Perché ci sentiamo felici quando nevica?

Perché ci sentiamo felici quando nevica?

1 | 173 Visite

Quando inizia a nevicare: il mondo si ferma, guarda fuori dalla finestra e rallenta.

I bambini costruiscono pupazzi di neve e anche gli adulti lo fanno, mentre le folate di neve pungono loro il viso.

Perché la prima neve viene sempre accolta come si farebbe con una diva?

Prima di tutto per la magia con cui appare, nel silenzio ovattato, al cadere dei primi fiocchi il cuore batte più forte. Lo sanno bene i bambini contenti poter finalmente cavalcare la loro slitta o di preparare le palle di neve per la battaglia o, meglio ancora, per provare a infilarle dentro il colletto del loro papa!

 

La prima volta.

Per chi non ha mai visto la neve, la prima impressione è poi particolarmente forte. L'autore Joshua Groß si trovava a Barcellona quando è nevicato e racconta: "C’era un'atmosfera quasi mistica perché molte persone vedevano la neve per la prima volta. Persino le ballerine di strip-dance erano uscite dal club dove stavano lavorando, rimanendo incantate sul marciapiede avvolte nelle loro pellicce finte. C’era una luce era giallastra e la neve cadeva tra le palme".

 

I cristalli di neve sono lettere dal cielo.

 Per il fisico giapponese Ukichiro Nakaya, tuttavia, la neve fu amore a seconda vista. In realtà, nel 1930 aveva voluto prendere una cattedra di fisica nucleare all'Università di Hokkaido a Sapporo. Ma poiché il suo istituto era a corto di denaro, Nakaya si dedicò alla ricerca sulla neve. Ce n'era in abbondanza e gratis. Nakaya ha microscopato le formazioni esagonali e ha studiato gli effetti delle condizioni atmosferiche, provando infine a creare per la prima volta un cristallo sull'erba artificiale. Non è stato così facile. Mentre l'acqua congelata si trasforma in ghiaccio, i cristalli di neve si formano dallo stato gassoso. Per fare questo, hanno bisogno di un piccolo nucleo di cristallizzazione, una particella di polvere per esempio. Finalmente ci riuscì nel 1936. Il primo cristallo creato in condizioni di laboratorio è cresciuto sulla punta della piuma di una gru. "I cristalli di neve sono lettere dal cielo", scrisse a tal proposito il fisico estasiato.

 

La neve nella pittura.

Anche gli artisti hanno dovuto prima imparare ad amare la neve. Anche se per molto tempo è stata vista come una minaccia, la prospettiva cambiò durante il periodo romantico. L'incontaminato paesaggio innevato divenne un luogo nostalgico per coloro che si erano allontanati dalla natura. Da allora le anime degli artisti si dilettarono a rappresentarla nei suoi diversi colori. Gli impressionisti furono dei veri esperti in questo senso. Dato che la neve è in realtà incolore, la luce in arrivo si rifrange così spesso sulla sua complessa struttura che appare bianca. Poiché i cristalli agiscono anche come uno specchio, riflettono un bagliore caldo al tramonto o appaiono blu a densità maggiori. Nei dipinti di Monet si possono trovare quasi tutti I colori, dal rosa pallido al blu scuro.

 

Il silenzio della neve.

Infine, ci sono quelle persone che sono state a lungo fedeli alla neve, forse perché la tranquillità ne accarezza l’animo. Si dice che la neve cada in silenzio, ma anche il mondo diventa più tranquillo quando nevica. Da un lato, il manto nevoso, che è pieno di cavità, inghiotte i suoni, e dall'altro, la neve che cade agisce come una specie di tenda, impedendo al suono di diffondersi.

I passi scricchiolano forte in un mondo addormentato dall'inverno. E quanto è piacevole sorseggiare un tè scaldandosi accanto al camino dopo un'escursione sulla neve?

 Il desiderio di un bianco Natale è spesso un'idea romantica di intimità, dal punto di vista psicologico può essere vista come una trasfigurazione.

La neve può ancora essere mortale, eppure continua a lanciare il suo incantesimo scintillante su di noi.

 

 

Così come sono moltissime le persone che amano la neve, ce ne sono tante che invece la detestano. E voi, di quale gruppo fate parte? Cosa vi ispira un paesaggio innevato?

 

Foto: pwmotion/Adobe Stock    

EMILIA31, 29.12.2021

EMILIA31
0 | 30.12.2021 12:05

Hai ragione. Dopo 22 inverni bavaresi, devo dire che la prima nevicata continua ad emozionarmi, mentre la tolleranza al freddo e al ghiaccio diminuiscono di anno in anno. Sarà l'età......

KwisatzHaderach
1 | 30.12.2021 00:08

La neve nuova è sempre meravigliosa. In alcuni posti (Roma) è inattesa, e dà una visione nuova della città. E poi copre tutti gli obbrobri e le schifezze dei nostri centri urbani. Poi, certo, è legata a ricordi d’infanzia, di protezione e di calore. E al periodo natalizio, coi regali etc. Poi permette di sciare, e chi è cresciuto sugli sci capisce.

Però, come per ogni cosa, va bene a piccole dosi, o perché espressamente la si cerca, la si desidera. Un inverno a Mosca a -27° (io ne ho fatti 4) ti fa passare la voglia, e non vedi l’ora che venga marzo. Una volta, uscendo dal Bolshoj (molto caldo, dentro) mi sono trovato in un blizzard a -14°. E non è divertente, neanche un po’.