Amarcord estivo

  • Amarcord estivo
    0  | 227 Visite

    “Tutti al mare, tutti al mare a mostrar...” cantava Gabriella Ferri

     

    In tutti noi sono ancora ben vivi i ricordi, così come i profumi e l’atmosfera festosa dei pranzi in spiaggia, a volte veri e propri banchetti consumati a un passo dalla riva o nel fresco delle cabine degli stabilimenti balneari. Si trattava di pietanze facili da trasportare nelle indimenticabili, ingombranti borse termiche rigide (ghiacciaia), da gustare tiepide o fredde, spesso già porzionate o facilmente divisibili, preparate dalla mamma o dalla nonna di casa che si svegliavano di buon ora per cucinare. E poi via verso la spiaggia. 

    A partire dal litorale della Versilia e via via a scendere lungo tutta la penisola, il pranzo al mare assumeva i caratteri di un rito popolare, immortalato in tanti capolavori della cinematografia italiana. La costa tirrenica era all'avanguardia per le strutture balneari dove le famiglie venivano a trascorrere il mese di agosto. Gli stabilimenti (o 'bagni') erano attrezzati per trascorrere comodamente un'intera giornata al mare e al posto dell'ombrellone, per le  famiglie che potevano permetterselo, nei lidi con più spazio a disposizione si potevano noleggiare le “tende”, grandi gazebo dotati di sdraio, lettini , tavolo e sedie.

    Sotto la tenda ci si riparava dal sole, i bambini giocavano e facevano gli immancabili compiti delle vacanze, gli adulti organizzavano partite a carte e all'ora di pranzo ovviamente, ci si metteva a tavola, magari appena usciti dall'acqua, con i piedi nella sabbia: poche cose sono così allegre e informali, veri e propri momenti di socializzazione e aggregazione: sotto tende e ombrelloni si pranzava tutti alla stessa ora, spesso si assaggiavano i manicaretti dei vicini, si invitavano gli amici a condividere il pasto. Le signore si scambiavano consigli su cotture e ricette e non mancavano piccole discussioni sulla giusta versione di un piatto, basti pensare alle tuttora irrisolte questioni sulla presenza dell’uovo sodo nella parmigiana di melanzane o della maionese nell’insalata di riso. E poi, per tutti, adulti e bambini, scattava l’ora del riposino all’ombra per garantire una buona digestione, “conditio sine qua non” per poter accedere al bagno pomeridiano .

    Ed oggi ? Soppiantati da focacce, pizze e tramezzini, senza dubbio pratici e appetitosi ( e generalmente anche molto cari), i tradizionali pranzi al mare sono ormai quasi scomparsi. 

    E se invece provassimo a riscoprire la cucina di casa? Proprio in questo momento  di economia infelice potrebbe aiutarci a ridurre le spese. 

    Con le opportune rivisitazioni salutiste armonizzate ai nuovi trend gastronomici, vi proponiamo un paio di idee culinarie che si potrebbe provare a portare in spiaggia, senza dimenticarsi però di avviare i pochi, pochissimi residui alla raccolta differenziata, come impone la moderna coscienza ecologista.

    Per chi poi non voglia correre il rischio di essere additato come “fagottaro”, così venivano definite a Roma le famiglie che si portavano da casa il fagotto del pranzo, o dove come ad Ostia in virtù di un’ordinanza del Sindaco Virginia Raggi , è ormai vietato il consumo di pasti nelle cabine balneari, rimane sempre l’opzione della tranquillità casalinga del dopo spiaggia, giusta ricompensa di una lunga giornata al mare e, per i meno fortunati, del tempo passato in coda nel traffico del ritorno ( e meno male che le automobili oggi hanno tutte l’aria condizionata!)

     

    Pasta fredda con zucchine, pecorino e scorze di pompelmo

    • Una ricetta leggera dal nome complesso ma in realtà molto semplice, che vi porterà via circa dieci minuti.
    • Ingredienti: 200 grammi di pasta, 90 grammi di zucchine da tagliare alla julienne e 80 grammi di pecorino grattugiato o tagliato a fette sottili. Olive nere snocciolate, 1 pompelmo rosa e un po' di timo fresco.
    • Preparazione: cuocere la pasta. Tagliare le zucchine alla julienne e riporle in un ampio contenitore insieme alle olive nere snocciolate. Aggiungere un pizzico di sale, le foglioline di timo fresco e un filo d’olio di oliva, meglio se contadino. Scolate e versate la pasta nel contenitore insieme a tutti gli altri ingredienti. Spargete le scaglie di pecorino e, gran finale, grattugiate sulla pasta la scorza del pompelmo rosa.

     Frittata al forno con piselli e formaggio feta

    • Una idea originale e di facile realizzazione.
    • Ingredienti: 4 uova, 80 grammi di formaggio feta, pomodori secchi, circa 200 grammi di piselli novelli, un po' di scalogno.
    • Preparazione: rompete le uova e sbattetele in un ampio contenitore. Aggiungete un un pizzico di sale, una goccia di latte e del formaggio feta sbriciolato. Fare rosolare i piselli freschi con poco scalogno per circa 3 – 4 minuti in una padella, non dimenticate di versare prima un filo di olio d'oliva. Versate dunque i piselli rosolati nel contenitore dove avete sbattuto le uova e aggiungete i pomodorini tagliati a cubetti, e ancora un po' di feta grattugiata. Ponete tutto in una teglia con carta da forno e infornate a 180 gradi per circa 10 minuti e il gioco è fatto.

     

    E a voi non piacerebbe tornare, anche soltanto per una volta, a quei tempi  per "passare una giornata al mare solo e con mille lire...." come canta Paolo Conte

      Photo: © Fotalia - Pier Paolo Sposato 



    EMILIA31, 29.06.2017


EMILIA31 0 | 03.07.2017 09:31

  • EMILIA31
  • Ottima proposta, grazie

Nuovi utenti



Impressum | Termini e condizioni | Privacy | Help e contatti | Partner | Programma per i partner | Storie d'amore | Stampa | Pubblicità | Lavora con noi
© 2005-2017 50plus-Treff GmbH