Amici o amanti?

Amici o amanti?

2 | 1017 Visite

Molte sono le cause per cui può essere difficile trovare la persona giusta e muoversi nei meandri del dating può diventare a lungo andare faticoso e frustrante.

 A chi non è capitato a un certo punto di fantasticare su quella consolidata amicizia che potrebbe forse trasformarsi in qualcosa in più?

Attenzione, non stiamo parlando dei così detti „trombamici“ ma di amicizia o di amore, sentimenti che, sebbene prevedano entrambi un legame interpersonale e una certa intimità, si concretizzano in relazioni con dinamiche spesso nettamente diverse.

 

Prima dare ascolto ai sentimenti e organizzare un’uscita romantica con una persona amica, sarebbe meglio meglio porsi qualche domanda.

 

L’interesse è reciproco?

Se è già chiaro che l’ amico non ha alcun interesse sentimentale nei vostri riguardi, confessargli un coinvolgimento sentimentale da parte vostra, metterà probabilmente a dura prova l’amicizia. Pertanto, è sempre meglio cercare di capire prima se il sentimento sia reciproco.  Come scoprire se i vostri sentimenti sono unilaterali? Innanzitutto prestando attenzione al modo in cui interagite quando siete insieme. Capita spesso che vi guardiate a lungo e intensamente? Vi abbracciate? Il vostro linguaggio non verbale è scherzosamente intimo? Quando parlate o scrivete, vi trovate a flirtare con sottile malizia? Prestate dunque attenzione a questi segnali e fidatevi dell’istinto. Una relazione basata sul rispetto e sull'attrazione reciproca avrà una buona possibilità di successo.

 

Riesci realisticamente a immaginare un appuntamento galante?

Un appuntamento romantico con un vostro amico. Questa idea, sebbene vi spaventi un po’, vi sembra anche eccitante ed emozionante senza farvi sentire a disagio? Se vi viene più naturale immaginare un’uscita informale come amici piuttosto che una romantica serata a due, è sicuramente meglio mantenere l’amicizia puramente platonica.

 

Avete la stessa posizione sulle questioni importanti?

Esistono diverse forme di amicizia. 

Abbiamo amici con cui ci piace passare il tempo ma che non vorremmo mai sposare. Una persona con cui si esce volentieri in allegria, è divertente da frequentare ogni tanto ma come sarebbe nella quotidianità di una convivenza? In genere un rapporto di amicizia è plastico, nel senso che ci consente di accettare differenze significative di vedute tra due persone che comunque vivono in modo indipendente l’una dall’altra. Diverse abitudini, ad esempio di spesa o di gestione della casa per non parlare dell’orientamento politico o religioso, avranno dunque un impatto minimo sulla nostra vita quotidiana. Quando si considera un amico come un potenziale partner invece, le abitudini, i valori e le priorità personali diventano decisamente molto più importanti. Forti differenze sulla visione morale e negli obiettivi di vita porteranno inevitabilmente, tanto più se si parla di persone che hanno raggiunto una certa maturità anagrafica, a conflitti.

 

Potete accettare che non sarà mai più come una volta?

Iniziare una storia d'amore con un amico, cambierà in modo permanente la natura della relazione. Anche se non bisognerebbe essere intimiditi dal fiorire dei nuovi sentimenti, bisognerebbe chiedersi quanto si sia davvero disposti ad accettare il cambiamento nel rapporto con l’altra persona. Comunque vadano le cose in futuro infatti, non sarà mai più lo stesso. I sentimenti aumenteranno la componente emotiva e una relazione sessuale stravolgerà il legame. Se le cose non funzionassero, potreste accettare potenzialmente di confrontarvi con un rapporto d’amicizia cambiato o addirittura sareste disposti a perdere quella persona anche come amico? Se l’amicizia è troppo preziosa per rischiare di rovinarla, allora meglio rinunciare.

 

C’è una comunicazione aperta e sincera?

La comunicazione è uno degli aspetti più importanti di qualsiasi relazione, sentimentale o di amicizia.

Siete in grado di parlarvi apertamente e onestamente? Essere in grado di discutere di sentimenti, delle frustrazioni personali e dei progetti futuri è un  punto cruciale per costruire una relazione forte e sana. Specialmente nel momento in cui l’amicizia si sta trasformando in una relazione più seria, la comunicazione avrà un ruolo particolarmente importante nel successo o nel fallimento della storia d'amore. Riuscite a esprimere onestamente i vostri desideri e le vostre esigenze? Discutere apertamente dei propri sentimenti è difficile, farlo è cruciale per la relazione. Se non siete in grado di comunicare a un livello più profondo, pensare di trasformare un’amicizia in una relazione d’amore, potrebbe non essere la cosa giusta da fare.

 

Se pensate che valga la pena rischiare, allora coraggio! Potreste scoprire che l’ anima gemella tanto cercata è sempre stata al vostro fianco.

