Il sesso aiuta a prevenire la demenza? Sì!

Il sesso aiuta a prevenire la demenza? Sì!

0 | 195 Visite

La notizia del momento arriva diretta dall´universitá di Conventry in Inghilterra. Fare l’amore dopo i 50 anni aiuta contro la demenza. Una notizia che giunge a noi grazie ad uno studio condotto dagli scienziati della nota univeristá inglese che porta a vedere sotto una luce completamente diversa la ricerca di intimità con il progredire degli anni.

 

I benefici del sesso

Un’attività sessuale sana e prolungata, è risaputo, apporta benefici. Non è una novità che il sesso (o meglio l’orgasmo, N.d.R.) possa aiutare a combattere il mal di testa funzionando come un antidolorifico, o ancora a comportarsi come un valido strumento antistress. Queste sue peculiarità sono dovute al rilascio della serotonina: l’ormone della felicità. E sullo stesso meccanismo si basa il beneficio che l’intimità porterebbe nel combattere il presentarsi della demenza. Per giungere alle loro conclusioni i ricercatori hanno analizzato la vita sessuale e le capacità cognitive di circa 6.800 uomini e donne di età compresa tra i 50 e gli 89 anni.  Essi sono stati sottoposti a test di memoria numerica e linguistica ed è stato chiesto loro di ricordare specifiche sequenze di numeri e parole.

E’ emerso da questa sperimentazione che gli uomini che erano attivi sessualmente riportavano le esatte risposte e maggiore capacità mnemoniche in circa il 30% dei casi rispetto a coloro che non vivevano più l’intimità. Numeri che scendevano al 14% tra le donne. Lo studio, pubblicato sulla rivista di settore Age and Ageing illustra come, secondo gli scienziati, tale beneficio contro la demenza sarebbe da attribuire in particolare a due ormoni rilasciati nel corso dell’attività sessuale: la dopamina e l’ossitocina. Due sostanze che sono collegate alla sensazione di ricompensa e per questo stimolerebbero le aree del cervello assegnate alla memoria ed all’apprendimento.

 

Come fare

La psicosessuologa Pauline Brown afferma: "ogni parte del corpo deve essere mantenuta in esercizio e in buona forma e dal momento che il sesso innesca molteplici cambiamenti nel cervello, lo rende inevitabilmente piú agile e capace." Chiaramente ci sono delle barriere fisiche causate dall´etá, ma questi risultati dimostrano quanto sia importante che le coppie mantengano questa parte di intimitá nella relazione forte e in salute. "Il sesso é una parte chiave dell´essere umano, sia che sia un adulto o qualcuno in etá avanzata. Incoraggia le persone a sentirsi bene e ad essere piú positive sulla vita, piú propense a mangiare meglio e perseguire altre attivitá salutari come ginnastica o il ballo".

 

Consigli pratici

Questo sottolinea l´importanza di mantenere una relazione fisica il piú a lungo possibile, provando che il sesso ha effetti positivi sia sulla mente che sul corpo e spirito. Semplicemente perché la societá non si aspetterebbe che le persone piú anziane abbiano una vita sessuale attiva, non significa che non sia cosí.

La dottoressa Clare Walton, ricercatrice presso la Societá di Studi per Alzheimer sostiene. „Sappiamo che i senior che mantengono corpo e mente attiva hanno un rischio ridotto di demenza“. Oltre all´attivitá sessuale, l´universitá di Sterlinga ha svelato altri elementi che riducono il rischio di peggioramento nella malattia. Include il ballo, pesce (Omega3), the verde e persino il classico bicchiere di vino rosso.

 

 

Quindi che aggiungere?  Che ne pensate della notizia? 

 

 

Foto: Monkey Business / Adobe stock

EMILIA31, 18.08.2022