Siti di incontri on-line: come tenersi lontani dai truffatori.

Siti di incontri on-line: come tenersi lontani dai truffatori.

0 | 727 Visite

Alla luce degli ultimi casi di truffa smascherati dalle indagini della Polizia italiana, penso sia utile ritornare sul tema „sextortion“ e „scammer“.

La “Romance scam” come la chiamano gli americani, è la truffa della storia d’amore. Colpisce coloro che cercano in rete l’anima gemella o un’amicizia e finiscono invece per cadere vittima di chi si finge follemente innamorato, ma intanto spilla loro denaro. Stiamo parlando dei cosiddetti “scammer”.

A livello mondiale  questo business  ha ormai raggiunto  cifre di diverse centinaia di milioni di euro. Le nazioni  più colpite dal fenomeno sono gli Usa, seguiti da Gran Bretagna, Giappone, Spagna e Germania. In Italia i casi sono in leggera ma costante crescita.

 

COME RICONOSCERE UNO SCAMMER: 

Dietro i singoli truffatori c’è molto spesso un’organizzazione strutturata e specializzata con sede in diversi Paesi dell’Africa occidentale o in Asia.

Generalmente gli scammer maschili si presentano come vedovi, con una foto profilo presa dal web, appaiono molto attraenti e curati, si costruiscono l’immagine del partner perfetto dichiarando un’educazione universitaria e un lavoro prestigioso a livello internazionale (ingegneri, professionisti di vario genere o ex militari), dicono di risiedere all’estero e normalmente scrivono e comunicano in un inglese o francese  di ottimo livello.

Anche gli scammer femminili si mostrano attrattive e seducenti nella foto, si dicono professionalmente impegnate come educatrici scolastiche, infermiere o dottoresse. La maggior parte si dichiara di nazionalità russa, ma in realtà molte provengono dal Sud America, dall’Asia o dall’Africa. 

 

COME AGISCONO:

Una volta entrato in contatto con la persona prescelta, lo scammer instaura fin da subito un rapporto molto personale e coinvolgente e, per sottrarsi dall’ufficialità del sito nel quale è iscritto, chiede ben presto di continuare a comunicare tramite un indirizzo mail o un numero di telefono privato. Non vengono lesinate galanterie, romanticismo, tanti progetti sul futuro, telefonate e messaggi ad ogni ora del giorno e della notte. L’obiettivo è arrivare a far innamorare le proprie  “vittime“ fino al punto di diventare una presenza  irrinunciabile nella loro vita.

 

LA TRUFFA

Dopo un periodo variabile ma mai troppo lungo, scatta la truffa vera e propria e viene avanzata la prima richiesta di denaro . 

Lo scammer può chiedere un versamento su un conto bancario, ma frequentemente preferisce un trasferimento di contanti tramite i siti specializzati.

 Quali sono le scuse più comuni addotte dallo scammer per giustificare la domanda di denaro?

- di trovarsi in viaggio d’affari in un paese lontano ed essere stato derubato di tutti i soldi e documenti.

- di non avere denaro a sufficienza per affrontare il viaggio e venire a trovare la persona di cui è “innamorato”.

-di avere un caro parente bisognoso di cure costose perché gravemente malato e di non disporre delle risorse finanziarie per poterlo aiutare.

-di avere problemi con il funzionamento della propria carta di credito.

Col progredire della comunicazione, le richieste alla vittima del raggiro diventano sempre più pressanti e i toni melodrammatici. Talvolta il truffatore arriva ad annunciare il proprio suicidio nel caso non venga aiutato.

 

 LE REGOLE D’ORO PER METTERSI AL SICURO:

La regola principe rimane sempre e comunque quella di non aprire il proprio portafoglio, non fare versamenti e non comunicare i dati della carta di credito ad estranei. Per nessuna ragione.

Ed ancora: 

1- Scegliere un sito di incontri serio e affidabile.

2- Comunicare solo tramite la piattaforma di incontri di cui si è membri, rimandando la corrispondenza tramite canali privati a quando si è ben sicuri dell’identità dell’altra persona.

3- In caso di dubbio, verificare su Google la foto e il testo postato dalla persona che vi ha contattati.