 

Foto: Mangostar(c) /fotolia.com 

EMILIA31, 14.02.2019

KwisatzHaderach
1 | 16.02.2019 14:11

La tua visione della trombamicizia sarà basata sulla tua esperienza, ma non certo su quella degli altri. Quindi le tue conclusioni sono del tutto personali e limitate in quanto tali. Una trombamica può essere un’ottima amica con qualcosa in più (parecchio rilevante, in alcuni casi). Esistono infinite sfumature in ciascuno degli aspetti della trombamicizia, dall’importanza del sesso a quella della relazione amicale. Come ho già detto, può accadere che nel complesso una trombamicizia sia meglio di un rapporto di coppia, perché alcuni aspetti naturali ma sgradevoli di quest’ultimo restano esclusi di default.
In un paio di casi ci siamo chiesti, lei e io, se fosse il caso di rendere esclusivo il nostro rapporto, trasformandolo in una relazione di coppia. E in entrambi i casi abbiamo concluso che era senz’altro meglio di no.

Più la gente diventa vecchia, più è portata a tirare conclusioni su cose di cui non sa nulla, o a credere che tutto quello che non è capitato a loro non possa capitare agli altri. Età e saggezza non sono correlate.

ultimo
1 | 15.02.2019 08:13

La relazione con una donna (ma credo sia uguale anche sull’altro versante) è un insieme complesso e indistinto di umori e di odori. Non so più chi lo ha scritto ma mi piace. La fisicità è fondamentale. Nel suo momento iniziale è un’emozione e sfugge a qualunque regia. La relazione con una trombamica è un ballo in maschera nel quale importante è il tromba e quasi insignificante tutto il resto, è superfluo anche parlare di amica perché quella persona, più che persona, è solo la risposta a un bisogno momentaneo. Ma siccome non si può vivere solo di emozioni e prima o poi bisogna metter “la testa a posto”, è inevitabile che ci si ponga delle domande, prima tra tutte che tipo di vita intendo fare con quella donna e cosa le posso offrire. Per quanto tempo bisogna porsele? Gli orologi non sono tutti sincronizati e non sono dotati del medesimo processore. A me è bastato un anno, ma erano tempi diversi da oggi. E oggi, soprattutto quando si ha alle spalle un fallimento sentimentale ed esistenziale, non c’è solo la fisicità da mettere in conto ma anche una testa è già più “a posto”. Rimane tuttavia la domanda alla quale non possiamo non dare risposta: “cosa cerco?”. Oltre i 50 si è ormai in grado di rispondere senza ipocrisie. L’idea dell’anima genella mi sembra il relitto di un passato che non torna più. I parametri di riferimento sono mutati e non possiamo ignorarlo. Credo che ciò a cui bisogna puntare oggi è di “star bene insieme” perché non c’è più l’urgenza di “farsi una famiglia” ma di trovare serenità e dialogo. Quanto, come, quando? Ogni coppia si stabilisce la sua regola e non si può generalizzare. Il tempo che ci vuole, la situazione più idonea, il modo che non ci crea ansia. Non siamo più ragazzi.

Michela V.
1 | 15.02.2019 07:39

Tengo molto all'amicizia. Ho amici con i quali la comunicazione è fantastica: ci si parla tranquillamente passeggiando, bevendo un caffè , andando a cinema. Ci si scambia opinioni, consigli, ci si racconta. Personalmente non mi è mai capitato che sfociasse in altro: so essere amica e basta. L'amicizia aperta e sincera è importante, da parte mia sa restare tale. Di contro conosco persone alle quali è capitato tranquillamente che l'amicizia diventasse una relazione d' amore. Forse quello che può compromettere una sana amicizia è ciò che può subentrare: slancio sessuale, slancio sentimentale/amoroso se non corrisposti.

KwisatzHaderach
2 | 14.02.2019 15:28

Se sei stato a lungo amico di una donna e non ci hai mai avuto una storia, i casi sono due: a) a uno dei due non andava prima, e non si vede perché debba aver cambiato idea. Sei di quelli che provano a prendere o si fa prendere per stanchezza? Ah, beh, allora... b) uno dei due o probabilmente entrambi siete alla frutta, nel senso che la carne chiama ma là attorno non risponde nessuno, salvo l'amico/a.
'Ste cose le evito come la peste, perché forzare/forzarsi per disperazione è da sfigati. Ci metti anni per capire che... tutto sommato... "non è poi così male, dai"? Se ci hai messo anni, c'è un bel perché. Anzi, probabilmente più di uno. Se una mi piace, mi piace SUBITO, non dopo un mese o un anno. Se non mi piace subito, mi fido del mio giudizio istintivo: è NO.
Giustamente, vien detto che i trombamici sono tutta un'altra cosa. E' vero, e la relazione con una trombamica può essere anche assai meglio di una relazione canonica.