Siamo ciò che pensiamo.

Siamo ciò che pensiamo.

2 | 793 Visite

L'ottimismo è generalmente considerato una caratteristica molto positiva del carattere di una persona. 

A tutti piace circondarci di persone che padroneggiano la propria vita con ottimismo e fiducia. Tuttavia non è facile, così come non lo è riuscire sempre a vivere il quotidiano e soprattutto a guardare al futuro con serenità. 

Le esperienze vissute, i dolori o le difficoltà affrontate nel corso degli anni influenzano inevitabilmente il nostro atteggiamento nei confronti della vita. Dal momento però che non possiamo vivere nel passato (che non si può cambiare) né essere ossessionati dal timore per il futuro (che deve ancora arrivare), non rimane altro di sensato da fare che predisporci a riprogrammare il modo di pensare e vedere le cose, imparando a coglierne il lato positivo.

In sostanza dipende da noi se vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto.

 

Ottimismo e aspettativa di vita.

Per decenni, medici, sociologi e psicologi hanno studiato se un atteggiamento mentale positivo possa avere un impatto sull'aspettativa di vita di una persona. 

Nel 2004 la Harvard Medical School ha avviato uuna ricerca su circa 70.000 donne, continuando poi a tenerle sotto osservazione per gli 8 anni successivi all’intervista. È risultato le donne che si erano dimostrate più pessimiste, risultavano essere soggette a malattie serie molto più spesso di coloro che si erano dimostrate ottimiste.

 Le conclusioni porterebbero ad affermare dunque che la probabilità ammalarsi aumenta significativamente con il grado di pessimismo. Per quanto possa sembrare semplicistico, i risultati dello studio suggeriscono effettivamente che un atteggiamento più positivo nei confronti della vita ha un impatto significativo sulla durata della stessa e in generale sulla nostra salute.

 

La salute del cuore.

A conclusioni simili arriva anche un altro studio che ha affrontato esplicitamente la relazione tra gli atteggiamenti personali nei confronti della vita e lo stato di salute del cuore. 

Lo studio a lungo termine condotto nel dipartimento di scienze sociali dell'Università dell'Illinois, ha valutato i dati di 6.000 cittadini statunitensi per un periodo di 11 anni (2000-2011).  I risultati hanno dimostrato una concreta correlazione tra la buona salute del cuore e un atteggiamento positivo e ottimista. L'ottimismo può quindi essere considerato a tutti gli effetti un fattore importante nella prevenzione delle malattie cardiache (sebbene i motivi della sia pure comprovata correlazione tra i due fattori non siano ancora stati compresi del tutto).

 

Piccoli passi per cominciare a pensare positivo.

Non si può pensare di stravolgere la personalità. Una persona piuttosto pessimista, nonostante tutta la buona volontà, non può diventare completamente diversa e vedere improvvisamente tutto il mondo tinto di rosa. L'ottimismo è una scelta strettamente relazionata con la riflessione e l’esercizio personale. Pensare positivamente non è una cosa che avviene dall'oggi al domani, ma tutti noi abbiamo l’opportunità di confrontarci con la vita con uno sguardo nuovo, senza rinnegare totalmente noi stessi. Questa capacità, come detto,  non è innata, ma può essere appresa col tempo le esperienze di vita individuali.

 

Suggerimenti per un atteggiamento ottimista nei confronti della vita.

L'ottimismo presuppone un atteggiamento interiore in cui due cose sono importanti: la fiducia nelle proprie risorse e la convinzione di poter esercitare il controllo sulla propria vita. 

Ecco alcuni semplici consigli :

1) Analizzare oggettivamente le situazioni problematiche e mettere per iscritto le diverse possibili soluzioni.

2) Considerare le critiche in modo obiettivo e non personale.

3) Vedere un eventuale fallimento come un errore e una lezione di vita da cui ripartire.

4) Fare in modo che l’ultimo pensiero della giornata sia positivo.

6) Imparare ad  accettare la paura del nuovo e a non avere eccessive pretese nei confronti di se stessi.

7) Essere convinti di ciò che si fa per trovare la forza di andare sempre avanti nonostante tutto.

 

E voi cosa ne pensate di questo tema? Pensate che, come suggeriscono i risultati di tanti studi, con l'atteggiamento giusto si vive meglio sicuramente meglio, ma anche in salute e più a  lungo?

 

 

 Foto: jesadaphorn/Adobe Stock 

 

EMILIA31, 21.11.2019