4- diffidare di un interesse sentimentale sbocciato in poco tempo e infarcito di troppo romanticismo.

5- chiedersi perché una persona in una situazione di emergenza finanziaria o personale scelga di chiedere aiuto rivolgendosi a qualcuno praticamente ancora sconosciuto invece che ai propri amici, parenti o colleghi.

6- pretendere un incontro di persona.

7- segnalare sempre all’amministrazione del sito i profili ritenuti sospetti.

Per garantire la sicurezza dei nostri iscritti, le foto e le descrizioni dei profili vengono esaminate e approvate singolarmente. I profili considerati non reali vengono bloccati ed espulsi. Viene inoltre vigilato che sulle piattaforme pubbliche (Forum, Chat, Blog) la comunicazione tra i soci avvenga nell’ambito della correttezza e del rispetto personale.

 

Conclusioni:

Le persone che sono rimaste vittime di questo tipo di truffa, raccontano che oltre al danno finanziario subito, l’aspetto più difficile da gestire sia stato quello psicologico. È infatti molto duro ammettere a se stessi di non essere riusciti ad accorgersi di ciò che stava succedendo e di aver continuato a dare credito per settimane o mesi a una figura fantasma. 

La buona notizia è che seguendo senza deroghe le „regole d’oro“ che vi abbiamo suggerito e usando la dovuta prudenza, potrete dedicarvi in assoluta tranquillità alla ricerca dell’amicizia o dell’amore desiderato.

 

 

Foto: (c) 4girls 1Boy/fotolia.com 

EMILIA31, 30.01.2019

Angedrea
1 | 06.03.2019 13:53

Ok per la morale! Ma tutti noi, nessun escluso ha un lato più o meno vulnerabile. Bisogna partire dal vissuto delle persone, non tutti sono svegli! Alcuni lo diventano dopo aver pagato cara l'illusione, altri invece perseverano cadendo nelle trappole del Web, con spirito direi masochista. Guarda il sesso alcuni lo fanno con piacere, altri per soffrire, (si fanno schiacciare i testicoli), altri si fanno frustare. Quindi il mondo gira così, nessuno ha la ricetta miracolosa da elargire.

KwisatzHaderach
1 | 04.02.2019 13:58

Beh, Navy, come dicevo ho fatto anch’io i miei esperimenti, fino al giorno in cui sono rimasto un po’ turbato e disgustato, anche da me stesso. Una bella negretta di un sito di incontri mi ha chiesto se volevo vederla in cam su skype, le ho dato il contatto e quando ci siamo collegati mi ha chiesto se la volevo vedere nuda. “Come no”, ho risposto, ma si capiva benissimo che nella sua stanza c’era qualcun altro che la controllava, perché girava continuamente gli occhi da una parte, evidentemente in cerca di approvazione e permesso. Era chiaro che non faceva nulla di propria volontà, ma stava solo obbedendo a degli ordini. Certamente da sola non si sarebbe sognata di propormi niente del genere. Ho pensato a che razza di vita stesse facendo e ho chiuso il collegamento. Da quel giorno ho smesso di fare esperimenti, perché non stavo facendo altro che dare il mio implicito benestare a un’abietta forma di sfruttamento.

Navyseals
1 | 04.02.2019 00:35

Non si può giudicare e condannare il bisogno d'amore, o di desideri esotici, anche se ti spinge a delle imprudenze,restando vittima di gente, dietro i quali ci sono organizzazioni di neri del Sud Africa che si fingono qualsiasi cosa, si fingono uomini o donne a seconda dei casi, cambiano profili, ma l'indirizzo e-mail è sempre uguale, io ci inzuppo il pane con loro, mi ci diverto, dandoci corda....ahahahaha

