Dating, ovvero il corteggiamento dell'era moderna.

Dating, ovvero il corteggiamento dell'era  moderna.

2 | 307 Visite

Il dating, diretto discendente dell’antico corteggiamento, diviene popolare all'inizio del 1900 soprattutto fra i giovani che volevano affrancarsi dal controllo parentale e avere una propria vita sentimentale spontanea e disimpegnata, lontana dal corteggiamento fino ad allora finalizzato al fidanzamento d’interesse (organizzato dalla famiglia).

Ormai il dating non interessa più solo i giovani, ma persone di ogni età e sesso e, per i più avanti con gli anni, tenere il passo con le nuove regole del corteggiamento moderno rappresenta spesso una sfida.

Sebbene, a dire il vero, i fondamenti del corteggiamento siano rimasti sostanzialmente gli stessi nel corso dei decenni, alcuni aspetti del rituale sono invece cambiati, soprattutto negli ultimi anni.

 

 

Il corteggiamento moderno: equilibrio tra cavalleria e uguaglianza.

Negli ultimi decenni i ruoli di genere sono radicalmente cambiati influenzando a loro volta il modo di corteggiamento maschile e femminile.

Anche se non ci sono regole fisse sui ruoli dei due sessi, oggigiorno è generalmente preferibile tenere un comportamento che ne rispetti la parità.

Mi spiego meglio: la donna può accettare che sia l’uomo a pagare il conto della cena o altro, ma è importante che non dia per scontato che debba essere così, anche se mi rendo conto che per noi cinquantenni e oltre possa suonare strano che un uomo accetti (o peggio chieda) di dividere il conto. Forse va considerato come un modo per non sentirsi in debito con nessuno. Aprire la porta e lasciar passare prima la donna o spostare la sedia per farla sedere, sono invece gesti galanti generalmente apprezzati dalle donne di tutte le età. Rimane il fatto che se una signora preferisce fare le cose da sé, l’uomo dovrebbe accettarlo senza offendersi.

In sintesi, i protagonisti di un corteggiamento moderno dovrebbero fare del loro meglio per comportarsi in modo paritario, senza aspettarsi “trattamenti speciali” basati sui classici ruoli di genere. Le galanterie sono ammesse se apprezzate da entrambe le parti. 

 

Impegnarsi su più fronti.

Per trovare un nuovo partner, oggi più che mai, è necessario attivarsi su più fronti.

Se ricorrere all’aiuto degli amici e agli amici di amici rimane la via preferita, al secondo posto troviamo internet con i siti di incontri on-line.

Per utilizzarli con successo è necessario però prima liberarsi dai tabù e dai timori che circondano il mondo degli incontri on-line.

Certamente può accadere di imbattersi in qualche truffatore/truffatrice (anche in questo caso vale la parità di genere). I siti seri come il nostro si adoperano con tutti i mezzi a disposizione per tenere “pulito” il portale, rimuovendo tali profili e valorizzando piuttosto la presenza di migliaia di persone che in buona fede cercano amicizia o un nuovo partner.

Dotandosi di un po’ di iniziativa e di coraggio (il primo appuntamento ne richiede una buona dose) ci si butta nel nuovo mondo fatto di partecipazione ai Forum, scambio di messaggi in chat, Speed date (non nel Club-50plus !). Insomma la varietà di canali dovrebbe assicurare di poter conoscere in breve tempo tante persone tra le quali potrebbe esserci l’amore o l’amicizia che si cercava da tempo.

 

Proteggersi dalle truffe con l’aiuto di Google

Da qualche anno ci siamo abituati a cercare in Google il nome di una certa persona per raccogliere più informazioni possibili. Lo abbiamo fatto tutti, sia in ambito lavorativo che privato.

Per la maggioranza di coloro che hanno una vita “normale” e hanno superato la soglia degli -anta, le informazioni che si trovano in rete sono ben poche. E questo è normalmente un buon segno.Tuttavia quando visualizzando un certo profilo nel sito di incontri si percepisce qualcosa di sospetto, Google può essere di grande aiuto per stare lontani dai guai. Ad esempio, virgolettando un estratto di un testo sospetto e inserendolo nella ricerca di Google, si potrà scoprire se sia già presente in internet. In questo caso è molto probabile che chi ve lo ha mandato sia uno scammer o un truffatore. Lo stesso tipo di ricerca può essere fatto con le fotografie postate nei profili.

Utilizzando la funzione di ricerca delle immagini inverse di Google, è possibile scoprire se un’immagine è autentica o è stata “rubata” da qualche parte sul web. Insomma, specialmente in caso di incontri effettuati in rete, non sentiamoci in colpa se ogni tanto cediamo alla tentazione di Googling. 

Concludiamo con una regola in caso di incontri on-line che sembra di mero buon senso, ma che purtroppo viene ancora troppo spesso disattesa: mai inviare denaro a chi si è incontrato in rete. Ricordatevi che non ci sono eccezioni di nessun genere a questa regola!

 

Tenendo presente questi pochi consigli, potrete continuare a navigare in sicurezza e con successo nel mondo degli incontri on-line.

 

Foto: (c) Artinspiring/fotolia.com 

 

E voi cosa ne pensate?  In cosa trovate cambiati i modi di approcciarsi tra i due sessi? In meglio o in peggio?

EMILIA31, 20.09.2018

astreo
1 | 30.10.2018 00:18

mi sembra utile e di buon senso