L´Oktoberfest di Monaco di Baviera

L´Oktoberfest di Monaco di Baviera

2 | 1095 Visite

Siete davvero sicuri di sapere tutto sull´Oktoberfest? La prima festa della birra si svolse la prima volta il 17 ottobre 1810 in occasione del matrimonio del principe elettore Luigi, il futuro re Ludwig I e la principessa Teresa Charlotte Louise di Sassonia-Hildburghausen. Il primo festival era in origine una corsa di cavalli, ma è stato rinnovato l'anno successivo a causa del suo successo. Il campo in cui si è svolta la gara fu battezzato in onore della principessa "Theresienwiese" (il prato di Teresa). Il luogo delle celebrazioni, situato nel 1810 ancora lontano dalle porte della città è ormai quasi in centro. Sin dal primo festival erano presenti punti di ristoro, che servivano birra e vino. Nel corso degli anni, i festeggiamenti si sono moltiplicati e le tende sono cresciute sempre di piú fino a quando la festa é diventata nota in tutto il mondo come "Oktoberfest" o "Festa della Birra ". Oggi, un enorme luna park con centinaia di attrazioni circonda l´intero campo per i visitatori di tutte le età.

 

Il programma

Il primo sabato della festa alle 12 il sindaco di Monaco, Dieter Reiter, aprendo il barile di birra, dá ufficiallmente inizio ai festeggiamenti. Una solenne apertura con le famiglie dei locandieri, carrozze e le birrerie di Monaco con la banda musicale.

La Domenica dopo l'apertura si svolge una seconda processione, unica al mondo, con oltre 8.000 partecipanti in costume, lungo diversi chilometri per il centro di Monaco. Martedì dalle 12 è tradizionalmente la giornata dedicata alle famiglie. Il primo Venerdì alle ore 10 si tiene una celebrazione ecumenica nella tenda "Marstall". Il secondo fine settimana è il cosiddetto "Weekend degli italiani" - la seconda Domenica alle ore 11.00, si può assistere a diversi concerti tradizionali, infine Domenica 4 Ottobre alle 12:00 si spara il famoso cannone per festeggiare la fine all'Oktoberfest.

 

Un po´ di numeri

Il prezzo di un bicchiere di birra da 1 litro (maß) varia tra i 10,10-10,40 € a seconda delle tende. Quasi sette milioni di visitatori vengono per due settimane nella capitale bavarese a bere quasi 6 milioni di litri di birra. Questo festival dovrebbe portare in 16 giorni, circa un miliardo di euro per l'economia locale. Le fabbriche di birra Augustiner, Hackerbräu, Hofbräuhaus, Löwenbräu, Paulaner, e Pschorr Spatenbräu cominciano nel mese di luglio a montare le loro "tende della birra" (14 in tutto), sale giganti reali. Fino a 6000 persone si riuniscono lì intorno un palco, dove un'orchestra scalda il pubblico con melodie popolari. Le cameriere e i camerieri si fanno strada tra la folla, a volte carichi di una decina di boccali sulle braccia! Lo scorso anno sono stati consumati 118 buoi, 53 vitelli, circa 506 mila polli e 120.000 salsicce di maiale.

 

Il vestito "tradizionale"

Da tutto il mondo, i visitatori hanno adottato l'abito tradizionale a volte comprandolo in fretta in uno stand: pantaloni di pelle di camoscio (lederhosen) camicia a quadri e bretelle per gli uomini, vestiti con corpetti e gonne ampie per le donne (dirndl).

Gabriele Papke, capo dell´ufficio stampa dell´Oktoberfest, spiega: "Negli anni 1970-1980, siamo andati all'Oktoberfest in jeans, vestiti in abiti civili, in modo del tutto normale. Si è visto anche nei film e foto degli anni 60, gli unici che indossavano lederhosen e dirndl erano quelli che venivano dale campagne. Successivamente, negli anni 90 la "modalità Landhaus" (stile rustico) fece la sua ricomparsa. Oggi, i costumi tradizionali sono diventati un must have. Il tessuto del Dirndl puó essere cotone o seta, e la gonna é romanticamente incorniciata da un grembiule che di chiude con un fiocco. Quest'ultimo è molto importante perché il modo di legare dà indicazioni precise sulla disponibilità di chi lo indossa. Se il grembiule è legato alla destra, è una donna impegnata. Sulla sinistra, è il contrario. Mentre se é annodato dietro, si tratta di una vedova. Infine, in passato le giovani vergini lo chiudevano nella parte anteriore al centro – una pratica oggi in disuso – per fortuna!

Cosa ne pensate di questa grande festa popolare tradizionale? Avete mai avuto la possibilità di andarci?

 

Photo: © Fotalia Kzenon 

EMILIA31, 30.09.2015

Questo articolo non ha ancora alcun commento.