KwisatzHaderach
1 | 02.02.2019 11:49

Come spesso accade, si fanno raccomandazioni a chi non ne ha bisogno e i “casi a rischio” restano fuori.
Secondo me servirebbe un servizio pubblico/volontaristico, una sorta di sportello di consulenza, per le potenziali vittime (prima che diventino effettive).
I più deboli sono i maschi che vivono da soli e quelli che hanno un rapporto morboso con la madre, che li tratta come bambini piccoli. Le donne, in genere, per necessità di vita sono più smaliziate. Restano magari preda di furbi seduttori, ma siamo già su un livello di interazione diverso.
L’essere umano è capace di autoilludersi di qualsiasi cosa, se il suo grado di bisogno è sufficientemente forte. La metà di voi crede a minchiate come l’astrologia, in giro è pieno di club ufologici, c’è chi legge libri sui rettiliani… Sono tutte fughe da una realtà soggettiva insoddisfacente. Per carità, si tratta di minoranze, ma se esistono certe agenzie è solo perché i numeri sono comunque importanti: queste agenzie non falliscono.
Un uomo o una donna che credono di trovare l’amore in questo modo, prima di rivolgersi ad agenzie varie hanno già percorso altre strade, hanno esperito altri tentativi, ed è l’esito negativo continuativo a spingerli verso l’ultima spiaggia. Questa gente manca di capacità di auto-analisi, non cerca di capire perché si trova in quella situazione. Perciò in loro c’è anche un buon grado di presunzione nel ritenersi comunque intitolati all’incontro soddisfacente. Molti non si rendono conto di quanto siano poco interessanti, e invece di provare a cambiare sé stessi vogliono chi levi le castagne dal fuoco a nome loro, e sono disposti a pagare per il servizio.
In un certo senso, sono loro stessi a non mettersi su un piano di parità con l’Altro, che considerano come un bene strumentale da comprare. Dicono di avere tanto amore da donare, ma perlopiù si tratta di egoismo e autoreferenzialità, perché il compito che assegnano all’Altro è dare, e a sé stessi quello di ricevere, in quanto “aventi diritto” a prescindere. Hanno personalità infantili, che spesso derivano da un’iperprotezione esercitata dai genitori che ha portato a un blocco della crescita emotiva che non va oltre lo stadio del bambino capriccioso. È la stessa famiglia di personalità di quelli che non riescono a metabolizzare un rifiuto ricevuto.

Michela V.
2 | 31.01.2019 20:25

Premesso che di questo argomento ne avevamo già parlato lo scorso anno:

https://www.club-50plus.it/magazine/internet/quando-lamore-e-una-truffa-come-non-cadere-in-una-quotromance-scamquot-1490.html

...non posso che rimandare a ciò che vedo già scritto in quella occasione!....Prudenza e grande capacità di valutazione.

EMILIA31
0 | 31.01.2019 19:31

Esatto KwisatzHaderach. Basterebbe così poco per difendersi. Purtroppo queste organizzazioni fanno leva sulle debolezze psicologiche di persone sole e ingenue che non riescono (o non vogliono) a discernere la realtà dalla fantasia.

KwisatzHaderach
1 | 31.01.2019 16:33

Per pura curiosità in passato mi sono iscritto, anche pagando, a siti d’incontro “ad alto rischio”, ben sapendo che lì lo scamming era molto praticato. Così ho conosciuto alcune scammers, dando loro la giusta corda. Dietro alle ragazze ci sono quasi sempre organizzazioni criminali, di papponi, così che le poverette che cercano di fregarti in realtà sono le prime vittime.

L’aspetto più stupefacente è la dabbenaggine di quelli che ci cascano che, visti i miserevoli trucchi messi in atto dalle imbroglione, devono avere un QI sottozero o essere emotivamente alla canna del gas. Recentemente ho visto un docufilm molto interessante, in cui un’agenzia americana organizzava viaggi in Ucraina per far incontrare aspiranti mariti (americani) e aspiranti mogli (ucraine). La prima impressione è stata che la stupidità umana sia davvero senza fondo. Qualunque bambino di tre anni è meno ingenuo e fesso dei poveracci seguiti nel documentario, tutti ovviamente destinati a restare disillusi nel peggiore dei modi, cioè con un pugno di mosche dopo aver sborsato un bel po’ di dollari (decine di migliaia, in alcuni casi).

Queste agenzie o le organizzazioni criminali giocano proprio sulla stupidità e la capacità di autoilludersi di questi fregnoni: il nostro peggior nemico siamo sempre noi stessi.