesso che invece ci fa caso. Beh, si sa che la vita è difficile, per le donne.

Tutte le conseguenze pratiche, misurabili in termini di adesione o meno alle iniziative sul territorio, scrittura sui forum, sorrisi spediti e restituiti sui profili, partecipazione alla chat RIFLETTONO quanto sopra detto. Prima la cosa viene capita, meglio vivrete tutti.
Stante che i leprotti e le leprotte farebbero meglio a rivolgersi ad altri tipi di siti, per tutti gli altri niente esclude che possano usufruire con soddisfazione del Club-50plus.
Il modo di invecchiare è soggettivo, così come l‘uso che ciascuno decide di fare del proprio tempo. Ci sono uomini maturi ed ancora „gajardi“, così come ci sono donne che proprio dopo i 50 sviluppano un fascino e una sicurezza di sé da far impallidire molte trentenni.

È vero tutto e il contrario di tutto, basta non basarsi troppo sui soliti clichet.
Ora vado a scaldarmi un passatino di verdure così non rischio che mi si muova la dentiera. :D
Amministratrice del Club-50plus
EMILIA31 ha scritto: Stante che i leprotti e le leprotte farebbero meglio a rivolgersi ad altri tipi di siti, per tutti gli altri niente esclude che possano usufruire con soddisfazione del Club-50plus.
Il modo di invecchiare è soggettivo, così come l‘uso che ciascuno decide di fare del suo tempo. Ci sono uomini maturi ed ancora „gajardi“, così come ci sono donne che proprio dopo i 50 sviluppano un fascino e una sicurezza di sé da far impallidire molte trentenni.
È vero tutto e il contrario di tutto, basta non basarsi troppo sui soliti clichet.
Ora vado a scaldarmi un passatino di verdure così non rischio che mi si muova la dentiera. :D


Sembri attribuire caratteristiche morali ed emozionali negative agli uomini-leprotto. Non vedo perché: un uomo-leprotto può essere innamoratissimo e invece uno più “lento” freddo e distante. Quel che cambia è il modo di vedere il sesso. Del resto, se la durata media di un rapporto è – studi ufficiali – di 4,5 minuti, è assai probabile che la maggior parte degli uomini sia leprotta. Perché non li vuoi qui dentro? Che ti hanno fatto?

Che il modo di invecchiare sia soggettivo sono il primo a dirlo, ma ho anche detto che stiamo facendo un discorso generale. Le mie coetanee somigliano quasi tutte a mia nonna, sia qui dentro che fuori (dove c’è più materiale di confronto).

La frase “è vero tutto e il contrario di tutto” è – permettimi – superficiale e qualunquista. Se pure ha qualche fondamento logico-matematico, tende però a far pensare che 99 palline bianche e una nera sia cosa identica a 99 palline nere e una bianca. C’è pur del bianco e del nero in entrambi i casi, no? Di solito – e qui non mi rivolgo a te – la usano quelli che per ragioni personali non hanno convenienza a guardare le cose nel loro complesso e nei rispettivi rapporti di numerosità, peso e rilevanza.
Il concetto di leprotto mi sembra espresso male; uomo "cercabuchi" e velocista innamorato non sono la stessa cosa. Riguardo all'uomo complesso mi chiedo: se vuole una "storia", se presta attenzione alla sua compagna, come può essere freddo e distante?
Qualunque cosa sia qs guazzabuglio :D , io non credo sia bello accontentarsi in campo sentimentale e sessuale. Un uomo a cui basta un buco :shock: ,...cosa può offrire?
Mi sono iscritta questo pomeriggio, ma qui siete solo in poche persone a interagire, sempre le stesse ed uno in particolare ho notato incline a tagliare le gambe a chiunque e su ogni argomento. :D
Niknik ha scritto: ...uno in particolare ho notato incline a tagliare le gambe a chiunque e su ogni argomento. :D


Niente vero. Io taglio volentieri le gambe a chi dice cazzate. Tu segui un filo logico-espressivo coerente e vedrai che ti lascio stare, Oblomova.
Benvenuta Niknik! Tranquilla, spesso gli interventi di KH sono provocazioni x studiare la tua reazione. Ognuno ha il suo hobby. Alcuni utenti hanno smesso di scrivere, altri continuano cmq, senza preoccuparsi.
Filo logico espressivo coerente significa : "ciò che penso io".
Buona serata
Si, queste verità sono banali, nel XX secolo era così. Poi il tempo passa, il modo e gli stili di vita migliorano e nel XXI secolo si invecchia meglio o peggio non più in relazione al proprio sesso di appartenenza ma in relazione alla cura psico fisica che la gente vuol dedicare a sé stessa e alle relazioni umane. La menopausa non è più scusa o handicap perché ci sono diverse terapie per gestire un cambiamento assolutamente naturale e gli uomini scoprono che la loro sessualità non è meno interessante solo perché problemi di prostata o ipertensione modificano le loro prestazioni. Nel XXI secolo è così e nei consultori di psico sessuologia come nei centri estetici numeri considerevoli di uomini senza problemi chiedono aiuto
Ciao
Sul fatto che gli uomini invecchino meglio di noi donnine io avrei qualcosa da ridire...
I miei coetanei (51) son quasi tutti lasciati andare...
Indubbiamente la nostra percezione della realtà è soggettiva e dipende da chi vediamo e da di chi ci circondiamo. Sono reduce da due diverse vacanze in montagna, dove in genere i 60-70enni maschi sono coriacei come legno vecchio e hanno muscoli come cavi d’acciaio. Non è una novità che dopo i 50 gli uomini si dedichino spesso ad attività fisiche anche sconsigliabili tipo triathlon, maratone, alpinismo, paracadutismo…
Certo, ci sono anche i campioni della forchetta e le campionesse di corsa in salita sulle mani, ma IN MEDIA mi sento di confermare quanto ho detto.