Seduzione senza parole

Seduzione senza parole

0 | 305 Visite

 

8 marzo: festa della donna. Prendendo spunto da quanto il ruolo della donna sia stato determinante nella storia umana tra fragilità, libertà e autoaffermazione si festeggia l’8 marzo, con l’obiettivo di lasciar emergere il valore e la dignità che ogni donna deve conquistare, oggi come ieri, con impegno e fatica.

A fronte dei tanti problemi ancora esistenti, si può affermare che la donna si stia lentamente svincolando dalle secolari limitazioni proprie della nostra cultura.

È un significativo passo in avanti che vede le donne capaci di prendere in mano la propria vita e farsi parte attiva anche nella ricerca di un partner o di nuove conoscenze per riorganizzare il proprio tempo libero in compagnia.

 

È interessante notare come a fronte di un approccio tra sessi sempre più veloce ed efficiente attraverso l’uso della tecnologia con i portali dedicati, nel momento in cui un uomo ed una donna si trovino vis a vis  per il primo appuntamento, siano ancora gli antichi strumenti di seduzione tra i sessi a determinare la riuscita o meno dell’incontro.

Tra questi particolare importanza riveste la comunicazione non verbale.

Vi proponiamo di seguito un elenco non esaustivo dei principali segnali di comunicazione non verbale per i due sessi.  Sembra che le donne abbiano un’abilità maggiore degli uomini non solo nella comprensione ma anche nel controllo di questo tipo di comunicazione.

Conoscerla  regala un grande vantaggio. In una normale conversazione le parole possono mentire, confondere o sviare ma il linguaggio del corpo ci invia chiari segnali su ciò che il nostro interlocutore realmente pensa. Comprendere la comunicazione non-verbale nella seduzione permette di conoscere meglio le reali intenzioni dell’ interlocutore in quanto le persone non sono consapevoli di alcuni dei gesti che compiono e non ne conoscono il significato preciso.

Si può capire se sta mentendo, quali emozioni prova e altre informazioni che nella seduzione possono fare la differenza tra riuscire e fallire.

 

Molti studi hanno evidenziato che generalmente è proprio la donna per prima a compiere i primi segnali nel corteggiamento. Mentre, sempre generalmente, pare che l’uomo sia riluttante a manifestarsi con una donna che non abbia comunicato la sua disponibilità, o presunta tale. Una volta iniziato il rituale di corteggiamento, si assisterà a comportamenti dove l’uomo cercherà di accentuare la propria virilità e la donna la propria femminilità.

 

 I tipici segnali femminili:

 

- Sorride fugacemente più volte (l’uomo spesso non coglie questo segnale).

- Abbassa o china la testa (fa apparire gli occhi più grandi e mostra vulnerabilità).

- Esibisce i polsi.

- Si tocca il collo.

- Volge il ginocchio in direzione dell’interlocutore.

- Intreccia le gambe (posizione seduta), premendole l’uno contro l’altra per apparire più tonica.

- Volge il piede in direzione del possibile partner (se è in piedi).

- Espone il collo ruotando la testa o alzando il mento.

- Le pupille si dilatano.

- Aumenta la frequenza del battito palpebrale.

- Porta la propria mano su cosce e collo.

- Fa ondeggiare i capelli o se li accarezza.

- Gioca con un orecchino e si tocca il lobo dell’orecchio.

- Si liscia o si sistema il vestito.

 

I segnali maschili:

 

- Si infila i pollici all’interno della cinturaè un gesto con la quale si vuole mettere in risalto la zona genitale. La variante più diffusa è quella di mettersi i pollici nelle tasche, lasciando le altre dita fuori.

- Espone o si tocca i muscoli : vuole fare bella impressione.

- Guarda in modo penetrantele sopracciglia sono abbassate, le labbra sono chiuse e il contatto visivo viene mantenuto a lungo. E’ un chiaro messaggio di interesse sessuale.

- Fissa la zona che va dalla bocca al seno, il “triangolo del corteggiamento.“

- Tiene la testa alta.

- Adotta un timbro di voce più profondo.

- Effettua frettolosi gesti di “cura dell’aspetto” (si aggiusta i capelli, si sistema l’orologio o i polsini, si aggiusta gli abiti, gioca con la cravatta).

Oltre al lato fisico, ci sono ovviamente anche aspetti più intangibili, come fascino, carisma, personalità, che influenzano in modo incisivo il giudizio della donna o dell’uomo.

 

È bene concludere sottolineando che quando si parla di comunicazione non verbale, nessun segnale è prova certa, solo la lettura dell’insieme di segnali può fornire indicazioni più attendibili.

 

 

Foto: (c)Tiko/fotolia.com 

EMILIA31 , 08.03.2018

Questo articolo non ha ancora alcun commento.