4 errori comuni di Whattsapp che non conoscete

  • 4 errori comuni di Whattsapp che non conoscete
    2  | 1926 Visite

    Le feste sono passate e si ritorna chi al lavoro, chi alle proprie abitudini quotidiane, molti magari di voi si staranno rigirando tra le mani lo smartphone spachettato durante il Natale, regalato dai nipoti.

    Quali sono i primi step per non aggiudicarsi il primato di “zio piú imbranato dell´anno” o “Miss Negazione tecnologica” per l´intero 2016. Innanzitutto avrete bisogno di una connessione internet, che sia il wi-fi di casa o con pacchetto dati del vostro operatore telefonico. Dopo aver connesso il vostro nuovo dispositivo ecco il momento di “popolare” il nuovo telefono con app (= applicazioni) ovvero strumenti che faciliteranno l´uso del telefono e vi permetteranno di navigare/comunicare/consultare senza l´uso di un browser (Safari, Explorer, Modzilla, Chrome etc..).

    Una delle app che potrete scaricare gratuitamente é Whatsapp: un´applicazione di messaggistica per poter inviare messaggi gratuitamente a tutti i contatti che l´hanno scaricata sul proprio smartphone. Whatsapp ha raggiunto 900 milioni di iscritti nel mondo, mentre il numero di messaggi scambiati in tutto il mondo con Whatsapp ha superato quello degli SMS. Whatsapp gestisce 30 miliardi di messaggi al giorno, rispetto ai 20 miliardi di messaggi inviati tramite SMS, stando al The Economist.

    Vediamo gli errori piú comuni da evitare per poter utilizzare al meglio WhatsApp (pronuncia: Uoz - app)

     

    1. Catene

    Stiamo parlando di quei messaggi che finiscono con “invia questo messaggio a 10 dei tuoi amici”, per il vostro bene e dei vostri amici, non fatelo. Ignorateli e alla prima occasione in cui Tizio o Caio vi chiederá come mai non avete risposto rispondetegli che non amate tediare i vostri contatti e che no, Whatsapp non diventerá mai a pagamento, e se mai lo dovesse diventare non basterebbe mandare il messaggio ai contatti per far cambiare opinione all´azienda, stesso discorso con la promessa della ricarica del vostro operatore. Non offendete la vostra intelligenza.

     

    2. Chat di gruppo

    Sono un´arma a doppio taglio. Potete in un colpo solo scrivere a tutti i partecipanti del gruppo e quindi é un mezzo molto veloce, ma di contro bisogna fare attenzione a scrivere solo messaggi rilevanti a quella determinata chat secondo i criteri del CHI e COME.

    Chi: controllare bene chi sono i membri della chat non solo vi aiuterá ad evitare brutte figure, ma potete anche calibrare il vostro tono di voce e lo stile del messaggio. Non dimenticate che se volete indirizzare il messaggio solo ad una persona della chat, potete utilizzare un´altra chat privata solo per voi 2.

    Come: Non tutte le chat di gruppo funzionano allo stesso modo. Ad esempio se alcune sono destinate a durare e fungono da connettore per una base selezionata di amici, ci sono anche le chat “usa e getta” cioé funzionali ad un´unica occasione. Questo secondo gruppo comprende ad esempio la chat degli auguri di Natale: se un utente crea la chat ed aggiunge tutti i suoi contatti per mandare i propri auguri, il vostro obiettivo sará soltanto quello di ricambiare gli auguri dopodiché potrete liberamente abbandonare la chat con l´apposita funzione “abbandona il gruppo”.

     

    3. Autocorrettori

    La regola é la stessa delle Elementari “rileggere ció che avete scritto” troppo spesso infatti vengono inviate delle frasi con parole che non hanno senso nel contesto o peggio che danno nuovi significati alla frase originale. Questo puó accadere anche senza che voi ve ne accorgiate o diate conferma di scegliere la parola. In vostro aiuto accorre il tratteggio rosso: se vedete una parola sottolineata, ci sono alte probabilitá che non sia scritta correttamente.

     

    4. Emoticons

    Sono abusate dai giovanissimi, ma in fin dei conti sono espressive, veloci ed esprimono concetti molto efficacemente, anche le emoticons tuttavia possono celare qualche insidia.

    Ad esempio basti pensare solo alle faccine con le varie emozioni: pianto, felicitá, rabbia, disappunto: all´apparenza molto simili ma con significati enormemente differenti. Quello che potete fare in questo caso é assicurarvi che la faccina che state inviando sia esattamente quella che intendete o in caso di dubbio, chiedete al nipote che trascorre le sue ore online. Vi salverà da una figuraccia- ipermetrope.

     

    Anche voi utilizzate Whatsapp? Conoscevate queste modalitá d´uso? Preferite invece inviare gli SMS? Vorreste avere piú consigli in merito? Raccontateci la vostra esperienza :-)

     

    Foto © Fotalia - pathdoc



    EMILIA31, 07.01.2016


Mafalda59 0 | 21.01.2016 13:34

  • Mafalda59
  • Come non essere d'accordo con te Blau?
    Solo da qualche mese ho ceduto a questa ehm lama a doppio taglio.
    Come te già prima di attivarlo mi ero resa conto che sarebbe stato un' ulteriore limitazione di ciò che attualmente sta diventando quasi impossibile da attuare: la libertà di chiudere quando si desidera i ponti col mondo tutto e poter respirare aria di pura solitudine.
    Quindi ho adottato un semplice sistema, anzi due:
    punto 1: ho eliminato l'opzione che faceva leggere a tutti l'ora del mio ultimo ingresso e..
    punto 2: ho bloccato tutti tranne le persone con cui mi interessava interloquire; persone che come me non soffrono di "ansia da risposta immediata"; ;)

MARIATERRY62 0 | 22.01.2016 16:40

  • MARIATERRY62
  • Che dire ? Io adoro w.a. nonostante fossi molto prevenuta, mi piace perchè mi avvicina alle persone in un modo che trovo, comunque, caldo, non invadente perchè rispondiamo quando abbiamo la possibilità, ci scambiamo foto, mi piace la grafica. Non mi interessa nascondermi dal far sapere a che ora mi sono collegata (pur potendosi oscurare): E Chi Se Ne Frega ! Saranno cavoli miei ! Mica è una cosa di cui vergognarsi o disdicevole, boh, non capisco: tutti iscritti e spiati su fb e poi temete w.a. ? Li nessuno vi spierà, se cancellate i messaggi, lo sapevate ?

Nuovi utenti



Impressum | Termini e condizioni | Privacy | Help e contatti | Partner | Programma per i partner | Storie d'amore | Stampa | Pubblicità | Lavora con noi
© 2005-2017 50plus-Treff GmbH